“Giorni difficili”. Covid, il giornalista Rai dell’ospedale: “Non abbassare la guardia”

L'indice Rt sta crescendo più lentamente. Quasi tutte le regioni sono ad alto o moderato rischio. Violare le regole, individualmente e socialmente, comporta la difficoltà di dare forma alla curva e la necessità di adottare misure più restrittive a livello sociale ”. Lo ha sintetizzato il presidente dell'Istituto Superiore di Sanità, Silvio Brusaferro, in una conferenza stampa al Ministero della Salute sull'analisi dei dati del monitoraggio regionale della sala di controllo in relazione all'emergenza coronavirus.

"Oggi siamo in una fase di mitigazione, ovvero una situazione in cui sono necessarie misure sociali per rallentare i contatti tra le persone e, quindi, la diffusione del virus" Sars-CoV-2. “In tutto il Paese, la crescita” del contagio “è molto significativa. La battaglia per fermare la circolazione del virus e riportare i numeri a una dimensione sostenibile per i nostri servizi sanitari passa soprattutto dalle scelte e dai comportamenti quotidiani di ciascuno di noi ”, afferma. Continua dopo la foto

Una lotta durissima quella che sta vivendo sulla sua pelle il giornalista RAI Alberto Orsini, 37 anni, colpito dal coronavirus che gli ha causato una grave polmonite. “Ho finito cinque giorni di terapia antivirale, sono stato senza ossigeno di supporto per 24 ore e spero che le cose possano migliorare. È una malattia molto difficile, da non sottovalutare, dobbiamo comportarci in modo responsabile, prendendo ogni precauzione e rispettando le regole ”. Continua dopo la foto

Da otto giorni è ricoverato in isolamento nel reparto malattie infettive dell'ospedale dell'Aquila e dopo "i primi erano duri", parla all'Ansa con un tono di voce molto più forte e rassicurante. Le sue condizioni sono dopo una fase decisamente difficile. "Bisogna stare attenti anche alle cene con amici intimi e familiari perché lì le difese si abbassano, sentendosi a casa tra i fidati", ammonisce ancora. Continua dopo la foto


{loadposition intext}
Ieri, riferisce Il Messaggero, Alberto Orsini ha trovato la forza per preparare, dal suo letto d'ospedale, un servizio trasmesso dal Tg Rai Abruzzo in cui ha intervistato le primarie. Il calvario di Orsini è iniziato 15 giorni fa con i primi sintomi, poi dopo 7 giorni di isolamento domiciliare c'è stato un tampone che ha rivelato la positività con la situazione che è peggiorata a tal punto da rendere necessario il ricovero.

Potrebbe interessarti: "Io in camerino con lui …". Tina Cipollari, clima 'caldo' per uomini e donne. E lei non regge

L'articolo "Very hard days". Covid, il giornalista Rai dell'ospedale: "Non abbassare la guardia" arriva da Caffeina Magazine .

(Fonte: Caffeina)