Ecco come sarebbero Nefertiti e gli altri se fossero vivi oggi (25 nuove foto)

Tutti voi panda amanti della storia, dell'antropologia e dell'archeologia là fuori, tenetevi stretti ai vostri posti. Abbiamo una sorpresa in serbo per te! Se ti sei mai chiesto come sarebbero le figure storiche se fossero vive qui e ora, non cercare oltre: Becca Saladin ti ha coperto. Becca, che lavora come graphic designer a tempo pieno, ha creato la serie Royalty Now come un modo per portare il passato nel presente e per aiutarci a guardare la storia da una nuova angolazione. Dai un'occhiata alle più recenti reimmaginazioni storiche di Becca di seguito e ricordati di dare un voto positivo ai tuoi preferiti. Facci sapere anche quale dei pezzi dell'artista ti è piaciuto di più.

Becca ha detto a Bored Panda che ogni immagine le impiega dalle 4 alle 5 ore per essere creata. A volte, anche di più. "Molte persone pensano che io usi semplicemente un'app o semplicemente faccia un cambio di faccia, ma è molto più complesso di così per renderlo il più realistico possibile", ha detto. Continua a leggere per la nostra intervista completa con il grafico.

Assicurati di visitare i social media di Becca se ami la sua arte e dai un'occhiata ai suoi post precedenti su Bored Panda qui: Parte 1 e Parte 2.

Maggiori informazioni: Instagram | TikTok | Facebook | Etsy | Patreon

# 1 Nefertiti

Questo busto di Nefertiti (che si ritiene sia stato scolpito durante la sua vita) è famoso per la sua grazia e bellezza. Nefertiti visse approssimativamente dal 1370 al 1330 a.C. Era una regina egiziana e la moglie di Akhenaton, un faraone egiziano. Akhenaton è famoso per il suo tentativo di trasformare l'Egitto in una società monoteista (adorando solo il dio del sole, Aton), invece che in una società politeista.

Crediti immagine: Royalty Now

# 2 Maria Antonietta

Crediti immagine: Royalty Now

# 3 Ludwig Van Beethoven

Ludwig van Beethoven (1770-1827, mostrato qui all'età di 49 anni nel 1820) non ha bisogno di molte presentazioni. Un famoso compositore e pianista, la sua musica è tra le più eseguite al mondo. Il suo lavoro abbraccia sia il periodo classico che i periodi romantici della musica classica. Trasferirsi a Vienna all'età di 21 anni e guadagnarsi la reputazione di virtuoso. Gli studiosi generalmente dividono il lavoro di Beethoven in tre periodi: Early, Middle e Late. Il periodo iniziale può essere visto mentre affina la sua arte, e il periodo medio mostra deviazioni individuali dagli stili classici di Mozart. Durante il periodo tardo (che dura fino alla sua morte nel 1827), la sua sordità aumenta, ma è ampiamente accettata come il suo tempo più innovativo. Scritto nei suoi ultimi anni, i suoi ultimi quartetti d'archi del 1825–26 sono tra i suoi ultimi successi. Dopo alcuni mesi di malattia a letto morì nel 1827. Le opere di Beethoven rimangono i pilastri del repertorio di musica classica

Crediti immagine: Royalty Now

"Uso Photoshop, quindi finisco per trovare un'immagine che funzioni sotto (tonalità della pelle, colore dei capelli, angolazione del viso simili) e poi inizio ad aggiungere le caratteristiche. Di solito copio e incollo la statua o l'immagine originale sul una nuova come riferimento, e poi inizio a creare foto-composizioni di nuove immagini su di essa ", Becca è entrata nei dettagli sul suo processo artistico.

"Ad esempio, trovo un nuovo naso fotografico e lo trasformo nella forma del naso del ritratto per aggiungere realismo. Quindi lo ripeto con il resto delle caratteristiche. L'immagine finale di solito risulta essere principalmente foto-composita con un po 'di digitale disegnandoci sopra. "

# 4 Elisabetta I

Crediti immagine: Royalty Now

# 5 Caterina d'Aragona

Questo ritratto è contestato per essere lei (potrebbe infatti essere Mary Rose Tudor)

