75 momenti brutali in cui le persone si sono rese conto che ai loro amici non piacevano

Molti di noi Panda sanno chi sono i nostri veri amici… o almeno pensiamo di saperlo! Le persone che pensiamo siano i nostri più stretti alleati e che meritano molto spazio nei nostri cuori e nelle nostre menti potrebbero non pensare allo stesso modo di noi. In effetti, potremmo credere con tutto il cuore di essere nella cerchia ristretta dei nostri amici quando, in realtà, siamo all'estrema periferia della loro cerchia sociale.

Il momento in cui ti rendi conto che ai tuoi amici in realtà non piaci come persona fa male. Male. Tuttavia, il momento in cui la bilancia si solleva dai tuoi occhi può darti la chiarezza per aiutarti ad andare avanti. Redditor u/noweverythingisair ha chiesto alla folla su r/AskReddit di condividere i momenti in cui le loro illusioni sull'essere amici fermi con qualcuno erano completamente e completamente distrutte.

Scorri verso il basso per una forte dose di schietta onestà, ricerca dell'anima ed emozioni crude, cari Panda. Quando hai finito di leggere queste potenti confessioni, raccontaci tutto delle amicizie migliori e peggiori, vere e false che hai avuto nei commenti.

Bored Panda ha contattato Suzanne Degges-White , consulente, professoressa e presidente del Dipartimento di consulenza e istruzione superiore della Northern Illinois University , che è stata così gentile da rispondere alle nostre domande sulle differenze tra amicizie autentiche e superficiali, perché noi non dovremmo dire i nostri segreti a chiunque, e come fare amicizia dopo aver finito la scuola e l'università. Continua a leggere per la nostra intervista completa con Suzanne.

# 1

Si è ammalato gravemente ed è stato in ospedale per una settimana. Nessuno dei miei amici in un piccolo gruppo (di presunti amici intimi) mi ha contattato per vedere se stavo migliorando. Non hanno mai visitato, non hanno nemmeno ricevuto un messaggio da loro. Ci siamo frequentati quasi ogni giorno negli ultimi due anni e sapevano che ero in ospedale.

Quando finalmente sono guarito, ho deciso che era ora di trovare dei nuovi amici.

Crediti immagine: ElPolloDiablo07

"Le amicizie si basano sulla fiducia e sul rispetto reciproco, quindi se dentro di te non senti che questo è ciò che una persona ti offre nella relazione, non è un vero amico. Inoltre, gli amici riconoscono che il 'dare e prendere amicizie deve essere equilibrato nel tempo", Suzanne ci ha spiegato che i veri amici capiscono come funziona la reciprocità. Qualcuno che chiede sempre favori come prestiti, corse o un posto dove dormire, ma non è mai disponibile quando hai bisogno di aiuto, potrebbe non essere un vero amico.

"Gli amici che parlano di noi alle nostre spalle, non sono lì per noi quando le nostre vite stanno andando in crash e abbiamo bisogno di qualcuno con cui parlare, o non sono lì per noi quando vogliamo celebrare i nostri successi – quelle amicizie non riflettono autentica amicizia profonda. Quando un amico si approfitta di noi o ci delude ripetutamente, allora è tempo di ripensare se questa è una relazione che vale il rischio. "

Un'altra indicazione che qualcuno è un falso amico è che ti chiedono di fare cose che non farebbero per te. La relazione tra di voi potrebbe non essere così profonda come pensi. Tuttavia, il modo migliore per distinguere tra amici veri e amici del bel tempo è controllare se sono lì per te quando le circostanze della tua vita cambiano.

"I veri amici sono quelle persone che saranno lì per te, indipendentemente dal fatto che la vita stia andando bene per te o che la vita sia peggiorata e ti senti come se fossi sopra la tua testa. Le amicizie riguardano il supporto emotivo e strumentale: è un rapporto totalmente reciproco, relazione volontaria e reciproca. Pertanto, possiamo tutti decidere cosa vogliamo mettere in un'amicizia", ​​ha spiegato a Bored Panda Suzanne, della Northern Illinois University.

#2

Sono diventata amica di un gruppo di donne della mia stessa età, sui 20 anni, tramite un'amica comune che condividevamo tutte e pensavo che andassimo molto d'accordo. Ci incontravamo almeno una volta alla settimana e facevamo cene e film in una delle nostre case, sono stato invitato a matrimoni, ho organizzato baby shower, appartenevamo tutti allo stesso gruppo di social media e chattavamo costantemente. Poi gradualmente ho iniziato a notare che non ero più invitato alle cose. Mi sarei presentato a un evento e sarei stato completamente fuori dal giro per quanto riguardava i grandi cambiamenti della vita e nessuno si sarebbe preso la briga di dirmi nulla o di riempirmi. Ho poi scoperto tramite quell'amico comune che il gruppo si era stancato di me e invece di dire qualsiasi cosa avevano creato un nuovo gruppo di social media senza di me e stavano solo aspettando che prendessi il suggerimento e li lasciassi in pace. Così ho fatto. Ho smesso di cercare di rimanere in contatto e ho lasciato morire i quattro anni di amicizia.

Li ho visti tutti di recente a quel matrimonio di amici comuni e ho cercato di avere una conversazione casuale, di recuperare il ritardo e tutto il resto, ma nessuno di loro mi ha nemmeno guardato o detto una parola. Mi sono sentito davvero stupido e confuso mentre stavo in gruppo con loro, ma sono stato completamente ignorato. Alla fine mi sono allontanato.

Crediti immagine: IcedMercury

#3

Al liceo, pensavo di essere stato il migliore amico di una ragazza della mia squadra sportiva per 3-4 anni. Nel bene e nel male ci sono stato per lei. L'ho supportata attraverso la depressione, il bullismo, la vita familiare violenta, i molteplici tentativi di suicidio, le dandole i miei vestiti quando suo padre le bruciava periodicamente, portandole il cibo da casa mia, dividendo i miei gettoni dell'autobus in modo che non dovesse tornare a casa dall'allenamento a tarda sera (devi qualificarti per loro), lasciandola lavare i suoi vestiti e fare il bagno a casa mia in modo che non venisse ridicolizzata, sostenne per lei durante un periodo in cui è quasi stata espulsa ingiustamente, ed essendole comunque una buona amica Potrei.

Per farla breve, l'ultimo anno, tra una lezione e l'altra quando le ho chiesto dove voleva che mia madre la portasse a mangiare fuori per il suo compleanno quest'anno (mia madre lo faceva negli ultimi anni), mi ha detto che sarebbe uscita con "A" e "B" quest'anno perché "Voglio solo uscire con gli amici, ma ci vediamo lunedì".

Non sapevo nemmeno cosa dire e la fissai con aria assente, poi andai a lezione e poi a esercitarmi. Mi sono sentito ferito ed ero così salato che McDonald's avrebbe potuto usarmi per le patatine fritte per molto tempo dopo. Non le ho parlato da allora.

