Boris Johnson non licenzierà Dominic Cummings per aver percorso 260 miglia durante il blocco

Incorpora da Getty Images

Da dove mi siedo, il blocco della pandemia del Regno Unito è stato disordinato quanto il blocco dell'America. Il governo federale americano – l'amministrazione Trump – è in uno stato di caos permanente e con quel vuoto di leadership è stato lasciato agli stati e alle località prendere le proprie decisioni in merito al blocco. Gli stati delle coste orientali e occidentali furono chiusi dal 15 al 17 marzo. Altri stati seguirono entro la prossima settimana. Il Regno Unito non ha bloccato fino al 23 marzo , ma una volta che lo hanno fatto alla fine, lo hanno fatto "bene" – niente a metà, hanno semplicemente bloccato tutto. Ed è stato durante quel rigoroso blocco che il braccio destro di Boris Johnson, Dominic Cummings, si è regalmente regalato. Cummings era l'architetto della Brexit ed è stato chiamato il co-primo ministro virtuale insieme a BoJo. Cummings aveva anche il coronavirus contemporaneamente a BoJo. Solo Cummings decise di percorrere 260 miglia attraverso l'Inghilterra mentre soffriva dei sintomi del virus:

Il primo ministro Boris Johnson ha dovuto affrontare un torrente di chiamate sabato per licenziare il suo consigliere più influente, Dominic Cummings, dopo aver riferito che il signor Cummings aveva visitato parenti nell'Inghilterra del nord mentre era malato di coronavirus, una violazione delle regole di blocco della Gran Bretagna. Il signor Johnson sembrava determinato a sostenere il signor Cummings, una figura enigmatica che ha aiutato a dominare la sua vittoria elettorale l'anno scorso e la campagna Brexit che ha portato alla partenza della Gran Bretagna dall'Unione europea.

Ma le notizie secondo cui Cummings aveva guidato a casa dei suoi genitori a Durham in aprile, quando il governo stava esortando le persone a rimanere a casa – in particolare quelle con sintomi del virus – scatenarono una tempesta politica, con i critici che lo accusavano di infrangere le regole che si applicano a tutti gli altri.

"Il popolo britannico non si aspetta che ci sia una regola per loro e un'altra per Dominic Cummings", ha detto un portavoce del Partito laburista dell'opposizione, che ha aggiunto di aver "violato le regole di blocco". Di fronte ai giornalisti fuori casa sabato, Cummings ha dichiarato: "Mi sono comportato in modo ragionevole e legale". Alla domanda se la sua decisione fosse stata "una bella figura", ha risposto: "Chi se ne frega della bellezza? È una questione di fare la cosa giusta. Non si tratta di quello che pensate voi ragazzi. ”

[Dal New York Times]

Durante il fine settimana, c'è stato un coro crescente di giornalisti, politici e cittadini britannici medi che chiedevano a BoJo di licenziare Cummings. Inizialmente, BoJo ha detto ai media che Cummings non aveva "nessuna alternativa" che guidare 260 miglia mentre era malato con il virus contro le linee guida del governo. BoJo ha detto che Cummings ha agito "responsabilmente, legalmente e con integrità … Penso che abbia seguito l'istinto di ogni padre e di ogni genitore, e non lo segnerei per quello." C'è anche qualche domanda sul fatto che Cummings abbia persino informato Johnson che stava lasciando Londra per fare questo viaggio, e nessuno ha risposto alla domanda se Cummings avesse effettivamente percorso altre 30 miglia per visitare un'altra città mentre era ancora malato o contagioso. Quindi, proprio mentre tutto stava diventando pazzo, Cummings ha pensato che sarebbe stata una buona idea tenere una conferenza stampa. È solo un aiutante!

Il principale aiutante di Boris Johnson si è rifiutato di scusarsi per aver guidato in tutta l'Inghilterra durante il blocco, in mezzo a uno scandalo sui suoi movimenti che ha messo in ombra la risposta del coronavirus del governo britannico.

"Non mi pento di quello che ho fatto", ha detto Dominic Cummings ai giornalisti lunedì dopo che Downing Street ha fatto lo straordinario passo di mettere il consulente speciale davanti ai media per rispondere alla saga. Cummings è stato più volte sollecitato a chiedere scusa al popolo britannico per aver viaggiato per 260 miglia attraverso l'Inghilterra e stare in una casa di proprietà dei suoi genitori, in un momento in cui il pubblico veniva invitato a non lasciare le proprie case. Ma ha detto che pensava che fare il viaggio fosse "la cosa migliore da fare" e ha accusato i media di aver creato "un'atmosfera molto brutta" intorno alla sua casa di Londra. E ha insistito sul fatto che un altro viaggio che ha fatto alla città di Barnard Castle, a diverse miglia dalla casa dei suoi genitori, è stato in modo da poter testare la vista e assicurarsi che fosse abbastanza sano per poi tornare a Londra – una spiegazione che è stata immediatamente interrogato dai politici dell'opposizione.

Una delle accuse centrali dei critici del governo, che includono diversi legislatori all'interno del partito conservatore di Johnson, è che a Cummings è stato permesso di interpretare le regole nel modo che ritiene opportuno quando al pubblico non è stato concesso lo stesso margine di manovra. Hanno sostenuto che le sue azioni minano il blocco del governo e violano il ripetuto messaggio di Johnson secondo cui le persone devono rimanere a casa per "salvare vite e proteggere il SSN". Ma Cummings ha affermato che "le regole hanno chiarito che se hai a che fare con bambini piccoli ci possono essere circostanze eccezionali". La guida sollecita le persone ad autoisolarsi in un posto se sono malate di sintomi e sottolinea che i genitori di bambini piccoli dovrebbero "continuare a seguire questo consiglio al meglio delle proprie capacità", aggiungendo: "Tuttavia, siamo consapevoli che non tutte queste misure sarà possibile. "

[Dalla CNN]

Quindi Cummings non si scuserà, non offrirà le sue dimissioni e Boris non lo licenzierà. E tutto lo sdegno per questo è stato solo pubblicizzato dai media. Fatto. Voglio dire … come ha fatto questo tizio a diventare così potente? Avrei pensato che dopo la Brexit non sarebbe stato in grado di farsi assumere per nulla.

Incorpora da Getty Images

Foto per gentile concessione di Getty.