Aurora non ce l’ha fatta. Strage di famiglia a Carignano, dopo la morte anche della madre e del gemello

Fu una vera strage quella di Carignano, in provincia di Torino. Un uomo di 40 anni, Alberto Accastello, ha sparato prima alla moglie, poi ai gemelli di due anni, poi si è suicidato. L'omicidio suicida è avvenuto in una piccola casa nella frazione di Ceretto. L'uomo ha anche sparato al cane. Accastello ha ucciso la moglie, la 38enne Barbara Gargano e inizialmente anche uno dei gemelli, Alessandro.

L'altra bambina, Aurora, è stata ricoverata in condizioni gravissime e si trovava nel reparto di terapia intensiva in condizioni critiche. Il proiettile le ha causato un grave trauma cranico. Per lei sono stati giorni di lotta tra la vita e la morte dopo la furia omicida del padre che ha annunciato il massacro in una telefonata al fratello: "Presto me ne sarò andata", ha detto. (Continua dopo la foto)

Ma nemmeno la piccola Aurora è riuscita a sopravvivere: è morta all'ospedale Regina Margherita di Torino. La condizione della bambina era apparsa grave sin dall'inizio. Da quando i carabinieri sono arrivati ​​in casa allertati dal fratello di Alberto Accastello, sconvolto per la macabra telefonata che annunciava la strage. Pare che alla base della strage ci fosse il desiderio di Barbara Gargano di separarsi dal marito. Sognava una vita lontana da Carignano e suo padre la aiutava a trovare un nuovo alloggio. Secondo le prime informazioni, sembra che da tempo la coppia non vada d'accordo e che i litigi siano stati frequenti. Alberto e Barbara si sono sposati nel 2015. (Continua dopo la foto)

Secondo gli investigatori, l'uomo ha sparato mentre sua moglie ei suoi figli dormivano. Tre colpi per moglie e figli. Un quarto per il cane. Con il quinto si sarebbe tolto la vita. Come riportato dal Corriere della Sera, la pistola ritrovata in casa era legalmente trattenuta: quando i carabinieri hanno sfondato la porta l'uomo era ancora vivo. È morto prima di essere trasportato in ospedale. (Continua dopo la foto)

{loadposition intext}

Secondo gli investigatori, l'uomo ha sparato cinque colpi mentre sua moglie ei suoi figli dormivano. Tre colpi per moglie e figli. Un quarto per il cane. Con il quinto si sarebbe tolto la vita. Un'autopsia sul corpo del piccolo Alexander ha rivelato che il bambino è stato ucciso da uno sparo esploso mentre dormiva. La visita è stata eseguita presso l'ospedale Amedeo di Savoia dal medico legale Roberto Testi.

2 anni, picchiato a morte dalla compagna di sua madre. "Non ha mosso un dito"

L'articolo Aurora non ce l'ha fatta. Strage di famiglia a Carignano, dopo la morte della madre e del gemello arriva anche lei da Caffeina Magazine .

(Fonte: Caffeina)