Crediti immagine: spitfyrr

Secondo il consulente autorizzato, potrebbe essere bello avere degli amici superficiali nelle organizzazioni a cui appartieni, incontrarsi per un drink, divertirsi, uscire insieme o fare qualsiasi altra cosa tu voglia fare. Tuttavia, non dovremmo investire in queste relazioni più di quanto possiamo aspettarci di ottenere in cambio.

"Le amicizie autentiche sono costruite sul rispetto reciproco, sulla reciprocità e sull'affetto: c'è un impegno emotivo che non esiste nelle amicizie superficiali. Non raccontare i tuoi segreti o le tue vulnerabilità a un amico superficiale, perché non puoi essere sicuro di come potrebbe usare queste informazioni. Con amicizie autentiche, possiamo essere completamente noi stessi e sapere che saremo ancora amati", ha avvertito Suzanne che non dovremmo aprire i nostri cuori a tutti a portata d'orecchio.

"Una delle maggiori differenze tra i tipi di amici è la quantità di energia emotiva che stanno investendo nella relazione e la profondità del loro apprezzamento per la tua presenza nelle loro vite".

#4

Mi hanno detto tutti che avevano annullato i loro piani per andare in un lago durante il fine settimana, ho scoperto che ci erano effettivamente andati e mi avevano sostituito con qualcun altro attraverso le loro storie.

Crediti immagine: flyingblindOR

#5

Aveva un gruppo di amici tangenziale. Erano brave persone e io ero nuovo in città. Ho comprato una barca e all'improvviso siamo MIGLIORI AMICI. L'ascesa immediata a amico centrale mi ha fatto fare un passo indietro e dire "yah no". Quindi, quando ho notato quando non ero invitato alle normali attività quotidiane del gruppo come concerti e cene, rispetto a quando è arrivata la raffica di messaggi del giovedì durante il fine settimana sulla barca. mi sono allontanato.

Crediti immagine: Giddyup_88

#6

Il giorno in cui sono stato informato che la mia presenza non era necessaria per l'annuale festa di Natale. Dopo aver speso i pochi soldi che avevo fatto quell'anno in regali per gli amici che pensavo mi sostenessero.

Ho ancora i regali.

Alcuni di voi Panda sanno per certo che può diventare sempre più difficile trovare amici una volta che lasci la scuola e l'università, che sono ambienti molto sociali.

"Nei nostri lavori, non abbiamo la stessa varietà delle persone che ci sono e il tempo che abbiamo per stringere nuove amicizie spontaneamente è molto più limitato. Fortunatamente, appena lasciamo la scuola, stiamo anche entrando in una nuova fase della vita in cui i nostri obiettivi iniziano a consolidarsi e iniziamo a cercare compagnia e amicizia con persone che stanno nuotando nello stesso flusso in cui siamo", Suzanne ha detto a Bored Panda che le persone dovrebbero guardare oltre il posto di lavoro per trovare potenziali amici. Anche se l'ufficio può essere anche un ottimo posto per trovare amici.

#7

Il mio "migliore amico" si è trasferito fuori dallo stato per andare al college. È tornata a trovarmi ma mi ha detto che era troppo occupata per qualcosa tranne che per la famiglia. Un mese dopo, un'amica in comune mi chiese perché non fossi alla festa che aveva organizzato. Ogni altra persona nel nostro gruppo di amici è stata invitata. Non sono ancora sicuro del perché non lo fossi.

Oh beh, ha scoreggiato molto comunque.

#8

Recentemente ho ricevuto un messaggio da un vecchio compagno di scuola. Mi scuso per il bullismo che ho ricevuto da loro e dal resto della mia cerchia. Non mi ero reso conto di essere vittima di bullismo. 20 anni dopo e solo ora scopro che le persone a cui pensavo di essere più vicino a scuola in realtà non mi piacevano. Fa male.

#9

Sono andato a un pigiama party quando avevo circa 12-13 anni. Era per il compleanno dei miei migliori amici. Hanno detto "sediamoci in cerchio ed elenchiamo le nostre cose preferite l'uno dell'altro!" sembrava salutare, quindi mi sono seduto in cerchio. Quando è arrivato il mio turno, tutti nel cerchio non avevano nulla di positivo da dire su di me. "buttwiped, in realtà sei davvero fastidioso e non ci piaci"…. il mio migliore amico sembrava triste per me ma non ha detto niente… accidenti i bambini sono cattivi

Crediti immagine: buttwiped

"Il posto di lavoro è un ambiente in cui possiamo iniziare a stringere nuove amicizie e queste possono essere amicizie intergenerazionali che arricchiscono le nostre vite in modi importanti. Quando siamo coinvolti in attività di volontariato nella comunità o gruppi di interesse speciale o lezioni in palestra , possiamo usare questi spazi per connetterci con potenziali nuovi amici: sai già che abbiamo qualcosa in comune con queste persone, dal momento che ti presenti nello stesso posto con lo stesso obiettivo, quindi le amicizie possono svilupparsi naturalmente con persone con cui hai un'affinità", l'esperto ha sottolineato che gli interessi condivisi possono portare a legami forti.

"Fare lezioni relative al tuo lavoro può anche darti l'opportunità di socializzare con gli altri nel tuo campo. Mentre alcune amicizie dei nostri primi 20 anni possono svanire quando iniziamo il nostro percorso professionale, alcune amicizie possono durare o rafforzarsi. Dobbiamo riconoscere che le amicizie che prosperano sono quelli che si flettono e cambiano nel tempo poiché gli esseri umani sono dinamici e non rimaniamo gli stessi quando invecchiamo".

Può volerci un solo momento per mandare in frantumi l'illusione che tu sia importante per qualcuno. È come un fulmine a ciel sereno che cambia tutto. Potresti non ricevere un invito a un evento sociale. Il tuo coinquilino potrebbe improvvisamente dirti di fare le valigie e trasferirti.

Oppure qualcuno potrebbe essere molto schietto e dirti che in realtà non sei così importante per loro. È duro, fa male e può mettere le tue emozioni sottosopra. Tuttavia, questo non dovrebbe significare che dovresti smettere di essere gentile e premuroso del tutto. Essere socievoli è una parte enorme di ciò che siamo come persone ed è vitale quando si tratta della nostra felicità e salute.

# 10

Non ho avuto la piccola festa d'addio al lavoro. È una cosa sciocca, ma era un posto di lavoro vicino e amichevole e quando le persone smettevano, creavano piccole decorazioni a tema economiche dalla stampante dell'ufficio e aggiungevano altre cose divertenti sulla persona che se ne andava. Ho portato una torta ed è andata bene e so che ai miei colleghi non piacevo, ma immagino che tutti si siano dimenticati di me perché non sono la persona più espressiva. Ero triste di non aver mai ricevuto le mie decorazioni a tema. Ho lavorato lì per due anni.

Crediti immagine: sarasa3

# 11

Ricordo che un lunedì al liceo mi sono seduto in mensa con i miei amici e abbiamo iniziato a parlare di come era il nostro fine settimana.