Crediti immagine: Royalty Now

# 6 Yoruba Ruler – Testa di bronzo Ife

Sebbene non si sappia di chi sia questa scultura, questa famosa Testa di bronzo di Ife, nota anche come Testa di Ife, è una delle diciotto sculture in lega di rame che furono portate alla luce nel 1938 a Ife in Nigeria, l'ex centro religioso ed ex reale di il popolo Yoruba. Ritenuto rappresentare un sovrano yoruba, fu probabilmente realizzato nel XIII-XIV secolo d.C., prima che qualsiasi contatto europeo avesse avuto luogo con la popolazione locale. Il realismo delle sculture è sorprendente e alcune delle uniche rappresentazioni fotorealistiche create nell'arte africana. . L'Ife Head è stato probabilmente realizzato sotto il patrocinio del re Obalufon II, la cui somiglianza in bronzo condivide le caratteristiche stilistiche di quest'opera. Queste teste di bronzo sono la prova di ulteriori scambi commerciali poiché le perle di vetro prodotte da Ife sono state trovate ampiamente in Africa occidentale. Il lavoro dettagliato mostra quelli che si ritiene siano segni tribali sul viso. Ho condotto alcune ricerche su questo e ho scoperto che questi stessi segni tribali sono ancora osservati in alcune parti dell'Africa, sebbene questa pratica stia diventando molto più rara, quindi non l'ho incluso nella mia rappresentazione qui.

Crediti immagine: Royalty Now

Ci interessava anche scoprire cosa mantiene Becca appassionata di storia. Ha rivelato di scoprire qualcosa di nuovo sulla storia quasi ogni giorno mentre conduce ricerche per i suoi ritratti, legge e gestisce i suoi account Instagram e TikTok.

"Penso che sia davvero fantastico continuare ad apprendere e aumentare la mia profondità di conoscenza su determinati argomenti. Direi ai grafici o agli artisti di andare avanti: tutto è un'abilità appresa. Ho fatto dei ritratti un anno fa che sono imbarazzato da, ma continuo a crescere come artista. È bello vedere il tuo lavoro dopo che ci hai lavorato duramente e sapere che sei cresciuto. Quindi vorrei solo dire loro di continuare e continuare a esercitarsi ", ha dato un po 'di sano consiglio a chiunque voglia seguire le sue orme.

# 7 Erzsébet Báthory

La contessa Elisabetta Báthory (Erzsébet Báthory) (1560–1614) era una nobildonna ungherese. È stata etichettata come la serial killer femminile più prolifica della storia (documentata, almeno). Fu accusata durante il processo di aver torturato e ucciso centinaia di ragazze e donne tra il 1590 e il 1610. Le storie dei suoi sadici omicidi furono verificate dalla testimonianza di oltre 300 testimoni e sopravvissuti, oltre a molti corpi. Testimoni oculari hanno riferito di averla vista compiere gravi percosse, mutilazioni, bruciature, congelamento e morte di fame. A causa dello status della sua famiglia, non fu giustiziata ma piuttosto imprigionata per il resto della sua vita nel castello di Cachtice. Il folclore (anche se infondato) su Báthory l'ha seguita nel corso della storia, dicendo che si è bagnata nel sangue delle vergini. La sua eredità vive certamente nella moderna cultura popolare.

Crediti immagine: Royalty Now

# 8 Henry Viii

Crediti immagine: Royalty Now

# 9 Ciro il Grande

Ciro II di Persia fu il fondatore dell'impero achemenide, che al suo apice comprendeva le aree dell'odierna Iran, Egitto, Turchia e parti dell'Afghanistan e del Pakistan. Durante un regno durato 30 anni, Ciro fece crescere il suo impero conquistando i territori circostanti. Qualcosa per cui Ciro è famoso è che ha rispettato i costumi e la religione di ogni terra che ha conquistato, una mossa senza precedenti per l'epoca. Questa politica fu un modello di grande successo per stabilire governi che tenessero i territori sotto controllo anche dopo che i suoi eserciti se ne furono andati. È una figura ben nota per i diritti umani, la strategia militare e la politica. Ciro compare anche nell'Antico Testamento (Bibbia ebraica). Una figura simile a un culto per gli iraniani moderni, la sua tomba è un punto di raccolta per coloro che lo riveriscono. Si presume che sia morto in battaglia, ma l'influenza dei suoi imperi vive ancora oggi.

Crediti immagine: Royalty Now

Becca ha iniziato a reinventare personaggi storici usando le sue abilità di graphic designer circa un anno e mezzo fa. Quello che era iniziato come un hobby è sbocciato in qualcosa di molto più grande, come ti faranno sapere i 262k fan che seguono l'account Instagram di Royalty Now.

