"Hai già vinto per noi." Irene Grandi, che scollatura! La foto dietro le quinte di Sanremo mette fuori combattimento tutti

Forse l'artista femminile più attesa di questa 70a edizione del Festival di Sanremo è lei: Irene Grandi. Qualche giorno fa il "grande" cantante toscano ha duettato con Bobo Rondelli, facendo rivivere nuove emozioni "La musica è finita": dopo 53 anni il testo di Franco Califano e la musica del grande Umberto Bindi tornano sul palco. Irene Grandi è caduta nei panni della regina senza tempo della grande voce femminile Ornella Vanoni e insieme a Bobo hanno raggiunto il successo come pochi altri. Stesso talento, stesso amore per la musica, stessa origine toscana. Il pubblico era senza parole.

Un momento davvero sublime per la musica italiana, quello che, con Celso Valli per dirigere l'orchestra, hanno consegnato Irene Grandi e Bobo Rondelli al pubblico di Sanremo in un duetto esclusivo, sulle note del brano "La musica è finita". Una performance graffiante, che non ha esitato a donarsi nell'autenticità dell'emozione fatta musica. Apprezzato dal pubblico di Ariston, il duetto toscano è stato in grado di rispettare la canzone, senza rivelare alcun tipo di ostentazione. Irene Grandi entra nella classifica delle donne che hanno dominato e dominano la scena del Festival di Sanremo 2020. L'esperienza di Sanremo di Grandi non poteva che portare un'altra grande firma, quella di Vasco Rossi. (Continua dopo le foto).

Il testo di "Finalmente io" è stato scritto da Vasco Rossi, che ha anche collaborato alla musica che porta la firma del leader dello Stadio Gaetano Curreri. Tutti grandi nomi, quelli che Irene recita sul palco con una canzone grintosa e fresca e nel classico stile rock italiano dei suoi fondatori. Il successo è ovunque, sia sul palco che fuori dal Teatro Ariston, cioè sui social media fino a quando non è diventato molto popolare alla radio. Il successo è stato confermato anche per gli abiti offerti durante le varie serate. Irene Grandi non osa mai apparire eccessiva, ma mantiene uno stile provocatorio e pieno di carattere. Esattamente com'è nella sua natura e disposizione. Molto apprezzato, Irene Grandi è davvero il "top". (Continua dopo la foto).

Avere 50 anni e non sentirlo, o meglio, nemmeno mostrarli: Irene Grandi ieri sera ha conquistato Ariston con uno sguardo sexy e scioccante, così tanto che ha voluto condividere quel momento con un forte impatto emotivo sul suo profilo Instagram. Inutile dire che i commenti hanno iniziato a piovere senza freni. La foto pubblicata sui social media è accompagnata da una loquace didascalia: “Finalmente io. Venerdì penultima sera ”. Quasi 4000 mila persone che, in poche ore, hanno supportato la bellissima e grintosa Toscana. Irene Grandi mostra il suo sorriso indossando una giacca nera e pantaloncini, abbinata a un gilet doppiopetto bianco da cui sporge il seno della ballerina. (Continua dopo le foto e il post.)

Per i suoi fan, ha già vinto: "Hai già vinto perché sei la posizione giusta e il sorriso di sempreeee", "La canzone è per tutte noi donne … super brava! Grazie per questo regalo!", " Qualunque cosa accada, sei il vincitore di questo Sanremo. Bella canzone, entra immediatamente nell'anima e nella testa … "," Semplicemente stupendo "," Sei fantastico "," Divertimento ". Lei stessa ha commentato la sua canzone: “Cantare questa canzone è un po 'come guardarsi allo specchio e vedere chi sono. Gli errori, i limiti, le carenze della mia vita, schiaffeggiavano nero su bianco. E nel mezzo di questa palude finalmente trovano il fiore di loto. Il canto che è il mio talento e il canto diventano il momento straordinario della mia esistenza. Grazie Vasco, non ci sarebbe potuto essere un regalo migliore di una canzone in cui mi rivelo e poi perdono me stesso, dichiarando il mio amore per il canto ".

"Ti hanno fatto esplodere!". Anna Tatangelo, tutto ipnotizzato dal seno schiacciato nella micro top

L'articolo "Per noi hai già vinto". Irene Grandi, che scollatura! La foto nel backstage di Sanremo mette fuori combattimento tutti proviene dalla rivista Caffeina .

(Fonte: Articolo originale su Caffeina Magazine)