Coronavirus, in 11 regioni nessuna vittima, ma il numero di morti aumenta

Come sempre verso le 18:00, il Dipartimento della Protezione Civile ha pubblicato il bollettino con i dati sull'emergenza del coronavirus in Italia nelle ultime 24 ore. Oggi, sabato 30 maggio, il numero delle vittime quotidiane è di nuovo in crescita a causa dell'aumento delle morti in Lombardia (67 nelle ultime 24 ore): oggi ci sono 111 (98 ieri), per un totale di 33.340 morti. Il numero totale di persone che hanno contratto il virus dall'epidemia è stato di 232.664. In terapia intensiva ci sono 450 persone oggi, 25 in meno rispetto a ieri e 6680 persone sono ancora ricoverate in ospedale con sintomi, 414 in meno rispetto a ieri. Nell'isolamento domestico 36561 persone (-2045 rispetto a ieri).

I guariti raggiunsero 155.633, con un aumento in 24 ore di 2.789 unità (ieri c'erano 2.240 persone). Il calo dei malati è stato di 2484 unità (ieri 1811) mentre le nuove infezioni rilevate nelle ultime 24 ore sono state 416 (ieri 516). Oggi, per la prima volta come scrive Repubblica, ci sono 11 regioni senza nemmeno una vittima: Valle d'Aosta, Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia, Umbria, Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Puglia, Calabria e Sardegna. La Lombardia è l'unica regione con più di 10 vittime e anche quella in cui sono registrati la maggior parte dei tamponi positivi rilevati oggi: 221 nuovi positivi (53,1% delle nuove infezioni). (Continua dopo la foto)

Intanto si avvicina una data importante: il prossimo 3 giugno, vai a viaggiare gratis in Italia, compresi quelli che torneranno dall'estero. Ma come sottolineato dal Corriere della Sera e ribadito più volte in ogni nota resa pubblica dall'Istituto Superiore di Sanità "non sarà, comunque, un libero tutti". In effetti, alcuni obblighi e divieti rimangono validi. Prima di tutto, raduni e folle, anche a casa. (Continua dopo la foto)

Rimane l'obbligo del distanziamento sociale anche all'aperto, una distanza che dovrebbe essere normalmente mantenuta di 1 metro, ma anche 2 per lo svolgimento di attività fisiche. La maschera non deve mai mancare a nessuno, evitando di toccarla troppo spesso. Nessun abbraccio e baci, tranne i parenti, e contatti fisici dovrebbero essere evitati con i parenti non conviventi (specialmente gli anziani). (Continua dopo la foto)


I guanti sono obbligatori quando si acquista cibo e devono essere indossati in molti negozi. Non rifiutare mai la misurazione della temperatura corporea che, se raggiunge i 37,5, vieterebbe comunque l'accesso a molti luoghi pubblici. Le prenotazioni presso il parrucchiere e in palestra restano obbligatorie e se ci vengono chieste le informazioni generali, al fine di rintracciare qualsiasi contagio, resta necessario fornirle. Viaggiare? Sì, ma solo nei paesi che accettano gli italiani.

Coronavirus, neonato morto: anche i fratelli positivi, 70 persone isolate

L'articolo del Coronavirus , in 11 regioni non ha riportato vittime ma il numero di decessi proviene dalla rivista Caffeina .

(Fonte: Caffeina)

Commenta su Facebook