L'amico n. 1 menziona un film di Will Ferrell che ha visto. Gli chiedo se era divertente e lui mi dice una delle scene che gli è piaciuta molto.

L'amico n. 2 interviene per dire "Ricordi la scena in cui…?" e racconta un altro momento esilarante. Entrambi ridono d'accordo.

"Oh, anche tu hai visto il film?" Chiedo e l'amico n. 2 conferma.

Poi l'amico n. 3 dice: "E ricorda quando l'amico n. 4 ha vomitato per intossicazione alimentare!" e tutti ridono — compreso l'amico n. 4, che non si vergognava.

In quel momento ho capito: andavano tutti insieme e non ero mai stato invitato. Sfortunatamente, ho sviluppato un po' di vergogna.

Crediti immagine: livello 1 amithrownawayforgood

# 12

Quando li invito tutti al mio compleanno e nessuno è arrivato. Si scopre che si sono riuniti altrove lo stesso giorno e hanno deciso come gruppo di non presentarsi.

Crediti immagine: atdvial

Vanessa King, responsabile della psicologia di "Action for Happiness", ha spiegato in precedenza a Bored Panda che gran parte della nostra felicità come esseri umani deriva dall'aiutare gli altri senza aspettarsi nulla in cambio.

Ci siamo evoluti come specie sociale e siamo destinati a vivere in gruppo. E dare una mano, lavorare insieme e agire altruisticamente sono tutte cose che fungono da collante sociale. La gentilezza è essenziale per mantenere le famiglie, i gruppi sociali, la società e la civiltà funzionanti e integri.

"Se ci pensi, gli esseri umani sono una specie sociale, ci siamo evoluti per vivere in gruppi, quindi lavorare insieme e fare cose per aiutarci a vicenda è il collante sociale che ci tiene uniti", ci ha spiegato Vanessa durante una precedente intervista.

# 13

Ricevi le ultime notizie su ciò che è successo con i membri del gruppo e non ricevi un invito da loro, ti invitano solo quando ti inviti attraverso di loro. Significa che quando discutono dei piani e tu sei lì, quindi devono invitarti. Ma sono sempre stato così. Questo sopra era solo un riassunto di ciò che ho vissuto. Non ho mai avuto quel tipo di gruppo di amici a cui importasse davvero di me, quindi non ho mai avuto un momento "oh merda".

# 14

Quando hanno preso tutti i proventi del progetto su cui avevamo lavorato insieme, e al quale avevo contribuito con molto lavoro, sono andati a Disney World per una settimana. Senza di me.

# 15

Quando la posta elettronica stava iniziando a diventare una cosa, io e i miei compagni di classe stavamo pranzando e un gruppo di loro si scambiava e-mail eccitati. Quando ho chiesto a uno di loro di darmi il suo, mi ha detto: “Perché ne hai bisogno? Ci vediamo tutti i giorni". L'ha data a tutti gli altri.

Merda male.

Crediti immagine: Ihlita

L'esperto ha sottolineato che siamo programmati per la cooperazione. Bambini di appena 2 anni sono stati visti condividere, il che dimostra quanta gentilezza sia una parte di chi siamo come esseri umani.

"Partecipare alle attività di gruppo e agli eventi della comunità ci rende più felici. Quando facciamo cose per gli altri, si attiva il centro di ricompensa nel cervello, quindi quando facciamo un regalo, è come ricevere un regalo", ha detto Vanessa.

Alcuni dei piccoli modi in cui puoi praticare l'altruismo implicano donare denaro in beneficenza, donare ai banchi alimentari o fare volontariato durante le vacanze. Puoi anche aiutare i tuoi vicini anziani lasciando loro un pacco di cibo o un biglietto amichevole. Ci sono innumerevoli modi in cui puoi diffondere gioia… e piantare i semi di future amicizie.

“Forse all'inizio inizi a fare cose per aiutare gli altri solo per ottenere attenzione e lodi, ma scoprirai che fare cose per gli altri ti aiuta a sentirti bene quando vedi le risposte delle persone. Una volta che vedi la differenza che puoi fare nel mondo e per la tua stessa felicità, l'altruismo può crescere naturalmente", ha detto Vanessa che, alla fine, la maggior parte delle persone impara che la gentilezza è gratificante in sé e per sé.

#16

Ho suggerito una vacanza di gruppo al mare. Dividi un affitto per una settimana… tanto divertimento. L'hanno prenotato e non mi hanno invitato. Bruciato un po'.

#17

Sono andati tutti in un parco di divertimenti fuori città in un fine settimana senza dirmelo.

Quando l'ho scoperto, hanno detto che era perché non volevano che fossi depresso e depresso per tutto il fine settimana.

Crediti immagine: SkeletorJellytor

#18

Ho trovato messaggi di loro che parlavano male di me. Tutto quello che ho detto, fatto, cercato di fare era solo un dannato scherzo. Non stava nemmeno cercando i messaggi, ha dovuto prendere in prestito un computer su cui erano sincronizzati. Fa male. Presumibilmente ne abbiamo parlato, il che si è trasformato in loro nei dettagli su come fosse tutta colpa mia e li ho costretti a comportarsi in quel modo, niente scuse, niente. Non posso eliminarli perché sono i fratelli dei miei coniugi, ma sì. Non l'ho ancora superato.

Tuttavia, c'è anche un lato pratico nell'essere altruisti. Essendo gentili, diventiamo più apprezzati e le probabilità sono maggiori che qualcuno ci aiuti quando abbiamo bisogno di supporto. Eppure, non dovremmo comunque aspettarci queste cose quando ci comportiamo in modo gentile. È meglio avere poche aspettative e non aspettarsi alcun tipo di ricompensa per essere un essere umano decente.

"C'è anche un punto importante qui per le persone che ricevono la gentilezza. Se possono, è, ovviamente, fantastico ringraziare e aggiungere l'impatto positivo che ha per te, ad esempio, 'Grazie, è fantastico sapere che a qualcuno importi.' Questo può davvero aumentare il bagliore per il donatore e incoraggiarlo a dare di più", ci ha detto che un semplice "grazie" può aiutare a incoraggiare un comportamento positivo negli altri.

"Può anche essere utile per la persona pensare al motivo per cui sta cercando attenzione e ricompensa da una fonte esterna, una parte fondamentale dell'essere felici è sentirsi a proprio agio con chi sei e accettare la vita così com'è. Suggerirei che la persona prende tempo per sviluppare la cura di sé per diventare più felice e resiliente. Forse inizia con una pratica personale di gratitudine per apprezzare ciò che ha già nella vita, annotando tre cose ogni giorno per cui siamo grati può aumentare la felicità.

