Angela da Mondello in questura subito dopo il video della canzone “Non ci n’è covid”

Non solo gli insulti, dopo il video Angela Chianello è stata subito convocata in questura. Meglio conosciuta come Angela di Mondello, è la casalinga palermitana che si è fatta conoscere la scorsa estate per il tormentone "Non c'è Covid" a cui è seguito nelle ultime ore l'omonimo brano la cui uscita è prevista per il 10 novembre.

Il videoclip della canzone, girato sulla spiaggia insieme a un gruppo di ragazzi, tutti stretti senza maschera, ha subito alimentato enormi polemiche. Insomma, domenica scorsa alle 7.30, una ventina di persone si sono incontrate a due passi dal Baretto per girare il video con la signora palermitana e il video è diventato virale in poco tempo. Angela vestita di paillettes canta e balla al ritmo delle frasi che l'hanno resa famosa: "Non c'è nessuno" (riferendosi a Covid) e "Buongiorno da Mondello". (Continua dopo la foto)

La reazione degli utenti è stata immediata, con insulti anche molto pesanti sui social: "Ti auguro di cantare questa canzone su un letto in terapia intensiva con un casco per respirare, non credo che ci riuscirai". E ancora: "Dannazione ti vergogni", "Fai ironia su migliaia di morti", "Non devo uscire per proteggere personaggi come questo?", "Questo idiota non rappresenta i palermitani". (Continua dopo la foto)

Ma non è tutto perché, secondo quanto appreso dall'Adnkronos, a causa del video Angela Chianello è stata convocata al commissariato di Mondello, dove è stata ascoltata dal vicecommissario Manfredi Borsellino, figlio del giudice Paolo Borsellino. Insieme alla donna è stata ascoltata anche il suo agente e ai due è stata inflitta una sanzione amministrativa ai sensi della legge anti Covid. (Continua dopo le foto)

{loadposition intext}
"La Polizia di Stato – si legge nel comunicato della Questura di Palermo – ha indagato su due persone in stato di libertà, Angela Chianello e il suo 'web manager', palermitano 41 e 36 anni, per aver realizzato, in qualità di promotori e organizzatori, uno spettacolo-evento pubblico (videoclip musicale), che occupa abusivamente e arbitrariamente un'area demaniale marittima in concessione, tenuto però in assenza della prescritta licenza PS e dell'agibilità dei luoghi ". Il gruppo, ricostruisce la nota, era "intento a ballare e cantare senza indossare dispositivi di protezione individuale e in violazione del prescritto allontanamento sociale". Si può quindi dedurre che Chianello e il soggetto che si accredita quale suo web manager "sono ritenuti responsabili dei suddetti reati e delle relative violazioni amministrative della cd normativa anti-covid".

A 80 anni sposa un egiziano di 35 anni. E non le importa delle critiche: "Sesso con lui …"

L'articolo Angela da Mondello in questura subito dopo il video della canzone “Non ce n'è covid” arriva da Caffeina Magazine .

(Fonte: Caffeina)