Fin da piccola Becca si interessa di arte. Dipingeva e disegnava sempre quando era piccola. Si è interessata alla storia perché i suoi genitori le leggevano molto mentre sua madre faceva progetti artistici e scientifici con lei. Quindi è sicuro di dire che è stata sulla strada per ciò che sta facendo ora sin dai primi anni di vita.

“Il primo libro che mio padre mi ha letto sulla storia era una versione romanzata per giovani adulti della storia di Anne Boleyn. Da allora sono diventato ossessionato dalla storia dei Tudor. Ho anche amato Pompei, le antiche mummie egizie e qualsiasi altra cosa che mi ha aiutato a sentirmi vicino alle persone del passato. Penso che questo sia il motivo per cui mi diverto così tanto a fare le ricreazioni ”, ha detto prima il graphic designer.

# 10 George Washington

Washington era un leader politico americano, generale militare, statista e padre fondatore che ha servito come primo presidente degli Stati Uniti dal 1789 al 1797. Prima di diventare presidente, Washington è stato un leader nella guerra rivoluzionaria per l'indipendenza della nazione. Washington è stato chiamato il "padre del suo paese" per la sua multiforme leadership nei giorni di formazione della nuova nazione. Washington possedeva schiavi e, al fine di preservare l'unità nazionale, sostenne le misure approvate dal Congresso per proteggere la schiavitù. Ha cercato di assimilare i nativi americani nella cultura anglo-americana, ma ha combattuto la resistenza indigena durante le occasioni di conflitto violento. È stato ricordato da monumenti, arte, posizioni geografiche, francobolli e valuta, e molti studiosi e sondaggi lo classificano tra i più grandi presidenti degli Stati Uniti.

Crediti immagine: Royalty Now

# 11 Jane Seymour

Crediti immagine: Royalty Now

# 12 Dido Elizabeth Belle

Nato in schiavitù nelle Indie occidentali nel 1761 da una donna di nome Maria Belle, Dido Elizabeth Belle era la figlia illegittima di Sir John Lindsay, un ufficiale della marina britannica. Si può solo presumere che questa relazione tra Lindsay e Maria Belle non fosse consensuale, tuttavia la disposizione esatta è persa nella storia. Lindsay tornò in Inghilterra con Didone dopo la guerra nel 1765. Lindsay prese Dido per essere cresciuto da sua zia e zio, William ed Elizabeth Murray, il conte e la contessa di Mansfield. La famiglia Murray ha allevato Belle come una donna istruita insieme alla nipote e alla cugina di Dido, Lady Elizabeth Murray. Il ritratto che ho lavorato da qui nella versione completa mostra sia Elisabetta che Didone insieme, come relazioni ma non del tutto su un piano di parità. Le convenzioni sociali della famiglia di Mansfield sono alquanto poco chiare. Quando i Mansfield erano divertenti, Belle non mangiava con gli ospiti. Una mostra del 2007 a Kenwood suggerisce che fosse trattata come "una parente amata ma povera", e quindi non sempre cenava con gli ospiti. Ha detto che Belle si è unita alle signore dopo per un caffè in salotto. Tuttavia, altri storici pensano che sia stata trattata alla pari in base al lusso della sua indennità e del suo guardaroba. L'intelligente Didone ricevette responsabilità come la gestione di parti della famiglia e aiutare lo zio con la corrispondenza. La vita di Belle è un esempio così interessante di come la razza e l'illegittimità venivano gestite nell'Inghilterra del 1700. . Qualcuno vorrebbe una stampa di quest'opera? Inserisci un messaggio me se è così. Non l'ho ancora elencato nel negozio Etsy (Link in bio) ma sarei felice di organizzare le stampe se c'è una richiesta per Dido.

Crediti immagine: Royalty Now

Ha avuto l'idea di reimmaginare personaggi storici quando un giorno stava guardando un ritratto di Anne Boleyn. È stato allora che Becca ha iniziato a pensare a come sarebbe stata Bolena oggi perché non sembra molto realistica nei suoi ritratti.

“Ho visto qualcun altro su Reddit provare qualcosa di simile con le mogli Tudor e avevo visto le ricreazioni di statue romane. Ho sempre amato Photoshop e che strumento potente sia, quindi ho deciso di provare a ricrearne alcuni miei e poi ho continuato ", ha spiegato in dettaglio come ha deciso di avviare il suo progetto Royalty Now.