# 19

Quando uno di loro mi ha accidentalmente inviato un messaggio dicendomi quanto fossi fastidioso e mi ha esortato a parlarne nella propria chat di gruppo di cui non ero a conoscenza e oh il mittente ha usato un nome in codice per me

# 20

Lavoro nel mio lavoro da quasi un anno. Notato su Snapchat che tutti erano insieme per un drink, i manager, il personale che ha iniziato decenni fa, il personale che ha iniziato settimane fa…

Tutti.

Tranne un'altra persona. Le ho scritto per curiosità e lei ha risposto con "sì, me l'hanno chiesto ma non potevo andare".

Ho provato a ridere ma l'uomo ha fatto male.

Ho sempre pensato di avere un buon rapporto con i miei colleghi, ma ora mi chiedo se sono solo tollerato da loro.

Crediti immagine: AlanS181824

#21

Quando i miei amici hanno detto che non vanno al cinema solo per andarci senza di me. Li ho visti perché invece sono andato con mia sorella maggiore

#22

Due dei miei amici mi hanno mollato allo ski club del liceo sciando velocemente davanti a me intenzionalmente. Ignoramente mi sono avvicinato di corsa per ricongiungermi a loro, solo più tardi per rendermi conto che intendevano abbandonarmi. Non sapevo perché fosse imbarazzante fino a tardi.

# 23

Ho iniziato a essere esclusa perché ero single, senza figli, non possedevo una casa e mi piaceva viaggiare.

Le mie amiche mogli non si sentivano in forma. Quindi assicurati di non essere invitato a niente. A quanto pare ho avuto una cattiva influenza. Gli amici da 15 anni vengono così facilmente influenzati.

Ho trovato un nuovo gruppo di amici ora. I vecchi mi hanno contattato non molto tempo fa. Ho detto loro di andare a puttane.

#24

Il mio gruppo di amici ha tenuto una chat di gruppo chiamata "The Crew" che è stata fatta tra il secondo anno e il primo anno del liceo. È stato usato un po' regolarmente per un po', fino alla metà dell'ultimo anno, ho notato che non veniva più utilizzato. Mentre ero con alcuni di loro un giorno, ho notato che avevano notifiche "The Crew" sul telefono e alla fine ho chiesto al mio migliore amico (come una delle 3 persone in quel gruppo con cui sono ancora amico oggi) se hanno fatto una nuova chat di gruppo e lui ha detto di sì. Era fondamentalmente quello vecchio meno me e più come altre 10 persone. Faceva schifo ma qualunque cosa, fanculo

Crediti immagine: livello 1 megafireguy6

#25

Mi dicevano sempre con questo tono da 'mi dispiace davvero che te ne andassi ogni tanto mentre parlavano, perché non eravamo abbastanza vicini da farmi sentire. Si sono anche sentiti davvero a disagio quando ho provato a raccontare loro i miei sentimenti o ho provato a sfogarmi con loro, ma si aspettavano che li ascoltassi sempre. Mi hanno sempre detto un motivo per cui non potevano partecipare agli eventi a cui li avevo invitati. Continuava a menzionare casualmente tutte le volte in cui si erano divertiti molto durante qualcosa che stavano facendo insieme; e che "non importava che io non fossi lì, ci siamo comunque divertiti!" Guardando indietro, pensavo solo che il fraseggio fosse piuttosto strano, ma ora sento davvero il sangue ribollire ogni volta che ci penso.

#26

Questa esperienza è simile ma non del tutto uguale al prompt:

Avevo due amici di lavoro molto stretti. Eravamo collegati da tutti andando al Dragoncon di Atlanta, in Georgia, l'anno prima. Uno di quegli amici ha trovato un altro gruppo di amici al lavoro e ha diviso il suo tempo tra il nostro gruppo e il suo. L'anno scorso mio padre ha avuto un ictus (è sopravvissuto). Quella sera stavo per pranzare con i miei due amici di lavoro, ma ho scritto loro nella chat di gruppo la situazione e non ce l'ho fatta. Un amico mi ha subito chiamato, mi ha offerto aiuto e ha cercato di consolarmi. L'altro amico (quello con l'altro gruppo di amici) non ha mai risposto al messaggio. Ancora oggi, un anno dopo, ci vediamo ancora al lavoro e non ha mai chiesto di mio padre. L'ho lasciato non molto tempo dopo, si comportava in modo strano e distaccato e non era mai uscito prima di quell'incidente. Ho anche scoperto più tardi da qualcuno che era nel suo altro gruppo di amici che parlava di me**a da un po' di tempo.

#27

Ero seduto al tavolo da pranzo con loro e stavano parlando. Poi mi sono reso conto che non mi hanno mai parlato durante il pranzo o mi hanno contattato durante la pausa. Fondamentalmente li seguivo in giro come uno stupido cucciolo smarrito tutto il tempo mentre a loro non poteva importare di meno.

Crediti immagine: SkyBlueHyacinth

#28

Tra la fine degli anni '90 e l'inizio degli anni 2000 ho fatto amicizia con un gruppo di persone tramite una bacheca di anime e uscivamo regolarmente a varie convention. Alcune persone nel gruppo facevano parte dell'equipaggio/comitati per i vari contro, quindi sembrava che il gruppo fosse pronto per un weeaboo in erba. Pensavo di essere una cerchia ristretta in questo gruppo fino a quando un giorno, mentre stavamo cenando insieme dopo una truffa, hanno iniziato tutti a parlare di una festa a cui stavano andando e praticamente se ne sono andati senza di me. Ho pensato che avrei dovuto unirmi da quando ne avevano discusso con me proprio lì, anche se ovviamente tutti lo sapevano in anticipo e io non l'ho fatto, fino a quando un ragazzo si è rivolto a me e ha detto "scusa kermi, questo è una cosa privata”.
Un evento privato che per caso esclude una persona dal gruppo, chi fa parte di questo gruppo tanto quanto tutti gli altri? Dopodiché ho abbandonato la community, ho smesso del tutto di usare i contro.

#29

Non li sentivo da più di una settimana, poi ho appreso che erano tutti in crociera. Non avevo idea che avessero pianificato, prenotato e fatto questa crociera, quindi è diventato chiaro quanto fossi stato tenuto fuori dal giro.

#30

Al college avevo un gruppo di amici (4 ragazzi e 4 ragazze, me compreso). Mi sono reso conto di essere fuori dal giro quando per Natale tutte le ragazze si sono regalate un braccialetto dell'amicizia e io ero l'unica a non averlo. È stato anche un po' umiliante dato che questo è stato durante una festa di Natale con il solo gruppo mentre aprivamo i regali in cerchio, quindi anche i ragazzi se ne sono accorti.

In quel momento, ho capito che, anche se faceva male, tutti i pezzi hanno iniziato ad adattarsi agli atteggiamenti e alle interazioni delle ragazze con me e ho deciso che non avevo bisogno di persone del genere nella mia vita. Anche se è stato doloroso, sono stato più sorpreso che potessero comportarsi in modo così meschino e infantile per essere junior e senior al college. Vorrei solo aver notato tutte le bandiere rosse prima poiché li consideravo buoni amici, ma almeno ora lo so.

