Andrew Morton: “The Spare” avrà sempre una “gelosia primordiale” nei confronti dell’Erede

La regina e la principessa Margaret realizzano il

Andrew Morton ha recentemente rilasciato un'interessante intervista a Vogue per promuovere il suo ultimo libro, Elizabeth & Margaret: the Intimate World of the Windsor Sisters . Si tratta ovviamente della relazione della regina con la sua unica sorella, la principessa Margaret, che è morta nel 2002. Ero curioso di sapere perché – tra tutte le storie reali – Morton avrebbe fatto un libro su Margaret proprio in questo momento. Quella domanda ha avuto una sorta di risposta con questo pezzo di Vogue: Morton sta facendo un paragone tra la rivalità fraterna di Liz e Margaret e la rivalità fraterna del principe William e di Harry. Ci sono paragoni da fare, e questo vale la pena discuterlo, ovviamente. Ma penso che Morton in qualche modo non riesca a centrare l'obiettivo – mentre la regina era estremamente gelosa di Margo, la regina non ha mai alimentato allegramente la propaganda quotidiana della stampa sul bullismo di Margaret, membri dello staff o altro. Comunque, ho trovato interessante questo pezzo di Vogue. Alcuni punti salienti di Morton:

Se c'è sempre tensione tra erede e ricambio: “C'è sempre tensione, perché l'erede ha l'ultima parola, e il ricambio, per quanto bravo, per quanto brillante, per quanto dinamico, per quanto carismatico sia, è sempre il secondo in comando, il gregario. Per sempre giocare al numero 2 in cartellone. È stato così per secoli e, in un modo buffo, Diana lo ha riconosciuto. Quando l'ho intervistata, ha ricordato che voleva che Harry fosse il sostegno di William nel modo più gentile possibile. E, in un certo senso, Margaret era il sostegno di Elizabeth nel modo più gentile possibile.

La gelosia tra erede e ricambio: “C'è moltissima gelosia perché Margaret era quella che attirava l'attenzione e amava i riflettori. È una relazione complessa; è uno di lealtà e sostegno, ma anche di gelosia primordiale. In un'occasione Margaret sbatte nel salotto della Regina al Castello di Windsor mentre c'era il Primo Ministro; lei entra e, rivolgendosi a lei, dice: "Se non fossi la regina, nessuno ti parlerebbe". Vale a dire che non era così interessante. Vedi questa gelosia e vedi anche questa lealtà che Margaret aveva nei confronti di Elizabeth.

L'ombra reale: “Elizabeth era rispettosa, stoica, introversa; Margaret era estroversa, donchisciottesca, emotiva. Erano lo yin e lo yang e, in un certo senso, ogni reale ha un sé ombra; Margaret era l'ombra di Elizabeth, Harry è l'ombra di William. E sono personalità diverse ma aggiogate dal sangue. È lo stesso di Diana e Fergie — Fergie era una specie di personaggio ombra, e Diana era quella che era illuminata. È lo stesso con Meghan e Catherine: paragoni e contrasti infiniti.

Il rapporto della regina con Margaret verso la fine della vita di M: “Come è stato per tutta la loro vita, irritabile. Margaret era noiosa e premurosa, ma erano entrambe molto affettuose. È interessante che la regina madre sia morta pochi mesi dopo la principessa Margaret. La regina ha pronunciato un discorso pubblico – uno dei pochi che ha fatto – ringraziando le 300.000 persone che sono scese in strada e sono passate accanto alla sua bara [della regina madre] alla Westminster Hall di Londra. Disse in privato se avesse dovuto parlare anche di sua sorella Margaret, sarebbe crollata e avrebbe pianto, il che, puoi contare il numero di volte che la regina ha pianto in pubblico sulle dita di metà di una mano. È stata un'ammissione davvero notevole. Inizialmente, quando Margaret era malata, la regina disse "vai avanti", perché Margaret tendeva sempre a essere più teatrale riguardo alle sue malattie: non aveva il raffreddore, aveva una doppia polmonite. Quindi, le persone erano un po 'esasperate da lei. Ma quando ha veramente avuto un ictus, nella famiglia reale, non "ti ammali", vai avanti e basta. Margaret desiderava solo andare avanti e nascondere qualsiasi tipo di malattia. Verso la fine, era davvero in cattive condizioni.

