I negozi chiudono la domenica, nei bar solo dalle 15 alle 18. La nuova decisione anti Covid

Una nuova ordinanza concordata tra i presidenti di Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia e Veneto e il ministro Roberto Speranza fissa le nuove misure in vigore da sabato 14 novembre fino al 3 dicembre in queste tre regioni. Maschera sempre indossata, dal momento in cui esci di casa. Le medie e grandi aree di vendita, compresi tutti i complessi commerciali, sono chiuse nei giorni prefestivi e festivi, con l'aggiunta, nei giorni festivi, dello stop a tutte le attività di vendita, comprese quelle di quartiere.

Tutti chiusi ad eccezione di farmacie, parafarmacie, alimentari, tabacchi ed edicole. E le strutture di ristorazione restano aperte anche nei limiti previsti dal Dpcm in vigore. Un solo componente per nucleo familiare può entrare nei negozi e in qualsiasi esercizio commerciale, ferma restando la necessità di accompagnare persone con difficoltà o minori di 14 anni. Nessun mercato in aree pubbliche o private a meno che non vi siano Piani Comunali che prevedano regole specifiche (perimetro, varchi di accesso e uscita distinti, vigilanza pubblica e privata sull'applicazione delle norme di allontanamento e sicurezza). ( Continua a leggere dopo la foto )

E 'sempre vietato il consumo di cibi e bevande nelle aree pubbliche o aperte al pubblico, mentre dalle ore 15.00 alle ore 18.00 la somministrazione e il consumo possono avvenire solo seduti all'esterno e all'interno dei locali, e in luoghi "regolarmente posti" a 5 in mattinata l'attività è sospesa secondo l'attuale Dpcm del Governo). La vendita invece con consegna a domicilio è sempre consentita ed è “fortemente consigliata”. ( Continua a leggere dopo la foto )

Lo sport e l'attività fisica dovrebbero svolgersi preferibilmente in aree verdi e periferiche, e comunque non si può fare nei centri storici delle città e nelle zone affollate, ad esempio le vie e piazze centrali o il lungomare, rimanendo sempre distanziate. Naturalmente spetterà ai revisori stabilire ulteriori limitazioni specifiche. Sono infine sospese le lezioni di ginnastica, canto e strumenti a fiato nelle scuole primarie e secondarie, considerate ad alto rischio. ( Continua a leggere dopo la foto )

L'ordinanza prevede inoltre che oltre all'attività formativa già regolata dal Dpcm, tutto il resto debba essere svolto a distanza (esempio: corsi di lingua, teatro, fotografia). "L'ordinanza – ha spiegato il presidente del Veneto Massimiliano Fedriga – non vuole dare multe, ma regole condivise, che tutti possono rispettare: l'obiettivo è diminuire i contagi, non evitare il passaggio della fascia di rischio gialla".

Covid, scatta l'allarme: quattro regioni verso la chiusura. "Non possiamo più aspettare"

L'articolo Negozi chiusi la domenica, nei bar solo dalle 15 alle 18. La nuova decisione anti Covid arriva da Caffeina Magazine .

(Fonte: Caffeina)