#31

Al primo anno di college, sono uscito con un gruppo di ragazzi – ragazze e ragazzi – nel mio edificio del dormitorio (il mio piano era tutto ragazze, il successivo era tutto ragazzi, l'edificio aveva 3 o 4 piani che si alternavano).

Non cinque minuti dopo aver lasciato la stanza del dormitorio di qualcuno, ho visto che uno di loro aveva postato su Facebook su una barzelletta interna di cui avevo appena riso, taggando… ogni singola persona lì tranne me.

#32

Penso che sia stato quando sono andato in una scuola diversa da tutte loro. siamo tutti in un gruppo insieme sulla discordia, tutti noi 10-15. raramente mi parlavano e mi invitavano a fare cose. e quando facevano progetti, non sono mai stato invitato o mi è stato detto che non potevo andare? le due persone più anziane del gruppo hanno detto che sarebbero venute a sedersi con me durante il mio pranzo (si sono laureate circa un anno fa) ma non l'hanno mai fatto. parlerebbero anche della persona su cui ho un ordine restrittivo e non ascolterebbero quando dicevo che mi metteva a disagio. sembravano anche non preoccuparsi di me quando ero morto mattutino e arrabbiato per il mio punteggio ACT e cambiavano argomento anche quando parlavo dei miei problemi. quando gli altri avevano problemi, tutti gli altri li ascoltavano e parlavano. praticamente fingevano che non fossi reale perché frequentavo un'altra scuola. e ora sembra che tutti si prendano cura di me ora che torno in quella scuola?

#33

Mi sono reso conto di aver avviato ogni conversazione con lei (e per estensione con il suo equipaggio) a meno che non avesse bisogno di usarmi per qualcosa. Mi ha sempre indotto a spingerli a prendere l'erba, a portarli a bere alcolici, a portarli ai loro appuntamenti del cazzo e a riprenderli dopo perché "fa caldo, sono sensibile al calore" o "ora è buio". Raramente offrivo soldi per la benzina e mi incazzavo sempre se avessi qualcos'altro da fare e dovessi dire di no.

L'ultima volta che ci siamo parlati ho dovuto cancellarli mentre li accompagnavo a un concerto perché ero malato da morire e in terapia urgente e lei mi ha detto che mi odiava e che non voleva vedermi mai più. Nessuno nel gruppo mi ha contattato in seguito e ho capito pienamente che nessuno di loro si preoccupava davvero di me all'inizio, mi ha usato solo perché non hanno licenze. Immagino che il senno di poi sia davvero 20/20.

#34

Ho trascorso il mio tempo libero in autunno e in inverno aiutando un amico a restaurare una barca da pesca (25'ish Mako). Levigatura della vecchia fibra di vetro ruvida (questo è un lavoro agonizzante, devi avere tutta la pelle coperta, occhiali, respiratore, guanti o le fibre nella pelle). Mettere giù la nuova fibra di vetro. Levigatura così liscia. Primerizzazione, verniciatura, rivestimento in gel. Allacciare una nuova tela sul T-top. Indovina chi non è stato invitato al primo viaggio. Sì. Non parliamo più.

Crediti immagine: poppa-indietro

#35

Mi hanno raccontato delle feste che organizzano ogni estate, e il giorno del mio compleanno, che sanno, ne hanno organizzate una e non mi hanno invitato.

#36

Dopo circa due anni passati in giro per lo stesso gruppo quasi tutti i giorni ed essendo l'unico con un'auto, ho capito dopo che ho avuto un guasto che mi stavano usando solo per le corse. La mia gomma è esplosa e nessuno mi ha risposto. Dopo che nessuno si è assicurato che stessi bene e hanno smesso di parlarmi. Oh bene

#37

Mio marito ha amici di lunga data e lavorano tutti per la stessa azienda e sono spesso fuori città. Le mogli/fidanzate hanno avuto modo di conoscersi e per un po' hanno avuto regolari serate con le ragazze… la donna che le aveva programmate lavorava nel mio stesso posto e chiedeva cosa facevo ogni fine settimana mentre facevamo le cose a lavoro. Le serate tra ragazze erano sempre programmate dopo che avevo confermato che sarei stata fuori città a prendermi cura di mia nonna. Non so se fosse davvero apposta o meno, ma sembrava che lo fosse.

#38

È stato quando ho notato che stavo mettendo più impegno nell'amicizia solo per essere spazzato via la maggior parte del tempo. Era sempre la stessa scusa di dover lavorare, ma non credo che si ricordassero che li avevo su Snapchat così potevo vedere i falò che stavano facendo. Le volte che andavano alle spiagge o ai parchi di divertimento. So che ho sicuramente avuto i miei problemi e che occasionalmente posso essere tossico/meschino, ma cerco di non esserlo e di migliorare me stesso. Immagino che quando mi ha colpito assolutamente fosse un giorno in cui dovevamo uscire e non hanno mai avuto la decenza di mandarmi un messaggio che non ce l'avrebbero fatta.

Hanno detto di aver dimenticato i loro telefoni nella chat di gruppo più tardi quella notte e mentre ero scettico l'ho lasciato andare. E poi qualche giorno dopo, quando esco con uno di loro, lei ridacchia su come si sono messi insieme e uno di loro aveva dell'erba nella borsa e hanno fatto un barbecue, ecc. SULLA MIA FACCIA DA RE. Non sarei stato così arrabbiato se non l'avessero fatto lo stesso giorno in cui avremmo dovuto uscire e mi hanno abbandonato. Ricordo ancora quanto ero incazzato e ho lasciato la sua casa dopo averlo detto. Ironia della sorte, hanno detto nella chat di gruppo che "Non ho fatto nulla che li turbasse per non farli desiderare di uscire", ma di sicuro non era così.

Sono passati più di 2 anni da quando ho parlato con loro e mi danno ancora un'occhiataccia quando mi vedono nel nostro quartiere lmao. Ricordo di non essere uscito per alcuni mesi dopo che abbiamo smesso di essere amici perché non volevo incontrarli, ma ora lo ignoro semplicemente perché non ho tempo o pazienza per i drammi.

#39

ero in classe con i miei "amici" e l'insegnante ha detto che ci sono due posti liberi dall'altra parte della classe e i miei "amici" hanno detto andiamo e mi hanno lasciato

#40

Pensavo che tutti nella mia squadra di calcio fossero buoni amici. Poi ho scoperto della chat di gruppo di cui non facevo parte. Successivamente, uno dei miei compagni di squadra non sapeva chi fossi quando mi sono unito al suo live streaming. Alla fine mi sono preso 3 mesi di pausa a causa di un problema al "ginocchio", e quando mi sono presentato di nuovo, a nessuno importava, nessuno mi ha chiesto perché me ne fossi andato, niente. Solo qualche "oh, ehi. Sei tornato". Immagino non aiuti il ​​fatto di aver giocato a portiere, una specie di posizione di emarginato. Fortunatamente, ho smesso di giocare a calcio, quindi niente più.