Che tipo di regina avrebbe fatto Margo: “Alcuni dei suoi amici d'infanzia pensavano che sarebbe stato più divertente per Margaret essere nata per prima, nata regina, perché era più estroversa, più stravagante, più teatrale. Avresti visto un tipo più metropolitano di monarchia, con le arti, il balletto – che lei amava – il teatro, la poesia. Non avresti visto così tanto della caccia, del tiro, della pesca e delle corse di cavalli; Margaret era una brava motociclista, ma era molto più una cittadina. Avresti visto la regina Margaret non passare l'inverno a Sandringham, gelando nel migliore dei casi; sarebbe stata su un aereo per i Caraibi.

Cosa penserebbe Diana dello stato dei Windsor oggi: “Aveva litigato con la famiglia nel 1996, 1997 con il divorzio. Sarebbe, credo, molto comprensiva del fatto che Meghan se ne andasse con la famiglia e sosterrebbe che "questa è una ragazza americana che ha una laurea, ha parlato alle Nazioni Unite, è un'esperta dei social media e non potrebbe lo prendo per più di un anno. Rafforza il mio caso. " Questo è sicuramente quello che avrebbe detto, perché verso la fine, se ricordi, stava parlando di ottenere un posto a Malibu. Sarebbe stata comprensiva nei confronti di Meghan a causa della sua esperienza.

[Da Vogue]

Riuscite a immaginare come sarebbe un regno di sessant'anni della regina Margherita? La famiglia sarebbe stata un disastro, ovviamente, e Philip non sarebbe stato in giro, ma sinceramente sarebbe stato così brillante e divertente per la Corona. So che le persone sono sempre come "La forza di Liz è quanto sia noiosa e stabile", ma … è davvero una forza? Esistere ed esserne davvero amareggiati per decenni? Ovviamente questi giochi what-if non funzionano davvero quando si pensa alla natura e alla cultura degli argomenti della regalità. Liz era noiosa perché era quello che le era stato insegnato come futura regina. A Margo era permesso essere la farfalla sociale perché a nessuno importava quello che faceva. Non puoi dirmi che William è stato educato a credere di essere quello speciale, il futuro re, non lo ha deformato drammaticamente. Oh, e Morton ha ragione su Diana, ma anche questo è impossibile.

Diana, principessa del Galles, il principe William, il principe Harry, la regina Elisabetta II, la principessa Margaret, il principe Carlo, il principe di Galles, il trionfo del colore

100 ° COMPLEANNO DELLA REGINA MADRE Da sinistra a destra: SAR LA PRINCIPESSA MARGARET; HM LA REGINA MADRE; Sua Altezza Reale il Duca di Edimburgo e Sua Maestà la Regina Elisabetta II sul balcone di Buckingham Palace per celebrare il centesimo compleanno della Regina Madre CREDITO OBBLIGATORIO: UPPA / Photosho

Foto per gentile concessione di Avalon Red.

Arrivi sul tappeto rosso del nostro pianeta
100 ° COMPLEANNO DELLA REGINA MADRE Da sinistra a destra: SAR LA PRINCIPESSA MARGARET; HM LA REGINA MADRE; Sua Altezza Reale il Duca di Edimburgo e Sua Maestà la Regina Elisabetta II sul balcone di Buckingham Palace per celebrare il 100 ° compleanno della Regina Madre CREDITO COMPLESSIVO: UPPA / Photosho
Da sinistra a destra: - SAR LA PRINCIPESSA DI GALLES (SAR la Principessa Diana): SAR IL PRINCIPE HARRY: SAR IL PRINCIPE WILLIAM: SAR IL PRINCIPE DI GALLES (SAR il principe Carlo). (Visto il primo giorno del principe William all'Eton College) CREDITO OBBLIGATORIO: UPPA / Photoshot Photo URK 010
La regina e la principessa Margaret realizzano il
Charles e Diana visitano il Canada
Diana, principessa del Galles, il principe William, il principe Harry, la regina Elisabetta II, la principessa Margaret, il principe Carlo, il principe di Galles, il trionfo del colore
Sua Altezza Reale la Principessa Margaret (Margaret Rose) Credit All Uses
Celebrazioni del giorno di VJ
Il 10 ottobre 2018 il principe William, duca di Cambridge (R) e il principe Harry, duca di Sussex della Gran Bretagna, ospitano un ricevimento per aprire ufficialmente l'illegal Wildlife Trade Conference 2018 al St James 'Palace di Londra. - The 2018 Illegal Wildlife Trade Conference è la quarta conferenza internazionale di questo tipo che riunisce capi di stato, ministri e funzionari di quasi 80 paesi, insieme a ONG, accademici e imprese, per costruire sugli sforzi precedenti per affrontare questo redditizio commercio criminale. La conferenza è ospitata dal governo del Regno Unito dall'11 al 12 ottobre 2018.