# 13 Elisabetta di York

Elisabetta era la moglie del re Enrico VII e la madre del futuro re Enrico VIII. La loro unione ha dato inizio al periodo "Tudor" come lo conosciamo. Sposò Henry nel 1486 dopo la sua vittoria nella battaglia di Bosworth Field contro l'altro pretendente al trono, Riccardo III, che segnò la fine delle Guerre delle Rose. La Guerra delle Rose fu uno dei periodi più tumultuosi della storia inglese, coinvolgendo due principali fazioni in guerra, gli Yorkisti e i Lancaster. Entrambe le parti erano in lizza per il trono ed entrambe avevano rivendicazioni legittime. Il matrimonio di Elisabetta di York ed Enrico VII (di Lancaster), ha segnato un'unione politica che ha funzionato come previsto – per dimostrare che la guerra era finita e che le due parti si erano unite. Ovviamente ci sono molte più sfumature negli eventi, ma questa è la versione cliff-notes.

Crediti immagine: Royalty Now

# 14 Mary Boleyn

Mary Boleyn era conosciuta come la bellezza della famiglia Boleyn. In precedenza aveva una relazione con Enrico VIII prima che la sorella minore Anne lo sposasse.

Crediti immagine: Royalty Now

# 15 Toussaint L'ouverture

Toussaint L'Ouverture (1743-1803) era un generale haitiano e leader più noto della rivoluzione haitiana. L'Ouverture fu schiava a Saint-Domingue (in seguito il paese di Haiti) fino all'età di 33 anni. A partire dal 1789, le persone libere di colore di Saint-Domingue furono ispirate dalla Rivoluzione francese a cercare più diritti e uguaglianza. L'Ouverture si è unito alla ribellione e ha rapidamente lavorato nella posizione di generale. Alleato con i francesi, stabilì gradualmente il controllo dell'isola di Saint-Domingue. Ha presentato una costituzione autonoma per la colonia nel 1801, che lo ha nominato governatore generale per la vita, contro la volontà del leader francese Napoleone Bonaparte, causando una grande quantità di attriti. Nel 1802 fu invitato a un colloquio dai francesi e fu arrestato con falsi pretesti. Privato di cibo e acqua in una cella di prigione francese, morì nel 1803. Sebbene L'Ouverture morì prima della fase finale della rivoluzione, i suoi successi gettarono le basi per la vittoria assoluta dell'esercito nero. Subendo enormi perdite nelle battaglie per mano dell'esercito haitiano e combattendo la febbre gialla, i francesi furono costretti a ritirarsi da Saint-Domingue. La rivoluzione haitiana continuò sotto il luogotenente di L'Ouverture, Jean-Jacques Dessalines, che dichiarò l'indipendenza il 1 ° gennaio 1804, stabilendo così lo stato sovrano di Haiti.

Crediti immagine: Royalty Now

# 16 Solimano il Magnifico

Suleiman I, noto come Solimano il Magnifico in Occidente e Kanunî Sultan Süleyman nel suo regno, è stato il sultano più longevo dell'Impero Ottomano dal 1520 fino alla sua morte nel 1566. Sotto il suo governo, lo stato ottomano ha governato almeno 25 milioni di persone. persone – quello che molti studiosi chiamano l'apice dell'Impero. Suleiman e il suo esercito erano una forza da non sottovalutare: poco dopo essere salito al trono, iniziò campagne contro le potenze cristiane dell'Europa e del Mediterraneo. Le modifiche apportate da Suleiman all'Impero includevano importanti revisioni della società, dell'istruzione, delle tasse e della legge.

Crediti immagine: Royalty Now

# 17 Queen Nzinga

Nzinga era la regina del regno di Ndongo e del regno di Matamba nel XVII secolo, nell'area dell'odierna Angola. Nato nella famiglia regnante nel 1583, suo padre l'ha addestrata in tattiche militari e politiche fin dalla giovane età. Mentre suo fratello maggiore governava i Regni, chiese a Nzinga di diventare l'ambasciatore in Portogallo per lui, poiché i portoghesi avevano iniziato a colonizzare e violare la loro area natale. Quando Nzinga assunse il potere sui regni dopo la morte del fratello, fu durante un periodo di crescita senza precedenti nella tratta degli schiavi africani. I portoghesi continuarono ad agitare e infrangere i trattati, prendendo schiavi e altri oggetti di valore. Nzinga era un leader astuto e super intelligente e spesso piegava le alleanze degli europei a suo vantaggio. Stringendo un'alleanza con gli olandesi, è stata in grado di sconfiggere i portoghesi e cacciarli. Ha anche reso il suo regno un rifugio sicuro per gli schiavi in ​​fuga. Il suo regno è durato 37 anni – è considerata una figura leggendaria in Angola fino ad oggi.

