Brad Pitt ha vinto l’affidamento congiunto dei bambini dopo che un giudice ha abbattuto la richiesta di Angelina Jolie di lasciare testimoniare ai bambini

Angelina Jolie e Brad Pitt sono stati dichiarati divorziati nel 2019, ma hanno continuato a litigare a vicenda per la custodia dell'esercito infantile. È durato così a lungo che uno dei ragazzi è invecchiato fuori dal processo – fortunato Maddox! Ma il resto della covata ( Pax di 17 anni, Zahara di 16 anni, Shiloh di 14 anni e le gemelle di 12 anni, Vivienne e Knox ) erano in palio. Sembrava che questa disordinata battaglia per la custodia sarebbe durata fino a quando Vivienne e Knox non hanno spento le 18 candeline sulla loro torta di compleanno (e sì, Angie e Brad avrebbero poi preso pezzi di quella torta e l'hanno lanciata l'uno contro l'altro). Ma Page Six dice che il giudice, che Angelina ha cercato di rimuovere dal caso, ha dato provvisoriamente la custodia congiunta di Brad dopo aver abbattuto il suo desiderio che i bambini testimoniassero contro il loro padre sui suoi presunti modi violenti. Angie e Brad non stanno mettendo giù i loro stinchi, però, perché secondo quanto riferito continuerà a combattere contro di lui.

Il diciannovenne Maddox Jolie-Pitt , che Brad avrebbe attaccato su un aereo privato nel 2016, avrebbe testimoniato nel caso, e può prendere questa decisione da quando ha più di 18 anni. Ma quando si è trattato degli altri bambini, il giudice John Ouderkirk ha rifiutato di lasciarli testimoniare. Il giudice Ouderkirk ha anche concesso a Brad più tempo con i bambini:

"C'è stato un cambiamento significativo negli accordi di custodia sulla base di una decisione estremamente dettagliata presa dal giudice … Brad stava solo cercando di avere più tempo con i suoi figli – ed è stato chiaro che Angie ha fatto tutto il possibile per impedirlo … Questo il processo è durato per diversi mesi e c'erano un sacco di testimoni, esperti, terapisti e altre persone che sono state con i bambini e intorno a loro, e la decisione si è basata su questo ".

Una fonte diversa ha sottolineato che si trattava di una "decisione provvisoria" e che Angelina non era contraria all'ottenimento dell'affidamento congiunto di Brad. Secondo quanto riferito, Angelina ha presentato documenti legali a marzo che hanno fornito informazioni sulla storia della violenza domestica che lei sostiene. Tuttavia, non sarà reso pubblico poiché è stato sigillato.

"L'affidamento congiunto non è la questione contro cui Angelina si oppone, c'erano altre questioni preoccupanti, ma i procedimenti giudiziari sono chiusi e sigillati", ha detto la fonte.

Apparentemente, l'unica vera speranza legale di Angelina è che il giudice Ouderkirk venga rimosso in appello. E per coincidenza, il suo team legale ha presentato una denuncia presso la seconda corte d'appello distrettuale della California. tramite Yahoo !:

"Il giudice Ouderkirk ha negato alla signora Jolie un processo equo, escludendo impropriamente le sue prove rilevanti per la salute, la sicurezza e il benessere dei bambini, prove fondamentali per sostenere il suo caso".

Ha aggiunto che il giudice "non è riuscito a considerare adeguatamente" una sezione del codice dei tribunali della California, che dice che è dannoso per il bambino se la custodia è data a una persona con una storia di violenza domestica – ma non ha fornito ulteriori informazioni su questo punto.

Brad è ovviamente entusiasta di ottenere l'affidamento congiunto e il suo avvocato ha fatto un giro della vittoria:

"Ouderkirk ha condotto un ampio procedimento negli ultimi sei mesi in modo completo ed equo e ha raggiunto una decisione provvisoria e un ordine dopo aver ascoltato esperti e testimoni".

Il deposito di Pitt ha affermato che il giudice ha ritenuto che la testimonianza di Jolie "mancasse di credibilità in molte aree importanti, e l'ordine di custodia esistente tra le parti deve essere modificato, su richiesta del signor Pitt, nel migliore interesse dei bambini".

Aggiunge che le obiezioni e i ritardi di Jolie nel raggiungere un accordo causerebbero "gravi danni ai bambini, ai quali verrà ulteriormente negata la permanenza e la stabilità".

Quindi la lotta continua, e credo che sia un bene per gli editori di tabloid. Perché il giorno in cui non ricevono chiamate da " fonti " (alias Team Brad o Team Angie) per parlare di merda dell'altra parte è il giorno in cui si stringono forte per la paura per l'incertezza di questo strano nuovo mondo che stanno vivere in.

Pic: Wenn.com