Dan Brown, autore di “The Da Vinci Code”, è stato accusato di aver vissuto una doppia vita dalla sua ex moglie

Screenrant afferma che Dan Brown , autore della serie The Da Vinci Code , è stato citato in giudizio dalla sua ex moglie Blythe Brown (nella foto insieme nel 2013). E Blythe viene per lui come la Chiesa cattolica dopo l'ultimo discendente di Gesù Cristo, tesoro! Ha accusato Dan di aver vissuto una doppia vita durante i loro vent'anni di matrimonio tra cui avere una relazione davvero costosa. E che lui in qualche modo la Big- l'aveva seguita prendendosi il merito per la merda che ha inventato per i suoi romanzi.

La 56enne Dan e la 68enne Blythe sono state sposate per 21 anni prima di divorziare l'anno scorso, ed è stata notata per aver "aiutato" Dan con i suoi libri di Robert Langdon. Ce ne sono cinque in totale e tre sono stati trasformati in film come TDVC, Angels & Demons (il migliore). e Inferno (il peggiore). La serie ha venduto oltre 120 milioni di copie in tutto il mondo e ha fatto incazzare anche molti cattolici. Ma ora è incazzato con il suo ex.

Blythe sostiene un po 'più di qualche "assistenza" con i libri di Dan e afferma di essere stata l'ispirazione per loro e ha trovato la premessa. Dice che Dan le stava nascondendo potenziali progetti relativi alla serie, in particolare una serie televisiva. Ma la sua vera carne bovina con lui sono tutti i soldi che avrebbe speso per il suo pezzo laterale. Blythe sta accusando Dan di aver picchiato un addestratore di cavalli per anni e finanziato i suoi affari e acquistato i suoi cavalli. Ma poi di nuovo, cos'altro compri il tuo lato amante dei cavalli? La causa afferma:

“Dan ha vissuto una proverbiale vita di menzogne ​​almeno negli ultimi sei anni, sembrando essere l'epitome di un romanziere di fama mondiale che conduce una vita semplice nel suo stato nativo nel New Hampshire, mentre in realtà era qualcosa di completamente diverso. ”

Dan è "sbalordito" dalle affermazioni della causa e ha rilasciato una dichiarazione affermando che Blythe sta mentendo e che non ha mai mentito sulle finanze:

"Per ragioni note solo a lei e forse al suo avvocato, Blythe Brown ha creato attraverso questa causa un racconto immaginario e vendicativo di aspetti del nostro matrimonio progettati per ferirmi e mettermi in imbarazzo."

Il Daily Mail afferma che la presunta padrona, Judith Pietersen , che ha vent'anni, ne ha parlato. Sebbene Judith non sia stata nominata specificatamente nella causa, è stata definita una "giovane addestratrice di cavalli dall'Olanda" di nome "JP". Sembra che Judith abbia incontrato Dan attraverso Blythe nel 2013, mentre è stata assunta per addestrare il cavallo frisone di Blythe. Due ragazze cresciute? Dan ha un tipo. Judith ha dato questa breve dichiarazione a The Daily Mail:

“Questa è una questione privata tra Dan Brown e Blythe Brown. Non dipende da me, ma piuttosto dal giudice in America commentare. Non sono parte in questa causa e apprezzerei che la mia privacy fosse rispettata. "

Per quanto riguarda il modo in cui Blythe ha scoperto la relazione, immagino che Judith abbia lasciato un biglietto sul sangue sul muro di Blythe che recitava: " Lui, compra la tua sabbia adatta per re " , che è un insensato anagramma per " Sto fottendo tuo marito, cagna. "Voglio dire, questa storia coinvolge il tizio del Codice Da Vinci dopo tutto.

Pic: Wenn.com

Commenta su Facebook