Crediti immagine: Royalty Now

# 18 Aristotele

Uno dei pensatori più famosi di tutti i tempi, Aristotele (384-322 a.C.) ha contribuito in modo significativo alla conoscenza umana. La sua portata tocca logica, biologia, etica, estetica e altro ancora. Non abbiamo descrizioni contemporanee della sua colorazione, ma fortunatamente abbiamo diversi busti sopravvissuti del suo aspetto – ovviamente questo significa stimare il colore dei capelli e degli occhi, che è sconosciuto. Quest'opera si trova nella galleria degli Uffizi ed è una copia romana dell'originale greco. Aristotele fu insegnato nientemeno che da Platone, e trascorse 20 anni come studente e successivamente come insegnante all'Accademia di Platone. Delle sue circa 200 opere solo 31 sopravvivono. Si teorizza che gli scritti sopravvissuti, a causa della loro struttura confusa e densa, dovevano essere appunti per il suo insegnamento piuttosto che opere finite. I suoi scritti andarono perduti per molti anni dopo la sua morte, e solo dopo 300 anni (nel 30 a.C.) Andronico di Rodi raggruppò e modificò le opere di Aristotele. Aristotele rimane uno dei pensatori più influenti di tutti i tempi e ha contribuito notevolmente alla storia.

Crediti immagine: Royalty Now

# 19 Mumtaz Mahal

Mumtaz Mahal fu l'imperatrice consorte dell'Impero Mughal dal 1628 al 1631 come moglie principale dell'imperatore Mughal Shah Jahan. È nota soprattutto come la donna per la quale il Taj Mahal fu costruito per fungere da tomba. Citato come una delle meraviglie del mondo, il monumento è visto come uno di amore e devozione eterni. Mumtaz (nato Arjumand Banu Begum) nacque da una nobile famiglia persiana nel 1593 e divenne promessa sposa di Shah Jahan all'età di 19 anni. La coppia ebbe 14 figli, l'ultimo dei quali causò la morte di Mumtaz. Sfortunatamente non sono noti ritratti contemporanei di Mumtaz, quindi lavoro da una somiglianza del XVII-XVIII secolo. Mumtaz ha vissuto uno stile di vita sontuoso e lussuoso senza precedenti. Aveva un'enorme indennità per vestiti e viaggi. Tuttavia, era più di un personaggio insignificante della storia: era la fidata consigliera e confidente di Shah Jahan. Su suo consiglio, avrebbe perdonato i nemici e persino commutato condanne a morte. È intervenuta a favore dei poveri e degli indigenti ed è stata una protettrice delle arti e della cultura in tutto l'impero.

Crediti immagine: Royalty Now

# 20 Shah Jahan

Shah Jahan era il quinto imperatore Mughal, dopo Bâbur, Humâyûn, Akbar e Jahângîr, suo padre (si spera che tutti saranno creati come futuri sudditi!). Da bambino, era molto intelligente e ha mostrato la promessa molto presto nella vita. Assumendo il trono nel 1628, Shah Jahan è considerato uno degli imperatori Mughal di maggior successo, regnando per 30 anni. L'impero prosperò sotto il suo lungo governo. È noto soprattutto per aver costruito il Taj Mahal per la sua defunta moglie Mumtaz Mahal e per essere un grande costruttore di monumenti.

Crediti immagine: Royalty Now

# 21 Cleopatra

Crediti immagine: Royalty Now

# 22 Akhenaton

Akhenaton era un antico faraone egiziano nato nel 1380 aEV che regnò intorno al 1353–1336 aEV. Prima del quinto anno del suo regno, era conosciuto come Amenhotep IV. Una delle sue mogli era la famosa Nefertiti (un precedente soggetto di Royalty Now). Akhenaton e Nefertiti erano noti per una rivoluzione religiosa, durante la quale scacciarono le molteplici divinità egizie e iniziarono una religione monoteista incentrata sul dio del sole, Aton (la ragione del cambio di nome da Amenhotep ad Akhenaton). I nuovi modi religiosi non furono ampiamente accettati dal popolo egiziano o dai nobili e gradualmente tornarono alla normalità dopo che il suo (presunto) figlio, il re Tutankhamon, divenne il leader. Akhenaton regnava in quello che era probabilmente il periodo più ricco della storia dell'antico Egitto, noto ora come periodo di Amarna. L'arte del periodo di Amarna deviava drasticamente dallo stile artistico precedente: era molto meno formale e piena di rappresentazioni più sinuose e realistiche dei sovrani, motivo per cui abbiamo ritratti così belli sia di Akhenaton che di Nefertiti. Confronta i loro ritratti con il soggetto precedente Hatshepsut e vedrai la differenza stilistica.

