“Ho automatizzato il mio lavoro più di un anno fa e non l’ho detto a nessuno”

Un dipendente IT sta diventando virale dopo aver condiviso la sua confessione sull'automazione del suo lavoro e passato le sue giornate lavorative a giocare ai videogiochi.

In un post onesto pubblicato sul popolare subreddit r/AntiWork, un Redditor anonimo ha affermato di lavorare come specialista IT in un piccolo studio legale e di aver trascorso quasi ogni giorno dall'inizio della pandemia globale a fare quello che voleva.

Intitolata " Ho automatizzato il mio lavoro più di un anno fa e non l'ho detto a nessuno ", la storia ha ricevuto oltre 80.000 voti positivi e quasi 5.000 commenti in soli due giorni.

Il ragazzo ha detto di essere stato assunto per gestire tutte le prove digitali utilizzate dal suo datore di lavoro durante i processi e che quando è arrivato il COVID, gli hanno chiesto di lavorare da casa. Entro una settimana dall'adeguamento, il Redditor ha scritto, eseguito il debug e perfezionato uno script per fare tutto il suo lavoro per lui.

È passato più di un anno e nessuno nella sua azienda ne ha idea.

Chi non vorrebbe un lavoro ben retribuito con poche responsabilità?

Crediti immagine: Árpád Czapp (non la foto reale)

Questo ragazzo IT viene pagato $ 90.000 praticamente per niente e deve tutto a una semplice sceneggiatura

Crediti immagine: Throwaway59724

Non è la prima volta che succede una cosa del genere. Abbiamo pubblicato una storia su un caso simile a novembre. In esso, abbiamo parlato di come Redditor u/Cynicusme si è aperto a tutti sullo stesso subreddit su come è stato pagato per "non fare nulla" negli ultimi 5 anni.

Ma se scavi in ​​giro su Internet, troverai ancora più esempi. Qualcuno di nome Etherable ha postato la seguente domanda su Workplace su Stack Exchange, uno dei forum più importanti del web per i programmatori: "Non è etico per me non dire al mio datore di lavoro che ho automatizzato il mio lavoro?"

Il programmatore in conflitto ha descritto di aver accettato un ingaggio di programmazione che si era rivelato essere un "inserimento di dati glorificato" e il modo in cui hanno anche messo l'intero lavoro sul pilota automatico. Dopodiché, "quello che prima richiedeva l'ultimo ragazzo come un mese, ora richiede forse 10 minuti". Il lavoro era a tempo pieno, con benefici, e permetteva a Etherable di lavorare da casa. Il programma ha prodotto risultati quasi perfetti e, per quanto ne sapeva la direzione, il suo dipendente ha semplicemente svolto un lavoro impeccabile.

Economisti e futuristi sono stati entusiasti dell'automazione per un po' di tempo, sognando il tempo in cui le macchine avrebbero eliminato la fatica del lavoro ripetitivo e senza cervello, liberando gli esseri umani per riempire le nostre giornate di svago, attività creative o cose più significative. Nel 1930, ad esempio, John Maynard Keynes ipotizzò che "i macchinari automatici e i metodi di produzione di massa" avrebbero aiutato a fornire una settimana lavorativa di 15 ore, e anche quelle ore sarebbero state necessarie solo per farci sentire come se avessimo qualcosa da fare.

Tuttavia, quasi un secolo dopo, non siamo nemmeno vicini a questo.

Crediti immagine: Throwaway59724

Crediti immagine: Throwaway59724

Mi chiedo se questo Redditor verrà catturato quando tornerà in ufficio. E a quanto pare, questo può accadere molto presto. Alla fine del 2020, il Pew Research Center ha riferito che il 71% dei lavoratori americani che potevano lavorare da casa stavano facendo proprio questo. Ma come risultato di ampi sforzi di vaccinazione (la Mayo Clinic ha affermato che, all'11 gennaio, il 62,6% degli americani è completamente vaccinato contro COVID) e linee guida CDC rilassate per i tempi di quarantena a seguito di un test COVID positivo, gli spazi di lavoro si stanno riempiendo.

Tuttavia, un sondaggio Ipsos per il World Economic Forum su 12.500 occupati in 29 paesi ha rilevato che la maggioranza (66%) desidera che il lavoro flessibile diventi la norma. E quasi un terzo (30%) ha dichiarato che valuterebbe la possibilità di cercare un altro lavoro se fosse costretto a tornare in ufficio a tempo pieno.

In un altro rapporto pubblicato da McKinsey & Company, la società di consulenza gestionale ha affermato di aver analizzato il potenziale del lavoro a distanza persistente in 2.000 attività in 800 occupazioni in 8 paesi di interesse e ha stabilito che circa il 20-25% della forza lavoro nelle economie avanzate potrebbe lavorare da casa tra 3 e 5 giorni a settimana.

Chissà, forse l'eroe della nostra storia è uno di loro e convincerà il suo capo a permettergli di fare il suo lavoro a distanza.

Le persone sono davvero impressionate dal fatto che il ragazzo sia riuscito a farcela

Il post "Ho automatizzato il mio lavoro più di un anno fa e non l'ho detto a nessuno" è apparso per la prima volta su Bored Panda .

(Fonte: Bored Panda)