Domenica Feraud descrive un incontro inappropriato con una “star del cinema”

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Domenica Feraud (@domenicaferaud)

Una drammaturga e attrice di nome Domenica Feraud ha scritto un saggio Medium intitolato "The Movie Star and Me". Il saggio è un lungo articolo alla cieca su uno dei suoi primi grandi lavori, in cui era praticamente stagista capo in un revival musicale di Broadway. Il musical aveva una "star del cinema" in testa e la star del cinema iniziò a inseguire Domenica al lavoro. A causa della natura della fama e della natura di questo tizio fottuto, praticamente tutti nella produzione farebbero qualsiasi cosa per mantenere la star del cinema felice, attiva e concentrata, anche se ciò significava permettergli di essere piuttosto inappropriato con un Stagista di 23 anni. La star del cinema all'epoca aveva 35 anni e nel corso della storia si comporta come un adolescente lunatico, inconsapevole dei confini, che gioca a giochi giovanili, ossessionato dalla sua nuova cotta o ignorandola completamente. Tra di loro non succede nulla di illegale o criminale. Ha scritto il pezzo per esaminare la relazione, come è stato abilitato e come gli "adulti" sostanzialmente gliel'hanno offerta per rendergli la vita più facile, per placarlo e metterlo di buon umore. Potete leggere il pezzo completo qui . Verso la fine, ha fatto alcuni punti positivi:

Ho aspettato il suo messaggio, ma non è mai arrivato. Dopo un mese ho ceduto, digitando: non ho avuto la possibilità di dire: la performance che ho visto è stata davvero qualcosa. Non ha mai risposto. Settimane dopo stavo prendendo il tè con un conoscente quando ha allevato la star del cinema senza conoscere la nostra storia. La sua amica era la sua pubblicista e spegneva costantemente gli incendi per suo conto. Apparentemente, si innamora a vista di questi giovani stagisti e PA, li insegue ossessivamente e poi va fuori di testa dopo un mese e scompare. Mi sentivo come se stessi cadendo in un abisso, sentendo parlare della mia vita dalla bocca di qualcun altro. Il mio primo pensiero non è stato, è un predatore che prende di mira le donne che lavorano per lui. Era, come puoi essere così stupido? Mi sono ammalato durante la notte. Il mio appetito si è spento: quasi tutti i giorni non potevo mangiare fino alle 21:00. Sono andato a chiudere con i miei genitori: quando mi sono congratulato con il mio mentore, mi ha guardato freddamente, apparentemente dimenticando che una volta ne avevo fatto parte. Ha chiarito che non ero stata invitata all'after party e quando me ne sono andata sono stata inondata di vergogna.

Poi è successo anche a me. Ho letto quello che Dustin Hoffman ha detto agli stagisti e sono rimasto inorridito prima di ricordare che la star del cinema mi diceva che ricambia sempre il sesso orale il primo giorno. Ho riletto la mia sceneggiatura, citazioni letterali delle persone coinvolte che mi hanno sbalordito: ero una merce offerta dal mio mentore per rendere il processo più semplice. Non l'ho ancora affrontata perché ho il terrore che la deriderà, sappiamo entrambi che lo volevi. E ha ragione: una parte di me l'ha fatto. Ma quella parte non è mai stata consenziente. Il consenso è diventato impossibile nel momento in cui ha commentato il mio aspetto al lavoro. Non posso mai sapere quali fossero i miei veri sentimenti perché ha attraversato confini che per lui non esistevano, confini che non sapevo di dover proteggere. Sono preoccupato che a nessuno importi quando condivido questo, che la gente penserà che sto leggendo troppo nelle cose. È difficile vivere in un'area grigia che in realtà non è grigia, essere quello che ti dice cosa è successo era inaccettabile quando tutti si comportavano come se avessi vinto alla lotteria nel momento in cui ha puntato su di te.

Ho discusso se mettere questo nel mondo perché non voglio ferire nessuno, incluso me stesso. Ma non credo di essere l'unica donna con cui questo attore ha fatto questo ballo. Era troppo ben coreografato. E per quanto al mio cervello piaccia dirmi il contrario, non sono un idiota a innamorarmi: sono umano. Ero giovane, ingenuo, insicuro e tutte queste cose mi rendevano il bersaglio perfetto. Credevo di vivere una favola e la società sosteneva quella narrativa. Ma è stato un incubo, di cui sono ancora segnato. E quest'uomo è stato abilitato nel suo comportamento ad ogni passo, il che mi rende difficile credere che sia un'anomalia. E le persone come il mio mentore probabilmente si dicono che queste giovani donne sono fortunate, ma sono qui per dissentire con veemenza. Perché le conseguenze che non finiscono mai? Non vale la favola.

[Da medio]

Sì, mi piace come affronta a testa alta ciò che le persone le lanceranno addosso: voleva stare con lui, avrebbe dovuto sapere che era tutto un gioco, non avrebbe mai dovuto provare sentimenti per lui, ecc. Ma ancora: “ Non posso mai sapere quali fossero i miei veri sentimenti perché ha attraversato confini che per lui non esistevano, confini che non sapevo di dover proteggere”. Aveva 23 anni, una vergine che non aveva mai avuto alcun tipo di relazione sessuale o romantica. Non aveva alcuna comprensione di ciò che le stava accadendo, non aveva l'esperienza per capire. Ed è per questo che l'ha fatto, per questo l'ha presa di mira, perché era giovane, inesperta, ingenua.

E sì, penso che sappiamo fin troppo bene chi è questo. Ha davvero un tipo: giovani donne tra i 19 ei 24 anni, inesperte, protette. Quando l'amica di Domenica ha menzionato il suo addetto stampa che ha spento gli incendi, ho quasi urlato. Oh.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Domenica Feraud (@domenicaferaud)

Foto per gentile concessione di Instagram.