Crediti immagine: Royalty Now

# 23 Lady Jane Grey

Jane aveva solo 17 anni quando fu giustiziata nel 1554. È comunemente conosciuta come "La regina dei nove giorni", governando l'Inghilterra e l'Irlanda tra il 10 e il 19 luglio 1553. Prima della morte di Edoardo VI, egli nominò il La protestante Jane ei suoi discendenti diventeranno i suoi eredi, lasciando la sua sorellastra cattolica Mary fuori dalla successione. Il re Enrico VII era il bisnonno di Jane, il che la mise in corsa come legittima erede. Sfortunatamente Edward morì prima che il suo cambiamento alla successione potesse essere ratificato attraverso il Parlamento, lasciandolo su un terreno legalmente traballante, e la bassa velocità del viaggio delle notizie fece sì che Mary non avesse mai sentito parlare del cambiamento finché Jane non fosse già sul trono. Considerando Jane come un'usurpatrice, Mary raccolse rapidamente un esercito e marciò su Londra mentre Jane attendeva l'incoronazione. Dopo che Mary I fu installata come regina il 19 luglio, Jane alla fine fu considerata troppo pericolosa per vivere per la corona. Sia Jane che suo marito Lord Guildford Dudley furono giustiziati il ​​12 febbraio 1554. La vita di Jane interrotta fu una grande tragedia: era conosciuta come una delle giovani donne più istruite dei suoi tempi.

Crediti immagine: Royalty Now

# 24 Catherine De 'Medici

Catherine (1519 – 1589), era una nobildonna italiana della famosa e potente famiglia dei Medici. Fu regina di Francia dal 1547 al 1559, al fianco del re Enrico II fino alla sua morte nel 1559. Caterina ed Enrico avevano tre figli – Francesco, Carlo ed Enrico – e li guardò diventare re uno dopo l'altro. I tre figli regnarono in Francia in un'epoca di guerra civile e religiosa pressoché costante. I problemi che la monarchia doveva affrontare erano complessi e scoraggianti, ma Catherine riuscì a mantenere la monarchia e le istituzioni statali funzionanti anche a un livello minimo. Intelligente ma spietata, ha fatto ricorso a politiche intransigenti che includevano persecuzioni e violenze eccessive, portando il popolo francese a diventare estremamente disilluso dalla monarchia. È nota per aver fatto qualsiasi cosa per la sua famiglia e per la linea Valois per rimanere sul trono. Ciò è dimostrato dal divertente bocconcino che Catherine aveva un gruppo di spie femminili d'élite chiamate "Squadriglia Volante" che eseguì i suoi ordini. Senza Catherine, è improbabile che i suoi figli sarebbero rimasti al potere. Secondo Mark Strage, uno dei suoi biografi, Catherine era la donna più potente dell'Europa del XVI secolo.

Crediti immagine: Royalty Now

# 25 Hürrem Sultan

Hürrem Sultan, noto anche come Roxelana, era la principale consorte e moglie legale del sultano ottomano Solimano il Magnifico. È diventata una delle donne più potenti e influenti nella storia ottomana e una figura di spicco e controversa durante l'era nota come Sultanato delle donne. Nata in quella che oggi è l'Ucraina moderna, Hurrem era originariamente prigioniera di un'incursione di schiavi nel suo paese d'origine, la Rutenia. Entrò nell'Harem imperiale di Suleiman (un ex suddito di Royalty Now). Notoriamente, Hurrem è salito tra i ranghi dell'harem, attirando l'attenzione speciale di Suleiman. La coppia si innamorò e, rompendo con la tradizione ottomana, Suleiman fece di Hurrem la sua moglie legale e la prima consorte imperiale a ricevere il titolo di Haseki Sultan. La coppia ha avuto sei figli. Hurrem è famosa non solo per essere bella e la moglie del grande Sultano, ma anche per essere intelligente e attiva negli affari e nella direzione dell'impero. Ha agito come consigliere principale di Suleiman e ha tenuto una corrispondenza con i politici su questioni di stato sia straniere che nazionali.

Crediti immagine: Royalty Now

(Fonte: Bored Panda)