Ecco come apparivano 7 palazzi in tutto il mondo prima di cadere in rovina

Il mondo è pieno di meravigliosi luoghi storici come palazzi, castelli e simili. Tuttavia, il passare del tempo non è così delicato per alcuni come per altri. Mentre alcuni rimangono fino ad oggi, la maggior parte di queste fantastiche strutture sono sepolte, crollate o sono in completa rovina. È un peccato non poter vivere queste rovine nella loro antica gloria.

Oppure possiamo? Artisti 3D di talento e l'attuale tecnologia ci consentono di dare un'occhiata a come erano i luoghi famosi in passato. Le persone di Budget Direct hanno ricostruito 7 palazzi storici in tutto il mondo in 3D e diamo un'occhiata a come erano questi palazzi nel loro periodo migliore. Quindi, senza ulteriori indugi, facciamo un tuffo nelle profondità della storia.

Maggiori informazioni: budgetdirect.com.au | Facebook | youtube.com

Sans Souci, Haiti

Crediti immagine: Budget Direct

Il generale rivoluzionario Henry Christophe si dichiarò re del nord di Haiti nel 1811. Secondo una prospettiva, Henry I era un dittatore di latta che costrinse i suoi compagni haitiani a tornare alla schiavitù virtuale e fece precipitare la nazione in una guerra civile di 13 anni. Secondo un altro, era un brillante legislatore che ha forgiato una colonia di ex schiavi in ​​una nazione abbastanza influente da imporre concessioni dai grandi imperi d'Europa.

Mentre l'eredità di Henry è alquanto discutibile, la bellezza del suo palazzo non lo è. Chiamata la "Versailles dei Caraibi", i maestosi gradini e le terrazze del palazzo sono un imponente monumento all'indipendenza haitiana.

Qal'eh Dokhtar, Iran

Crediti immagine: Budget Direct

Ardašīr costruì Qal'eh Dokhar I come "fortezza barriera" durante la sua fondazione nel 3 ° secolo dell'Impero Sasanide in Iran. Il terzo piano della fortezza ospitava la sua residenza reale, ma alla fine fu soppiantato da un palazzo più grande che costruì nelle vicinanze.

Poiché è fortificato, Qal'eh Dokhtar è tecnicamente un castello, non un palazzo. Tuttavia, di fronte alle sue meravigliose mura, chi potrebbe cavillare sulle etichette? Qal'eh Dokhtar vanta forse il primo esempio di chartaq iraniano – un quadrato di quattro archi che sostengono una cupola – che divenne una caratteristica importante dell'architettura tradizionale iraniana.

Palazzo di Cnosso, Grecia

Crediti immagine: Budget Direct

Il palazzo più antico di questa lista da due millenni, Knossos, fu costruito intorno al 1700 aC. Oltre alla sua funzione politica, fu anche progettato come centro economico e religioso per la misteriosa civiltà minoica. Knossos fu distrutta intorno al 1375 aC: sopravvissero a invasioni, incendi e terremoti quasi un secolo in più rispetto a complessi minoici simili.

Senza un modo per decifrare gli scritti minoici, i numerosi e sorprendenti affreschi delle rovine sono la chiave per comprendere la cultura minoica. Ad esempio, uno descrive lo sport del salto dei tori. Questo sport potrebbe aver dato origine alla leggenda del Minotauro, un mezzo uomo / mezzo toro cannibalista della successiva mitologia greca.

Palazzo Ruzhany, Bielorussia

Crediti immagine: Budget Direct

La famiglia Sapieha, mediatori del potere del Commonwealth polacco-lituano, costruì il palazzo Ruzhany alla fine del 1700 sul sito del loro precedente castello. Nel suo periodo di massimo splendore, il famoso teatro di Ruzhany impiegava 100 artisti. Il palazzo possedeva anche una famosa biblioteca e una collezione di quadri.

Nel 1831, il palazzo fu affittato alla famiglia Pines come fabbrica tessile, portando ricchezza alla comunità ebraica locale. Il palazzo di Ruzhany, la comunità ebraica e l'indipendenza politica finirono violentemente durante la seconda guerra mondiale. Oggi la regione è controllata dalla Bielorussia, che ha iniziato a riportare Ruzhany al suo antico splendore.

Palazzo Dungur, "Palazzo della Regina di Saba", Etiopia

Crediti immagine: Budget Direct

Dungur Palace si trova nel villaggio etiope di Aksum, una volta la vivace capitale di un impero africano che si estendeva dal sud dell'Egitto allo Yemen. Il palazzo del VI secolo contiene circa 50 stanze, tra cui una zona bagno, cucina e (possibile) sala del trono.

Poco si sa sulla storia dell'edificio stesso. Il suo soprannome – "il Palazzo della Regina di Saba" – è un pio desiderio. Tuttavia, la scoperta di una scultura di una "bella donna" durante gli scavi ha alimentato la speranza che i resti della vera residenza della regina possano nascondersi sotto Dungur.

Clarendon Palace, Regno Unito

Crediti immagine: Budget Direct

Nonostante la composizione di un documento legale inglese molto significativo all'interno delle sue sale, questo palazzo del XII secolo è quasi dimenticato. Le "Costituzioni di Clarendon" furono il tentativo di Enrico II di ottenere l'autorità legale sugli impiegati della chiesa, ma invece esacerbarono una faida con il suo amico Thomas Becket. Questa faida alla fine portò al martirio dell'arcivescovo Beckett.

Enrico III ampliò il palazzo, commissionando un camino intagliato e una cappella in vetro colorato. Nel 1400, Clarendon era un vasto complesso reale. Rimase un rifugio preferito dei monarchi fino all'era Tudor, quando gli alti costi di manutenzione portarono al suo rapido declino. Oggi rimane un solo muro fuori terra.

Husuni Kubwa, Tanzania

Crediti immagine: Budget Direct

L'isola di Kilwa Kisiwani era uno dei più importanti sultanati della rete commerciale della “costa swahili”, che collegava l'Africa orientale al mondo arabo. Per oltre 300 anni, l'oro e l'avorio sono usciti dai suoi porti, mentre la seta e la porcellana cinesi sono fluite. Il palazzo del XIV secolo a Husuni Kubwa è solo una delle tante rovine di pietra corallina che punteggiano l'isola.

Husuni Kubwa è stato costruito dal sultano al-Hasan ibn Sulaiman. Aveva oltre 100 stanze, una piscina ottagonale e un'area di sosta per il carico delle merci sulle navi. Anche Husuni Kubwa, insieme ad altre dimore d'élite di Kilwa, era dotato di impianti idraulici interni.

Il post Ecco come apparivano 7 palazzi in tutto il mondo prima di cadere nelle rovine è apparso per la prima volta su Bored Panda .

(Fonte: Bored Panda)