I proprietari di case di “Make It Right NOLA” non hanno ancora ricevuto risposte da Brad Pitt

Per anni, Brad Pitt ha cercato di evitare la copertura della catastrofe di Make It Right NOLA. Dopo l'uragano Katrina, Brad ha organizzato MIR NOLA come un modo per ricostruire diversi quartieri di New Orleans con case economiche ed ecologiche. Ha messo insieme il progetto con diversi architetti, ha raccolto fondi per questo e non ha potuto prendersene abbastanza credito per anni. Ha ottenuto una stampa brillante e tutti sono caduti su se stessi per lodare il suo progetto geniale. Anni dopo la costruzione delle prime case MIR, l'intera cosa è andata in pezzi. Le case erano scadenti e gocciolanti. C'era muffa tossica ovunque. Ogni casa MIR era inabitabile e le persone della classe operaia che hanno acquistato il programma MIR sono state gravate da mutui di 30 anni sulle case che stavano cadendo a pezzi.

Quindi, i proprietari di casa MIR hanno citato in giudizio nel 2018 . Brad Pitt è stata una delle persone citate in giudizio in una class action, anche se ha cercato disperatamente di essere rimosso dalla causa . Ha anche sostenuto che la causa dovrebbe essere respinta, che non era personalmente responsabile e nemmeno la MIR. Nel 2019, il giudice ha affermato che i proprietari di casa avevano tutto il diritto di citare in giudizio Pitt , soprattutto perché MIR era "a malapena funzionante" ed era insolvente da anni . I proprietari di casa stanno ancora cercando un risarcimento e per Brad, sai, rimediare.

In una nuova straziante intervista, un avvocato per le vittime dell'uragano Katrina che hanno acquistato case difettose propagandate da Brad Pitt afferma che "Hanno creduto in [lui]. Credevano nel sogno che li vendeva". Ha aggiunto: "Purtroppo, quello che hanno è un mucchio di promesse non mantenute".

Nel 2006, Pitt e la sua Make It Right Foundation hanno deciso di costruire case a prezzi accessibili per i residenti del Lower Ninth Ward di New Orleans che hanno perso tutto l'anno precedente a causa dell'uragano Katrina. Ma le case sperimentali e rispettose dell'ambiente si sono rivelate difettose, lasciando i residenti con case infestate da muffe.

L'avvocato Ron Austin ha intentato una causa per conto dei residenti nel 2018 e stanno ancora cercando risposte da Pitt e dalla sua organizzazione.

“Hanno creduto in Brad Pitt. Credevano nel sogno che li avesse venduti… Sfortunatamente, quello che hanno ottenuto è un mucchio di promesse non mantenute… che vivono in case marce che dovrebbero essere demolite e ricominciate", ha detto Austin giovedì ad Ashleigh Banfield di Newsnation.

Pitt ha contribuito a raccogliere milioni di dollari per costruire le case che hanno venduto per circa $ 150.000 ciascuna. Fonti ci hanno detto nel 2018 che Pitt ha sborsato milioni di tasca propria per aiutare a riparare le case, che non sono state costruite per resistere al clima tropicale di New Orleans, secondo la tuta e la trasmissione.

“Alcune case non avevano cose come vernice impermeabile o grondaie. Alcuni avevano tetti piatti o erano così strettamente isolati che una volta che l'umidità entrava, non usciva", ha detto Banfield. Il risultato: termiti e muffe tossiche che, secondo quanto riferito, hanno ucciso anche un residente.

“Purtroppo non c'è nessun posto a cui rivolgersi. Brad Pitt e la fondazione hanno chiuso i loro uffici", ha detto Austin. Tuttavia, Austin ha detto che "combatteranno ogni giorno in tribunale nel tentativo di convincerli a entrare in tribunale e rispondere ad alcune domande su cosa è andato storto e su come stanno pianificando di aggiustarlo".

Gli avvocati di Pitt hanno tentato di prendere le distanze dall'attore dall'ente di beneficenza dal 2018 e hanno persino chiesto la rimozione del nome dell'attore dalla causa sostenendo che non era responsabile della costruzione. Una fonte vicina a Pitt ha detto a Banfield che i suoi “avvocati hanno chiarito che non ha alcuna responsabilità legale per le decisioni prese da altri, ma Brad rimane personalmente impegnato a fare tutto il possibile per aiutare a risolvere il contenzioso in corso. È sempre stato qualcosa che è stato importante per lui fin dall'inizio e vuole davvero aiutare a facilitare questo per arrivare a una fine molto più positiva".

[Da pagina sei]

Non riesco a credere che quei proprietari di case non abbiano ancora avuto il loro tempo in tribunale e che Brad si rifiuti ancora di assumersi la responsabilità di questo orribile piano. Era lui l'unico responsabile di questo disastro? No, ma era assolutamente il SUO schema, l'ha messo insieme, se ne è preso il merito, ha raccolto fondi per questo e ha fatto quelle promesse a quei residenti di New Orleans. Per nascondere la propria responsabilità, Brad ha praticamente chiuso la MIR e sta semplicemente ignorando tutte le richieste di aiuto e le risposte dei proprietari di casa.

Foto per gentile concessione di Backgrid, copertina per gentile concessione di Architectural Digest.