Apparentemente ITV non vuole alcuna rappresentazione LGBTQ + su “Love Island” perché sarebbe “logisticamente difficile”

Quando si tratta di televisione trash non c'è niente di più spaventoso che mettere un'orda di ragazze iniettate di silicone e scopatori pieni di succo su un'isola con tonnellate di alcol a loro disposizione. Questa è fondamentalmente la premessa essenziale per il disastroso reality britannico Love Island su ITV. Per essere nello show, devi solo essere un modello di Instagram caldo e disperato. Tuttavia, l'unica cosa che a quanto pare non puoi essere è gay perché, secondo il capo di ITV Kevin Lygo , non è in linea con l' essenza di Love Island .

Secondo Huffington Post UK , Kevin Lygo ha dovuto affrontare un contraccolpo con il calo degli ascolti delle passate stagioni di Love Island , ma invece di ammettere che la macchina di supporto vitale di Love Island si sta preparando per l'ultimo segnale acustico, sta sputando bugie e propaganda per continua la narrazione.

Interrogato sul futuro di Love Island durante un'intervista all'Edinburgh Television Festival, Lygo ha insistito: "Non credo che abbia raggiunto il picco, penso che questo [leggero calo degli ascolti] sia uno schema che vedi quando arrivano nuovi programmi e sono fenomeni enormi”.

Ha continuato: "Ci sono ancora molti anni e penso che la sfida lanciata ai produttori – e diamo loro un po' di credito, attraverso una pandemia sono riusciti a fare uno spettacolo ogni singola notte – è quella di apportare qualche sottile cambiamento al ravvivalo un po' e rendilo il più fresco possibile".

Signore, non c'è molto che tu possa fare per ravvivare uno spettacolo su thotbucket assetati che bevono e scopano su un'isola. Questo non è esattamente Shakespeare. Ma qualunque cambiamento debba essere fatto non includerà mai l'avere concorrenti gay o offrire una versione tutta LGBTQ+ dello spettacolo perché, nelle parole di Kevin Lygo, dovrebbe riguardare ragazzi e ragazze che si accoppiano. Anche se alcuni concorrenti del passato sono usciti dopo il loro tempo nella serie, il commissario ITV Amanda Stavri ammette che non ci saranno affari divertenti dello stesso sesso nello show perché presenta troppe sfide di produzione.

"In termini di isolani gay, penso che la sfida principale riguardi il formato di Love Island", ha affermato.

"C'è una sorta di difficoltà logistica, perché sebbene gli isolani non debbano essere al 100% retti, il formato deve in un certo senso dare [agli] isolani una scelta uguale quando si accoppiano".

Signora, sta perdendo un'opportunità qui. Un gruppo di bei ragazzi e abbondanti quantità di alcol su un'isola è già un'esperienza pluripremiata chiamata New York City Pride. Riuscite a immaginare il dramma, il sesso, i litigi, i crolli? Sarebbe lo spettacolo più popolare sulla tua rete! E Twitter crede che ITV stia solo mascherando la loro omofobia e incolpandola completamente di non essere in grado di vendere lo spettacolo.

E mentre le risposte di Kevin e Amanda sono spazzatura, sono sicuro che molti di noi non vedono l'ora di aggiungere " logisticamente difficile" ai nostri profili di appuntamenti.

Pic: ITV