Covid, zecca la data della riapertura delle scuole L’ipotesi del governo

Il bollettino del 24 novembre sull'emergenza coronavirus in Italia non ha fornito buoni dati. Sono 23.232 i nuovi contagi da coronavirus in Italia secondo i dati diffusi dal Ministero della Salute. Da ieri sono stati registrati altri 853 decessi. Nelle ultime 24 ore sono stati eseguiti 188.659 tamponi. I pazienti in terapia intensiva sono 3.816, con un incremento di 6 unità. C'è un brutto dato che riguarda i morti che sono 853 rispetto a quelli di ieri, 630 ”, ha detto Gianni Rezza, Direttore della Prevenzione del Ministero della Salute.

Il professor Franco Locatelli ha aggiunto: “Abbiamo 122 morti in più rispetto alla scorsa settimana, è una cifra che non avremmo voluto commentare. È molto doloroso parlarne. Questo sarà un dato che tenderà a diminuire successivamente rispetto agli indicatori epidemiologici di trasmissibilità. Per qualche giorno continueremo a pagare un prezzo legato al periodo in cui il virus ha circolato più massicciamente nel Paese ". Ma ora ci sono buone notizie sulla scuola. (Continua dopo la foto)

Uno dei temi principali che sarà all'ordine del giorno nella discussione di domani, mercoledì 25 novembre, tra il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ei capi delegazione delle forze che sostengono la maggioranza sarà il mondo della scuola. Si parlerà infatti della riapertura delle scuole, che al momento prevedono ancora la formazione a distanza. Ed è già stata fissata una data per quanto riguarda la possibilità di rivedere gli studenti varcare i cancelli della scuola. (Continua dopo la foto)

Gli alunni delle scuole superiori così come le classi seconde e terze delle medie potrebbero tornare a sedersi tra i banchi il 9 dicembre, cioè il mercoledì successivo all'Immacolata Concezione. Già nell'intervista a Lilli Gruber su La7, il premier aveva ipotizzato che le scuole potessero riaprire i battenti a dicembre. A spingere forte per prendere questa decisione sono il Movimento Cinque Stelle, con in testa il ministro Lucia Azzolina, e Italia Viva di Renzi. (Continua dopo la foto)

Per quanto riguarda le morti per Covid, cresce l'elenco dei medici che hanno perso la vita. L'ultimo è Daniele Cagnacci, napoletano, 64 anni. Aveva il suo studio in Corso Umberto, nel centro della capitale napoletana. Ed era diventato il punto di riferimento per un intero quartiere. Cagnacci è morto in soli 5 giorni dopo aver scoperto la positività al virus.

Arrivederci Daniele, il dottore dal cuore d'oro ucciso da Covid in soli 5 giorni: "Rimarrai sempre nei nostri cuori"

L'articolo Covid , controlla la data di riapertura delle scuole. L'ipotesi del governo arriva da Caffeina Magazine .

(Fonte: Caffeina)