Harvey Weinstein, una volta inviato per email “Jen Aniston dovrebbe essere ucciso” a una persona di pubbliche relazioni

Incorpora da Getty Images

Harvey Weinstein è stato condannato oggi, quindi aspettati solo che finisca un altro grave problema medico. Forse proverà a "crollare" la pena media. Prima della condanna, la corte ha svelato circa 1000 pagine di documenti dal caso e tutti i documenti commerciali e quelli di New York hanno studiato attentamente le informazioni. Penso che già sapessimo della lista della "bandiera rossa" di Weinstein dai resoconti di Ronan Farrow – Weinstein conservò una lista (e una lista reale, fisica su un pezzo di carta) di nomi di persone che pensava di poterlo danneggiare se parlassero con i giornalisti. Alcune delle donne della lista erano le sue vittime (come Annabella Sciorra, Rose McGowan, Zelda Perkins, Lysette Anthony), ma alcune persone nella lista sembravano quasi casuali, e mi chiedo cosa hanno fatto o detto di essere stati "contrassegnati in rosso" da Weinstein. Ben Affleck era nella lista. Varietà ipotizza che Weinstein fosse preoccupato che Affleck avesse il potere e il nome di fare un danno se Affleck avesse mai detto qualcosa su di lui pubblicamente.

Nel frattempo, non so se Jennifer Aniston abbia fatto la lista delle bandiere rosse, ma ha lavorato a un film prodotto da Weinstein: il film Derailed , nel 2005. Aniston ha parlato, post-To Too, di quanto poco contattino l' uno con l'altro, ma nelle loro interazioni limitate, lo trovò "piggish" e "intitolato". Ma prima che accadesse Me Too, Weinstein era preoccupato che Aniston dicesse alla gente che l'aveva aggredita?

Harvey Weinstein ha suggerito che Jennifer Aniston "dovrebbe essere ucciso" dopo aver appreso che il National Enquirer stava pianificando di denunciare di averla aggredita sessualmente, hanno rivelato i documenti del tribunale martedì. Il 31 ottobre 2017, tra la raffica di accuse di #MeToo contro il disgraziato magnate del cinema, il portavoce di Weinstein gli ha inviato un'e-mail dall'Inquirer, lo mostrano i record.

“Non sono sicuro se hai visto questo. Jennifer Aniston ”, ha scritto Sallie Hofmeister, dirigente della società di pubbliche relazioni Sitrick. Nella sua e-mail, l'Enquirer ha affermato che "Jennifer ha confidato a un amico che durante la produzione del film" Deragliato "del 2005 Weinstein l'ha aggredita sessualmente premendole contro la schiena in [sic] afferrandole le natiche."

L'Enquirer ha anche detto: “Nel corso degli anni, fissava spesso la sua scollatura / seno e muoveva la bocca per mettere a disagio Jennifer. Citiamo anche una fonte vicina a Jennifer che dice all'Inquistatore: "Harvey era infatuato di Jennifer Aniston – Aveva una grande cotta per lei e parlava costantemente di quanto fosse calda" ", ha aggiunto il messaggio. Circa 45 minuti dopo aver ricevuto l'e-mail, Weinstein ha usato il suo iPhone per inviare a Hofmeister una risposta concisa, mostrano i record.

"Jen Aniston dovrebbe essere ucciso", ha scritto.

L'Enquirer non ha mai pubblicato le accuse riguardanti Aniston e un portavoce dell'ex star di "Friends" le ha definite "false".

"Jennifer non è mai stato molestato o aggredito da Harvey Weinstein", ha detto il pubblicista Stephen Huvane. "Non si è mai avvicinato abbastanza per toccarla e non è mai stata sola con lui."

[Dalla pagina sei]

Credo che Aniston – Penso che se Weinstein le avesse fatto qualcosa, lo avrebbe detto, al momento o dopo Me Too. Detto questo, la CAA fondamentalmente ha colluso con Harvey Weinstein nei suoi crimini sessuali – gli hanno fornito un flusso costante di giovani attrici per fargli assalire, oltre a un flusso costante di prestigiosi colleghi di prima classe in modo che Weinstein potesse presentarsi come legittimo. Penso anche che sia del tutto strano rendersi conto che così tanti giocatori di Hollywood hanno davvero preso sul serio il National Enquirer nel corso della giornata.

Aggiornamento: Weinstein è stato condannato a 23 anni di carcere. Buona.

Incorpora da Getty Images

Incorpora da Getty Images

Foto per gentile concessione di Getty.

Commenta su Facebook