#41

Eravamo in classi diverse, quindi ogni giorno all'ora di pranzo li aspettavo fuori dalla loro classe. Erano tutti nella stessa classe insieme. Non una volta mi hanno riconosciuto. Non appena suonava il campanello, uscivano dall'altra porta e scendevano dritti le scale. Mi avvicinavo a loro finché non mi rendevo conto che non gli importava affatto. Non ho nemmeno avuto una sola occhiata.

Crediti immagine: thespookypotato

#42

Ho rotto con la ragazza perché mi trattava come una merda.

Tutti si sono schierati dalla sua parte.

La parte pazzesca è che non la conoscevano prima di me e lei è amica di loro solo perché può influenzarli. Mi ha fottuto per bene.

#43

Ho scoperto che stavano davvero tutti insieme senza di me da uno dei loro mariti che l'ha detto a mio marito. È venuto fuori che stavano uscendo con la donna che stava provando con mio marito (questo era una specie di gruppo di coppie dalla chiesa di tutti i posti) e non mi includevano perché sapevano che non mi "piaceva".

#44

Quando la ragazza che pensavo fosse la mia amica più cara mi ha inviato un messaggio di testo alle 22:00 di punto in bianco dicendomi di andarmene perché pensava che non mi adattassi e metteva a disagio lei e i suoi amici. La migliore parte? Eravamo in un paese straniero, quindi senza lei + il gruppo ero completamente solo.

In seguito ho scoperto che la ragazza aveva una pessima reputazione nella sua città natale + un gruppo di persone la odiava, quindi in realtà non ero io.

Crediti immagine: Katana America

#45

Facciamo tutti un grosso problema con i compleanni dell'altro e tendiamo a passare una grande serata fuori o una pazza cena fuori. Ovviamente dividiamo il conto e il festeggiato riceve un pasto gratis.

They all completely forgot my birthday to the point I didn't even get a text message. Turns out I just made the bill cheaper for the rest.

#46

I moved out of state and no one came to say goodbye.

#47

Last day of school before spring break. The day ends and I go home. I check on social media and I see that all of my friends went to someone's house to practice for band. I'm in band (we literally met through band) so I was kinda offended, but just brushed it off.

The second time is when a group of them decided to hang out at a park that isn't even a minutes walk from my place without me. They never brought it up. They've come over before so they knew I lived there.

Turns out they were mad at a joke I made about a month prior, and instead of being mature and telling me, they made a groupchat without me and started doing things without me until I left them alone.

#48

In high school near the end of senior year. I was crying because I thought I was gonna fail, and when I went to my friend at lunch, I was told by the one I thought I was closest to, "If you're gonna keep crying, could you do it somewhere else? You're killing our fun vibe here."

Never asked me what was wrong. Nothing. Only two people stood up for me.

#49

People I've only known for a few months said Happy Birthday. The people I've known for 10+ years haven't. This is the second year they've done this.

#50

I broke up with my boyfriend of three years and one of my 'friends' started dating him within a couple of weeks. Everyone knew and not one of them told me. I talked with the group about some really personal stuff relating to our breakup, not realising that his new girlfriend was sitting there taking it all in. I have no idea why nobody told me but I was so hurt when I found out (his sister posted a photo of her and her brother's new girlfriend on Facebook on Xmas Day – that was literally the first I knew of it).

When I tried to ask a couple of them why they didn't tell me the whole thing got misconstrued as I was angry that they were dating, rather than the fact I was hurt that not one of my 'friends' told me what was going on. That was a very swift end to the friendship with the whole group.

#51

When you hear more and more stories about what they've done together, and you find yourself saying, out loud, something along the lines of, that must have been fun. First few times, you don't think much of it. Eventually it clicks. Maybe get a pity invite somewhere down the line, and while excited, you still feel like you're the oddball there, because you're wondering, where did this come from? Ends up being like an obligation sort of thing, because these other people have known you for a while, and then you're done. Probably didn't help that you might have tried too hard in some spots, on that one excursion, but you feel like there's all that pressure.

#52

For me it was my first year of high school. I was on my school's JV basketball team, and during a half day of school all the girls decided they were going to go out to lunch together. I was one of the only 2 girls on the team not invited. I was already feeling pretty lonely that year, but that was the icing on top of the f**king cake. I went home and broke down, and to make matters worse I had to face everyone later on at practice. It stung like hell. Mind you, I had known a majority of these girls for several years and had gotten along with them quite well, so I was quite confused on why I wouldn't have been invited. The next day I asked someone why no one invited me, and I get slapped with the "oh, I thought we did?" Clearly my presence mattered so much…. Several years later I unwillingly embrace my loner status.

#53

High school ended. I got one email, and then they stopped. Even the ones who stayed in the area completely stopped sending me texts or email. And no one responded to mine.

These were guys I spent every lunch and often after school for up to four years with.

Yaaaay.

#54

My friend circle was really good. We would all stick together and had each others back. One jealous guy in our group turned a couple of guys against each other because of a mediocre issue. People found out, discussed amongst themselves that we needed to let him go.

However, my friends didn't let me know about this whole issue for like a month. And since I didn't know, I kept talking to that jerk. I later found out that they had an altogether different whatsapp group and everyone was in it except me. I did some serious self analysis and found I was not at an fault what so ever.

Then later on I found out that kept me away since I had some academic issues. They thought I was dumb and hence were singling me out. I even requested them to add me to the group but they ignored. I later got into depression and had some serious mental health issues. No one talked with me, as if I never existed.

I've moved way to ahead in my life. I'm now fortunate to have really good friends who care about me, and I care about them as well. (knocking on wood). I am thankful to God for having them in my life.

Also, thank you very much to the whole reddit community. So many positive people here! God bless you all!

#55

I broke up with another person in the group (ish amicably) he started dating another friend and i was never invited to anything after that. So they only hung with me bc i was dating him.

#56

I am on the autism spectrum and have trouble reading social cues, so I have unintentionally stumbled into this more than once.

#57

When they start making plans with "the group" while youre standing right there and you just know youre not invited.

#58

Does it count if, you want to go meet up with your friend, but he is with his roommates friends and warns you (and them) that we may not get along. Only to get there, meet them, get along great and have a great night and then his roommates friends saying to you that they didn't like your friend very much? That was a fun night actually..

#59

Was a part of a group chat between friends and family, only four of us in total. We were all really close for a number of years. One day I get a girlfriend who two of my friends liked the look of for a little while. They went to school with her and I met her for the first time when I turned 23. A year after dating my gf (still going strong 3 years later) I start to notice I'm not included in a lot of activities the other three get up to. I'm not invited to the cinema, meals out, staying round each others house, going out for drinks etc…

Tbh I didn't take much notice to begin with as I didn't know they were still going out doing things together as I'd only find out by other friends/family as they'd ask, "did you go out with X last night"? Those sorts of things. I just assumed they would think I'd say no because I've settled down and moved out with my gf.

