Il capo della microgestione rende miserabile la vita dei suoi dipendenti, ottiene ciò che gli sta arrivando

A nessuno piace un micromanager . Avvelenano l'intero posto di lavoro. Quindi, quando il nuovo capo di Redditor PugC si è rivelato essere uno di loro, ha reso il loro lavoro miserabile.

Invece di concentrarsi sulle loro effettive responsabilità, PugC ha dovuto scrivere innumerevoli (e lunghi!) rapporti che non servivano a nulla.

Questo fino a quando il boss non ha dovuto spiegarsi ai vertici e ha cercato di fare di PugC il capro espiatorio del peggioramento delle prestazioni dell'intera squadra. Il Redditor ha presentato tutte le prove al consiglio e giustizia è stata fatta.

I micromanager possono rendere il posto di lavoro un vero inferno

Crediti immagine: Taisiia Shestopal (non la foto reale)

Questo, però, ha avuto quello che si meritava

L'eccessiva supervisione che i micromanager sottopongono ai propri dipendenti danneggia l'intera azienda.

Dima Suponau, cofondatrice di Number For Live Person , crede che il micromanaging sia persino una forma di bullismo perché si tratta di cercare il controllo. Quindi non sorprende che di conseguenza i dipendenti si sentano privati ​​del diritto di voto, umiliati, sminuiti e la loro salute mentale si deteriori.

Ecco alcuni dei modi in cui soffriamo tutti quando i nostri capi si concentrano troppo sull'esame accurato di ogni nostra mossa:

  • Problemi di salute come depressione, ansia, problemi di sonno e affaticamento;
  • Aumento dello stress che colpisce tutte le aree della loro vita;
  • Deterioramento dell'autostima e della fiducia;
  • Mancanza di motivazione;
  • Paura di perdere il lavoro, essere retrocessi o subire ritorsioni.

Non c'è una risposta diretta al motivo per cui le persone microgestiscono. Forse temono il fallimento, hanno un estremo bisogno di controllo e dominio, sono inesperti nella gestione, hanno insicurezze o non si fidano dei membri del loro team.

Se sospetti di essere microgestito (o se ti stai chiedendo se sei un micromanager), ecco un elenco delle caratteristiche più comuni che lo dimostrano:

  • Evitare la delega;
  • Essere eccessivamente coinvolti nel lavoro dei dipendenti;
  • Richiedere aggiornamenti frequenti e rapporti sullo stato;
  • Sentendo il bisogno di essere cc'd in ogni e-mail;
  • Insoddisfazione e lamentele costanti;
  • Non lasciare spazio a iniziative creative e scoraggiare il processo decisionale indipendente;
  • Evitando di trasmettere abilità e conoscenze.

Fortunatamente, l'allenatore di carriera di Relaunch Me , Leah Lambart, ha affermato che con un'attenta attenzione e azione, i dipendenti potrebbero essere in grado di migliorare la loro situazione lavorativa se finiscono per lavorare per un capo simile a quello della storia. Ecco 5 consigli che ritiene possano essere utili:

Comprendi i fattori scatenanti. Dal momento che le persone possono microgestire per una serie di motivi, potrebbero anche non rendersi conto che lo stanno facendo.

“Il più delle volte, potrebbe essere dovuto a un tratto della personalità. Spesso gli individui con forti tendenze organizzative e di pianificazione hanno difficoltà a delegare. Trovano difficile fidarsi che qualcun altro possa fare il lavoro bene come loro, o nei tempi che si aspettano", ha spiegato.

Potrebbe essere difficile, ma se vai a fondo di ciò che fa scattare il tuo capo, allora sarai meglio attrezzato per affrontarlo.

Quindi, crea fiducia. È la chiave per qualsiasi relazione sana, personale o professionale.

Secondo Lambart, "La fiducia richiede tempo per essere costruita, quindi devi guadagnarla dimostrando al tuo manager che sei al passo con le cose, assicurandoti che le attività vengano completate in tempo e avvisandolo quando ci sono ritardi".

Tenere informato il tuo capo sullo stato di avanzamento del tuo lavoro può fare miracoli per te. "A volte la costruzione di una relazione personale può anche contribuire a migliorare la fiducia tra due parti".

Apri un dialogo sulla situazione. "La microgestione può spesso avere un effetto molto negativo sui dipendenti, causando morale basso, mancanza di fiducia, creatività soffocata e una generale perdita di indipendenza e libertà", ha sottolineato Lambart.

"Se ritieni che le tendenze di microgestione del tuo capo stiano influenzando la tua capacità di svolgere il tuo ruolo al meglio delle tue capacità, allora potrebbe essere utile affrontare il problema in modo sensibile e discreto", ha affermato.

“Devi spiegare educatamente come ti fa sentire il loro comportamento e avere anche alcuni esempi specifici a portata di mano. Potresti anche voler spiegare che sei più soddisfatto sul lavoro quando ti senti potenziato e puoi lavorare in modo indipendente".

Fatta con rispetto, questa conversazione potrebbe davvero aiutarti. Qualche volta.

Ma è anche importante stabilire confini e aspettative. "Come parte del [discorso] di cui sopra, potrebbe essere utile stabilire ulteriore chiarezza sulle responsabilità del ruolo e sulle aspettative di entrambe le parti in modo che non ci siano interpretazioni errate", ha consigliato Lambart.

“Stabilire chiarezza su tempi, metodi e canali di comunicazione previsti. Se entrambe le parti sono consapevoli di ciò che ci si aspetta in termini di comunicazione, allora è meno necessario che i manager controllino costantemente", ha affermato.

Spesso è una buona idea continuare a essere proattivi e parlare con il tuo capo, assicurandoti che sia soddisfatto del tuo risultato. Potrebbe impedire che le cose tornino come erano.

"Se il tuo manager vuole essere informato regolarmente, imposta un canale di comunicazione regolare per tenerlo informato prima che debba chiedere", ha suggerito Lambart.

Ma se tutto fallisce, chissà, forse anche la conformità dannosa può funzionare. Dopotutto, lo ha fatto per PugC.

La gente era contenta di sapere che tutto è andato come è andato

Il capo del post Micromanaging rende la vita dei suoi dipendenti miserabile, ottiene ciò che gli sta arrivando è apparso per la prima volta su Bored Panda .

(Fonte: Bored Panda)