Fai attenzione alla “tassa sull’igiene delle auto”. Non esiste, ma è quanto fanno pagare

La tassa sul coronavirus per la sanificazione dell'auto è ciò che offrono molte officine automobilistiche in Italia. Per segnalare la questione sono i Codacons. E così, dopo la "Tassa Covid" applicata da molti parrucchieri e saloni di bellezza italiani, ecco anche questa nuova idea: la "tassa sui servizi igienico-sanitari" imposta da molte officine automobilistiche. L'associazione dei consumatori afferma: "I reclami provengono da cittadini di tutta Italia che hanno portato la loro auto in un'officina per un servizio periodico o per riparazioni o manutenzione e hanno imposto costi di risanamento obbligatori sulle auto, in media da 20 a 40 euro, totalmente ingiustificato e illegittimo ".

Secondo l'associazione è quindi una pratica illegale contro la quale verrà presentato un reclamo: "Riferiremo tutto all'Antitrust e alla Guardia di Finanza" ha spiegato il presidente Carlo Rienzi. Gli italiani sono quindi "attaccati" su tutti i fronti. Continua a leggere dopo la foto

Rienzi continua: "Non esiste una regola che obbliga i consumatori a disinfettare la propria auto nelle officine, né che limiti i coupon o le riparazioni al pagamento delle" tasse "di Covid". Confartigianato Autoriparazione, categoria di rappresentanza dell'Autofficine raccoglie la denuncia di Codacons: "Non vogliamo andare per chi ne approfitta", sono le parole di Alessandro Angelone, presidente dell'associazione. Continua a leggere dopo la foto

"La nostra linea non è quella di applicare costi aggiuntivi ai clienti e di garantire il risanamento della vettura gratuitamente attraverso uno spray sulle aree di contatto come sedili, volante, manopole e freno a mano" ha aggiunto il presidente di Confartigianato Autoriparazione. Ma ci sono molti seminari che passano il risanamento dell'ozono come obbligatorio. Ma non è così, è un trattamento che il cliente può scegliere di non fare. Continua a leggere dopo la foto

{loadposition intext}

"Ogni azienda fa ciò che ritiene più appropriato – ha affermato Angelone – ma possiamo solo criticare la natura obbligatoria di un trattamento di sanificazione che dovrebbe essere solo a discrezione del cliente". In breve, se la tua auto ha bisogno di servizi igienico-sanitari in questo periodo, presta attenzione al conto che ti viene dato alla fine. Al contrario, chiedere in anticipo la politica dell'officina relativa al trattamento di sanificazione. Per non avere brutte sorprese.

La vecchia muore in ospedale: si scopre che si trattava di coronavirus. La struttura si è chiusa immediatamente

L'articolo Attenzione alla "tassa sull'igiene delle auto". Non esiste, ma ecco quanto fanno pagare dalla rivista Caffeina .

(Fonte: Caffeina)

Commenta su Facebook