I remember one weekend my family member said he was having a takeaway and asked if I wanted to come, I thought to myself, yeah brilliant as I'm actually being invited out. I then ask if my gf can come too and he simply replied, "Sorry, there aren't enough seats". I felt so s**t. Not enough seats?? I just took it as I've been kicked out the group… I still to this day believe they don't talk to me as often simply because of my gf and I being together. She is a brilliant person and she is nothing but nice to everyone, I just guess they are jealous of the fact she saw me for the first time and a week later we are starting to see one another.

#60

They asked me to take the picture. Not be in it.

#61

In college one tried to recruit me into his fraternity so we were hitting bars on weekends. After a few nights out, he gets more than a little drunk and says "you aren't nearly as bad as they said. You're actually fun to hang out with."

Oh? I say… go on.

Seems my entire senior year they held "secret meetings" on how to avoid me. You know that hormonal teenage angsty phase most go through where you think people are talking about you?

Yeah… it was true in my case.

Ironically, the rest of my class actually held me in pretty high regard.

#62

The night we were all hanging out at the house I lived in at the time with my "best friend", and they were talking about a night out they were planning.

I piped in, (being the only one in the "group" who didn't have kids, btw), and said "I have that night off! Sounds like fun!"

My "best friend" looked at me and said, "We figured you'd be willing to babysit…"

#63

I got DVT in my right leg at 19 and had to be in the hospital for a bit to bust the clots. I had blood clots in my leg for about 2 weeks before I ever got it treated (I didn't know I had them and it's unlikely for 19 year old to have them). I later learned I had a congenital heart affect and that's why I got them so young. Only a couple out of the large group of people I talked to and associated with even talked to me and asked if I was okay. I've been riding it sole ever since which has been mainly due to the traumatic depression I got from it. On a bright note though, I at least know who's actually there for me and have gotten closer to those people

#64

I used to hang out with a group of people about once a week, because my best friend was the center of the group and introduced me to them. I thought we were all really close, but when that one friend left for school last year I stopped getting invited to hang out with them, even though they were all still in town. After a bit, I even realized I had been kicked out of our group chat. When my friend came back for the summer, she invited me to hang out with all of them again, but then texted back a few minutes later as I was getting ready to leave saying that "plans had changed". Haven't spoken to any of them for more than a few minutes since.

#65

Had my second child. Granted, the second children I know aren't typically as big of a HUZZAH! as the first, especially when she was another girl, but still. This was 2 months after the sudden death of my dad from a massive heart attack. Only 1 of my group, of what I thought were my close circle of friends, actually came by to see me and my baby or let alone call.

By the way my own sister is included in that group. (Truth I know she was having just as hard of a time coping as I was. But this was the one thing that could have helped us bond again and start to heal the gaping hole in our lives.)

Two months of maternity leave gave me a lot of time to think about and reevaluate every single friendship I had.

Horrible way to find out your worth to people you thought loved you at least as much as you loved them.

#66

One time my friend Mel moved to San Francisco and asked for help because she knew I could borrow a truck. . It was a two-hour drive each way. She had actually enlisted both me and our friend Chris to help, with each of our cars loaded with her furniture and boxes. When it was time to leave, she jumped into Chris' car and I realized I'd be driving to SF with a truck full of her stuff.
Now, granted, she HAD to choose one vehicle to ride in, but it wasn't mine!

#67

The group of people I often hung out with decided to have a sleepover/ movie night. I was not invited because they forgot to tell me. Next day at school they told me it was actually for the better because they all got drunk and I was known for never drinking.

That was about 8-9 years ago and I never felt like part of a friend group since then.

#68

When they all were planning a trip to the mall and I asked if I could come, my mom would have driven me so a ride wasnt the issue, and they said they only wanted three people going.

Also when they chose to speak in a language I didn't understand for a whole lunch period just so I didn't know what they were talking about. They did it a few times and I just started bringing a book to lunch.

#69

When I would show up to public places, like my apartment pool or nearby bars and see my "friends". They would be hardly excited and feign interest in what j was up to at the time. Oh and they'd act like I was invited but showed up late. Not the case and it hurt

#70

In 8th grade, after my GrandMa died, knowledge of abuse done to me by her husband came out, and I attempted suicide the first time, my Bestie wrote me a 'Dear Jane' letter including saying all this very hurtful stuff. Our entire friend group, minus one, sighed the damn letter. Afterwards (high school, college, and pre-children) I seemed to only ever be able to have one friend at a time and they didn't last either. I was so scared of losing them, my neediness destroyed our friendship.

Since then I've learned that once I'm not able to be the Consistent Giver in my friendships, my presence is no longer needed or wanted. The only people I met were other couples from church or other Mom's in Mom groups, but that didn't even help. After my divorce (ex didn't want the responsibility of a wife and children, but wanted his mistress instead), I lost them, too. I was a wreck.

Since then, I made friends from work and a new church group and thought all was going well until…
5 years ago, my health tanked. No one I was previously there for, was there for me, so I cut myself off from them all. I have become so introverted now, I'm almost agoraphobic. If it wasn't for my Children and GrandChildren, I would not be here.

#71

They stopped meeting up in our usual meet up spot.

#72

Everyone but me went to a movie a together. It wasn't a movie i wanted to see so not a big deal but it kinda hurt.

#73

I hate this.

Alright, so I think this has been me throughout most of my life. This is soley based on a trend that I noticed a few years back. I'm the initiator of every conversation I've had with my past friends. Were I not to message them, I'd never speak to them again. And that's exactly what started to happen. Friends I've had for years gone because I never started up another conversation. Looking back I'd be in the middle of a story and then get interrupted only to have the group go off on that tangent while I sat by quietly listening. That has developed into me speaking in a very quick manner most the time which means my thoughts get jumbled and now i dont make any sense. Only when I'm typing am I pretty well managed.

I've managed to make some relatively new friends in the military where we all check up on each other. I know that out of everyone I met, 3 would actually still talk with me, 2 initiators, the 3rd is really socially awkward to start something but a better friend none the less. I'm grateful for the few in my life that care but I'm always weary of them leaving…

#74

None of them contacted me ever again after high school. That was quite the wake up call.

#75

After 5-6 years of health problem and as I got better and actually made some real friends.
Realised that most of the people I considered friends I could count on at most 2 hands the number of times they had contacted me in that time span.

#76

I had friends whom I met in college. We remained friends throughout college. Even after they left me and continued on for another couple years. But a few years down the line I stopped dating the boy I was with (also part of said group) I stop getting invited to things like movie nights or just general hangouts. Always found out about the hang later after the pictures had been posted on social media. When I “jokingly” said 'where was my invite' they replied back with 'oh we assumed you'd be working'. One particular time i did happen to working that day but my shift finished at like 2pm so I still had a chance to come them after that.
Needless to say it got the point where I had enough of being left out and ignored that I have removed them as friends from social media.

