Gli addetti ai lavori reali sono rimasti “scioccati” dalla vittoria del giudizio sommario della duchessa Meghan

Il principe Harry e la sua fidanzata Meghan Markle commemorano l'Anzac Day a Londra

La scorsa settimana, circa una settimana fa, il Sunday Times ha pubblicato un articolo interessante (protetto da paywall) sulla vittoria del giudizio sommario della Duchessa del Sussex. Il giudice Warby ha emesso il suo giudizio secondo cui il Mail ha assolutamente violato il copyright di Meghan e lo hanno fatto senza una buona ragione. Non solo, hanno travisato selvaggiamente il testo e il contesto effettivi della lettera di Meghan a suo padre. Mentre il Mail ha fatto un po 'di rumore per appellarsi al giudizio, c'è sicuramente un'atmosfera strana intorno a tutto questo dal momento che il giudizio sommario è andato per la strada di Meghan. Personalmente, credo che Buckingham Palace si sia appoggiato ad alcune persone potenti per assicurarsi che la causa andasse via, perché vedono l'intera faccenda come imbarazzante. Inoltre, il personale del principe Carlo e del principe William veniva trascinato dentro e non possiamo averlo! Ed è questo che rende questa storia del Sunday Times così bizzarra. Secondo le loro fonti anonime, gli "addetti ai lavori reali" sono "scioccati" dal giudizio e c'erano persone nel palazzo in attesa di testimoniare … o qualcosa del genere. È molto strano.

Gli addetti ai lavori reali sono rimasti "scioccati" dalla vittoria in tribunale di Meghan Markle, si afferma – con quattro assistenti chiave del palazzo impediti di "fare luce" sul caso. La duchessa del Sussex ha scoperto giovedì che la sua azione legale contro gli editori di The Mail on Sunday aveva avuto successo e non avrebbe proceduto a un processo. Significava che ai principali aiutanti di Harry e Meghan, conosciuti come il "palazzo quattro", era stata negata la giornata in tribunale.

Il giornale ha pubblicato estratti di una lettera che ha inviato a suo padre Thomas, con Lord Justice Warby che ha stabilito che si trattava di una violazione della sua privacy e del copyright. Se fosse andato avanti un processo, Meghan avrebbe potuto essere interrogata e avrebbe dovuto affrontare il suo ex padre, che non ha incontrato Harry o il figlio Archie. I giornali associati avrebbero sostenuto che la duchessa sapeva che la sua lettera sarebbe finita nel pubblico dominio, ma questo non sarà testato in tribunale.

Jason Knauf, l'ex segretario alle comunicazioni di Harry e Meghan, che secondo quanto riferito "ha contribuito" a una bozza della sua lettera a Thomas, 76 anni, era tra coloro che probabilmente avrebbero testimoniato. Anche l'ex segretaria privata della coppia Samantha Cohen, la loro ex segretaria alle comunicazioni Sara Latham e Christian Jones, che era il loro vice segretario alle comunicazioni, erano pronti a far luce sul caso.

Dopo la sentenza di giovedì, un insider ha detto al Sunday Times: "È come se il giudice avesse deciso che le prove erano irrilevanti". La fonte ha detto che i quattro aiutanti non erano "obbligati a sedersi qui e tacere".

Un altro ha detto di essere "scioccato" dalla sentenza in quanto una lettera del team legale del palazzo quattro li ha descritti come "credibili" e ha detto che potevano "fare luce" sulla creazione della lettera. Si afferma che potrebbero dare un'idea del fatto che Meghan si aspettasse che la lettera diventasse pubblica e se abbia aiutato gli autori della biografia Finding Freedom, che ha dato un'impressione favorevole dei Sussex.

Una fonte di Associated Newspapers ha detto: "Siamo stupiti che il giudice non voglia ascoltare le prove dal palazzo quattro quando dicono che sono disposti a testimoniare e possono far luce sulla creazione della lettera e se ha previsto che diventerà pubblico." Secondo quanto riferito, il gruppo di giornali sta "valutando attentamente" un appello.

[Dal Daily Mirror]

La formulazione è così curiosa, giusto? Questa roba ha avuto origine nel Sunday Times, una fonte di notizie legittima che diffonde sempre storie sui reali, ma anche la formulazione della storia originale era bizzarra. L'affermazione di base è che le "fonti reali" pensano che il Palazzo Quattro sia pazzo di non poter testimoniare CONTRO Meghan e "fare luce" sulla scrittura della lettera e se Meghan … sapeva che suo padre alla fine avrebbe venduto la lettera alla Posta. Da dove mi siedo, nessuno dei Quattro di Palazzo ha voluto testimoniare. Erano il Mail e i loro avvocati che erano ansiosi di tirarlo fuori. Allora perché "fonti reali" stanno prendendo la posizione del Mail? Inoltre: come ha scritto il giudice Warby nella sua decisione, se ci sono ancora domande su chi possiede il copyright per la lettera, c'è ancora spazio per giudicarlo a marzo. Spetterà a Jason Knauf e al resto del Palace Four testimoniare se vogliono affermare che il copyright appartiene anche a loro.

Sussex Morocco Asni school

Foto per gentile concessione di Avalon Red, WENN e Backgrid.

Il principe Harry e la sua fidanzata Meghan Markle commemorano l'Anzac Day a Londra
Meghan Markle incinta mostra il suo pancione al National Theatre di Londra
Meghan Markle fa il check-out al The Mark Hotel dopo la sua baby shower
Meghan Markle, la fidanzata statunitense del principe Harry britannico, partecipa a un servizio all'alba dell'Anzac Day a Hyde Park Corner a Londra il 25 aprile 2018. Anzac Day commemora le vittime australiane e neozelandesi e i veterani dei conflitti e segna l'anniversario degli sbarchi nel Dardanelli il 25 aprile 1915 che segnò l'inizio della Campagna di Gallipoli durante la Prima Guerra Mondiale.
Sussex Morocco Asni school