Denzel Washington su Will Smith: “Non c’è, se non per la grazia di Dio, andate chiunque di noi”

Denzel Washington è un uomo profondamente religioso. È figlio di un predicatore e frequenta regolarmente la Chiesa di Dio in Cristo. Quando Denzel e Tyler Perry hanno tirato da parte Will Smith pochi minuti dopo che Will aveva schiaffeggiato Chris Rock sul palco degli Oscar, alcuni hanno suggerito che Will stesse parlando con "gli anziani della chiesa". Il che penso significhi che Bradley Cooper è stato temporaneamente nominato come una specie di diacono per la notte, perché stava anche cercando di aiutare Will. Comunque, Denzel non ha detto una parola pubblicamente su Will nelle ore e nei giorni successivi agli Oscar. Ma sabato, Denzel ha parlato con il pastore TD Jakes all'International Leadership Summit, e gli è stato chiesto cosa è successo e di cosa ha parlato con Will quella notte. Will aveva persino fatto riferimento a Denzel nel suo discorso all'Oscar, citando le parole di Denzel: "Nel tuo momento più alto, fai attenzione, è allora che il diavolo viene per te". Ecco cosa ha detto Denzel su tutto questo:

Denzel Washington ha parlato pubblicamente per la prima volta degli Oscar 2022 e della sua risposta durante la cerimonia dopo che Will Smith ha schiaffeggiato Chris Rock sul palco del Dolby Theatre. Dopo lo schiaffo, Washington – che è stato nominato per Macbeth – è stato visto con lo sceneggiatore e regista Tyler Perry parlare con Smith, in una conversazione prima della vittoria del miglior attore della star di King Richard e del discorso di accettazione in lacrime, che è raddoppiato come scusa per il Accademia.

Dopo che Jakes ha detto a Washington durante l'evento di sabato che era "entrato nel mezzo della terza guerra mondiale", l'attore ha risposto per primo con umorismo. “C'è un detto: quando il diavolo ti ignora, allora sai che stai facendo qualcosa di sbagliato. Il diavolo dice: 'Oh, no, lascialo in pace. È il mio preferito'”, ha detto Washington, ridendo, prima di diventare più solenne. “Al contrario, quando il diavolo ti viene incontro, forse è perché stai cercando di fare qualcosa di giusto. E per qualche ragione, quella notte il diavolo si è impadronito di quella circostanza”.

Washington ha continuato dicendo che fortunatamente c'erano persone lì, incluso Perry, che secondo lui è venuto immediatamente e ha condiviso le preghiere con Smith. L'attore ha rifiutato di discutere ciò che era stato detto tra gli uomini in quel momento e ha anche rifiutato di condannare Smith. “Là, ma per la grazia di Dio, andate ognuno di noi. Chi siamo noi per condannare?" chiese Washington. "Non conosco tutti i dettagli della situazione, ma so che l'unica soluzione era la preghiera".

Più tardi durante il panel, Washington ha anche detto a Jakes quando è stato affrontato l'argomento dell'attore che rimaneva al suo posto che non era un'opzione per lui non alzarsi e rivolgersi a Smith. “Non avrei potuto sedermi al mio posto. In nessun modo avrei potuto sedermi al mio posto", ha detto. "Non è proprio quello che sono."

[Da THR]

Wow, Will Smith ha avuto davvero una discussione con gli anziani della chiesa, non era uno scherzo. Tyler e Denzel stavano pregando con Will e stavano cercando di aiutarlo usando la fede. La cosa di Denzel riguardo al diavolo è un po' mal espressa? Penso che stia dicendo… se non senti il ​​diavolo fottere con te, è allora che devi preoccuparti, perché sei uno dei preferiti del diavolo? Ma quando senti il ​​diavolo fottuto con te, significa che stai facendo qualcosa di giusto nella tua vita. Ma onestamente, la parte migliore è "Là, ma per la grazia di Dio, andate ognuno di noi. Chi siamo noi per condannare?" Mahatma Washington.

Incorpora da Getty Images

Foto per gentile concessione di Getty, Avalon Red.