So conclusion I was only invited to stuff cos I was dating that one guy

#77

when i cut off contact and nobody at all even cared lol. i was essentially depressed and suicidal. they wouldn't have known i was suicidal or whatnot but they didnt even bat an eye when i just did that out of the blue. had it not been for the fear of death and my cat i probably wouldn't be here right now.

#78

when my mother died…. and all my longterm " friends" just sort of avoided the subject

#79

Worked somewhere for almost 10 years. Different coworkers would get noticed and get cards/gift cards for new homes, marriages, baby's, loss of loved ones, etc. My husband and I got married- nothing. My husband and I bought our first house- nothing. I got my associates degree after i was encouraged by said work place to further my education- nothing. My grandma whom I was very close with passed unexpectedly- nothing. I finally decided I had enough of this place and got another job. When I quit- no going away party like others had, nothing. I got a card in the mail two months later. I stay in touch with 3 girls who I worked with- but everyone else really hurt me. I don't think I'll ever get over it.

#80

We had been drifting apart for a few months after a 10yr friendship which hurt because I had supported her through her Mum dying when she was 16, her sisters fought all the time, one of them gave her a black eye one time and I had supported her through so much. I was severely depressed, suicidal even and she was nowhere, I somehow got engaged during this dark time. She loved weddings so I thought this might help bring us back together so I told her. Her response? "I've got to go as my boyfriend wants sex!!!" There had been another of selfish moments from her before this like she rang me specifically to tell me that she had opened my christmas gift she had bought and ate it because she wanted chocolate and couldn't be bothered to go to the shop 10 minutes away. She also forgot several meet ups, birthdays and had been bad mouthing me because I was unemployed due to my depression so I just gave up.

#81

Wasn't doing too hot (mental health, seasonal depression, all that jazz). My best friend of 12 years had been hanging out with her partner a lot (this wouldn't be an issue if she hadn't canceled plans with me to hang out with him, and that kind of stuff). And usually, this wouldn't bother me, but I missed her. So he was over at his house for the third day in a row, and me being the type of person who makes jokes to deal with stress, made a completely not insulting or problematic joke. She sent me an entire paragraph, that was something along the lines of "You're a terrible person. I don't like hanging out with you. You're selfish and make everything about you. You don't make me feel good about myself" etc, etc. And I thought this was funny because I've always been there for her. I was there when she got her heartbroken, went into a mental hospital, all of that. As I said, it's been 12 years.

Safe to say that we're not friends anymore, and that was a waste of 12 years.

#82

I met this girl at a festival my school was hosting. We were having fun and just enjoying each other's company. At the end of the festival, we decided to become friends because we wanted to. Weeks later we are friends and just really hitting it off (to my perception). That's when s*** starts to o hit the fan. She started to become distant and in my head I'm thinking it's probably not a big deal. Weeks later, a mutual of mine tells me that the girl told her that she didn't want to be friends anymore because I was annoying and clingy. My mutual also stated that she was going to tell me that she didn't want to be my friend anymore. What made me heated was the fact that I had to hear this from a MUTUAL instead of her confronting me and ending our friendship to my face. She ended up leaving the school and I ended up having detachment issues. I now can't keep a friend because of my anxiety thinking that I'm annoying them and being clingy so I just end up distancing myself from them before I hear any bs from them or a mutual.

#83

y

#84

I used to be friends with a girl up the street. we used to have lots of fun, except for a few times when I misinterpreted the situation. she and her brother did not get along at all, they yelled at each other. she wasn't that good with expressing her emotions, anger was her default emotion. I finally left after she hit me for touching her (I must admit to wondering if I touched her somewhere I shouldn't, I don't know), thankfully she had a stress ball in her hand otherwise I would have hurt more than loosing someone I thought I was close with.

#85

Best friends with a girl from another state(border state so trips were frequent to visit each other and about 4 hours away from each other). We met when we were about 14 and 15 at a horse show (competition where you ride your horse in front of judges). We attended each others high school graduations, made the trips every single year for each others bdays and were each others maid of honor in our weddings. I didn't particularly care for her husband but he made her happy and was always nice when we were in a group. (Basically had nothing in common with me and my husband but my friend adored him.) After 5 or 6 years of marriage, they end up divorced. She was devastated and found out he had been cheating on her with someone at work. My husband and I made the trip to her home to console her and help her figure out her next step. Everything seemed normal and we continued our friendship mostly over the phone and Facebook messages because adulting and jobs are hard! This continued for a couple of years with short trips in between messages and seeing each other at horse shows. Well, I was scrolling Instagram one day when I saw a pic of her and a guy in formal wear on a cliff in Ireland. I was thinking she had a friend she was visiting as we both are avid travelers and adventurers and thought to myself that she was finally healing and getting back to normal. No. She had been seeing this guy for about a year, never told me at ANY of our brief visits. The photo was of them right after getting MARRIED!!! I was hurt but thought she just wanted an intimate ceremony after having the big first wedding. I congratulated her and all seemed well. A year passes and again I am scrolling Insta and see a photo of a sonogram on her page. She was pregnant and hadn't bothered to call, message, write, anything. I stewed on it for a while and messaged her. I basically poured out my feelings of how hurt I felt after being there for EVERYTHING for each other she didn't bother telling me about a wedding and a baby. She basically told me that she didn't want anyone to know about either because she is kind of a private person. HELLO INSTA posts for EVERYONE to see!!! Didn't make sense to me so I just told her to have a nice life! My husband told me that he thinks because the new husband is very well off and so is her family, she dumped me after everything we had been through because I am not in her wealthy clique!! It makes sense now that I think about it. My husband and I have great jobs and aren't wealthy by any means but we are able to do the things we want and have a nice home. We still follow each other on Facebook but haven't spoken or messaged one another in 2 years. I still get sad but it is what it is.

#86

I worked with someone and we became quite close to the extent that I thought we were BFFs. She eventually became the head of the department and was always complaining that she was overworked (she was), so I offered to help her by doing some of her work. The day she left (she got a promotion post at another institution) there was a huge farewell party for her. During her speech, she went around the room saying how she felt about everyone there. I thought I would be first to be mentioned after our two bosses. Or at least third or fourth… My spirit fell each time she looked around the room and didn't mention me. I think I was the second-last person she mentioned. That hurt after I'd been doing half her work for five years!
Another friend of mine in the same department was friends with this woman's husband as they worked closely together. We went out for lunch with them once after they had both eventually left, and never. saw. them. ancora. Never even HEARD from them again. After more than ten years of working closely with them. I realized that they were the kind of friends who were friends with you when you were in their orbit. As soon as you weren't, it was like you didn't exist.
A colleague of mine was also suckered by this woman. She convinced him to abandon the job at our institution to come and work for her, saying she had a long-term plan for him to move up in their institution. Then she got another promotion post and left, leaving him in a vulnerable position. He was re-hired by our department, and naturally has nothing good to say about her. I don't blame him.

(Fonte: Bored Panda)