“Addio campione”. Salvatore non ce l’ha fatta, colpito dalla malattia a 45 anni

Una bruttissima notizia ha gettato molte persone nella disperazione, nel campo sportivo e non solo. A soli 45 anni, infatti, è venuta a mancare una figura molto importante per amici, clienti e pazienti. Questo è Salvatore Solimeno. Quest'ultimo è nato in Campania e più precisamente nel comune di Pompei ed era conosciuto in tutta la regione. La sua attività gli aveva infatti consentito di avere una certa notorietà e la sua morte ha colto quindi tutti di sorpresa. Un lutto inaspettato.

Salvatore era infatti un campione di body building, oltre ad essere un ottimo istruttore di fitness. Ma aveva anche un altro lavoro molto importante, infatti era un affermato biologo nutrizionista. La sua morte è avvenuta all'interno dell'ospedale "Fatebenefratelli" della città di Napoli. Purtroppo il suo quadro clinico è stato compromesso a causa di una grave malattia che non gli ha lasciato scampo. Sui social in tanti lo hanno salutato un'ultima volta. (Continua dopo la foto)

Secondo quanto riferito, aveva una forma molto grave di talassemia ed era stato ricoverato nell'ospedale napoletano da diversi giorni. Il coronavirus avrebbe anche aggravato il suo stato clinico, infatti era risultato positivo alla malattia. Questo il messaggio postato su Facebook dalla pagina 'Bodybuilding italiano': “Mi dispiace segnalare che Salvatore Solimeno ci ha lasciato a causa di una brutta talassemia. Riposa in pace ". Lo ricorda anche l'Ordine Nazionale dei Biologi. (Continua dopo la foto)

Ecco il commento sul sito ufficiale, pubblicato in queste ore: “È morto Salvatore Solimeno, 45 anni di Pompei, biologo nutrizionista e atleta di bodybuilding. Secondo il quotidiano Teleclubitalia.it, l'uomo, che soffriva di una patologia congenita, sarebbe morto con sintomi simili al Covid-19 ". Ma il cordoglio è stato ovviamente espresso anche da tante persone che lo conoscevano ancora meglio. C'è uno scritto di un suo amico che ha commosso praticamente tutti. (Continua dopo la foto)

Il suo caro amico ha riferito: “Quando muore un amico di 11 anni più giovane di te, il silenzio che cade dentro di te è destabilizzante. Ciao Salvatore Solimeno. Grande persona, grande atleta, grande amico ”. La sua scomparsa ha quindi lasciato un vuoto immenso e un dolore lancinante. Una vita spezzata così prematuramente che nessuno può semplicemente accettarla.

Salvatore Parolisi 9 anni dopo l'omicidio della moglie Melania Rea. La prigione, le gite, l'università e una nuova donna

L'articolo "Goodbye champion". Salvatore non ce l'ha fatta, stroncato dalla malattia a 45 anni, arriva da Caffeina Magazine .

(Fonte: Caffeina)