Catherine Zeta-Jones e Carys Douglas hanno realizzato un’imbarazzante campagna pubblicitaria su Fendi

L'anno scorso, abbiamo appreso che Catherine Zeta-Jones sta cercando di ottenere la carriera di sua figlia adolescente attraverso il nepotismo. Catherine e Carys sono apparse insieme sulla copertina di Town & Country e Carys ha parlato in modo bizzarro di come ha "lavorato duramente" per arrivare dove si trova e di come "costantemente" si sente come se dovesse provare se stessa. All'epoca aveva 15 anni e non avevo mai visto la sua modella in nessun posto. Era solo una normale bambina di 15 anni ma sembrava che Catherine stesse cercando di trasformarla nella prossima Kaia Gerber, in tutti i sensi. Poi, durante l'estate, Catherine e Carys hanno fatto un altro servizio fotografico congiunto per Vanity Fair Spain, dove – di nuovo – sembrava che Catherine lo stesse davvero forzando su Carys, e forzando l'idea che Carys fosse la prossima grande modella / attrice o qualcosa del genere.

Quindi … quale sarebbe stata la prossima volta che la madre era intenzionata a far "accadere" sua figlia? Catherine e Carys hanno ottenuto una campagna pubblicitaria congiunta per le borse Peekaboo di Fendi. Hanno fatto insieme un video esilarantemente imbarazzante e questi annunci pubblicitari semplicemente "ok". Carys ha dichiarato a People Magazine : “Ci siamo divertiti così tanto sul set. Il nostro senso dell'umorismo è abbastanza simile, quindi ridiamo sempre quando [io e mia mamma] stiamo insieme. È onestamente la persona più divertente che conosca. ”

Vera domanda: pensi che questo sia un caso in cui Carys è andata da sua madre e ha detto "Voglio fare la modella" e Catherine è semplicemente intenzionata a ottenere una carriera da Carys? O è questa Catherine che lo sta forzando su Carys? Penso che sia Catherine a forzarlo su Carys. E penso anche che a Catherine non importi davvero se la carriera di Carys avvenga. Penso che Catherine lo stia facendo per Catherine. È tutto molto strano.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Fendi (@fendi) su

Foto per gentile concessione di Fendi.

Commenta su Facebook