Coronavirus, infezioni e malati continuano a crescere. Ecco i numeri dell'ultimo bollettino

"Oggi abbiamo 138 persone dimesse e guarite di più, il totale va da 276 a 414. Abbiamo anche 41 morti, 25 dei quali in Lombardia, 8 in Emilia Romagna, 4 in Veneto, 2 in Liguria e 2 in Piemonte". Queste sono le parole di Angelo Borrelli, commissario straordinario per l'emergenza del Coronavirus. In totale, ci sono 148 morti per l'epidemia. "Il numero totale di persone recuperate è del 10,73%, i morti rappresentano il 3,84%".

La "fascia d'età" delle persone che sono morte oggi "è dai 66 ai 94 anni, sono persone fragili, per lo più con patologie diverse. Questo solo per una comunicazione trasparente". "Il dato positivo è 3296 in tutte le regioni, con un aumento di 590. In Lombardia ci sono 280 unità in più, in totale sono 1777 e rappresentano il 54% del totale", aggiunge. Continua dopo la foto

Nel dettaglio, i casi attualmente positivi sono 1.777 in Lombardia, 658 in Emilia-Romagna, 380 in Veneto, 120 nelle Marche, 106 in Piemonte, 60 in Toscana, 41 nel Lazio, 45 in Campania, 21 in Liguria, 21 in Friuli Venezia Giulia, 16 in Sicilia, 12 in Puglia, 9 in Umbria, 8 in Abruzzo, 7 nella Provincia Autonoma di Trento, 7 in Molise, 2 in Valle d'Aosta, 2 in Calabria, 2 in Sardegna, 1 in Basilicata e 1 nella provincia autonoma di Bolzano. Continua dopo la foto

“In terapia intensiva 351 persone sono ricoverate in ospedale. Non ci sono stati problemi o criticità negli ospedali, anche in quelli lombardi, particolarmente affaticati. Il rafforzamento delle unità di terapia intensiva e sub-intensiva è in corso ", afferma. Nel frattempo, il governo si sta muovendo. "L'obiettivo è: nessuno dovrebbe perdere il posto di lavoro per il coronavirus", afferma il ministro dell'Economia Roberto Gualtieri. La deviazione dal debito sarà di € 7,5 miliardi, in termini di saldo netto da finanziare; tecnicamente sono 6,35 miliardi in termini di debito ". Continuare dopo la foto

{loadposition intext}
"La lettera che precede la presentazione del rapporto in parlamento che informa della deviazione è già iniziata (ma ovviamente, siamo stati in costante contatto. Da questo punto di vista, non ci sono problemi", aggiunge. Le risorse per il prossimo il decreto legge "è significativo e ci consente di affrontare le conseguenze immediate dal punto di vista economico del coronavirus. Naturalmente sappiamo che, come abbiamo sempre detto, anche questo secondo decreto non esaurisce gli interventi necessari per sostenere e rilanciare il economia ".

Potresti essere interessato a: "Un outlet per c ***". GF Vip, Adriana Volpe lo confessa agli inquilini. Gieffina è certa

L'articolo sul Coronavirus , le infezioni e i malati continuano a crescere. Ecco i numeri dell'ultimo bollettino della rivista Caffeina .

(Fonte: Articolo originale su Caffeina Magazine)

Commenta su Facebook