57 persone condividono la cosa più terrificante che abbiano mai visto ma nessuno ci ha creduto

I veri fan dell'horror raramente hanno bisogno di accendere le luci o coprirsi gli occhi mentre guardano qualcosa di terrificante sui loro schermi. Ma è qualcos'altro quando nella vita reale si verificano situazioni inquietanti, a disagio e decisamente agghiaccianti. Quindi, la prima e più ragionevole cosa che vogliamo fare è cercare conforto raccontandolo a qualcuno.

Ma se pensi che vivere un'esperienza spettrale sia già abbastanza brutta, è ancora peggio quando coloro con cui decidi di condividerla ti guardano con occhi sospettosi. L'utente di Reddit chrome-hearttagz ha deciso di scoprire quante povere anime ci sono là fuori. Hanno chiesto alle persone di aprirsi sulla cosa più spaventosa che gli fosse mai capitata, ma nessuno ci ha creduto.

Di seguito, abbiamo raccolto una manciata di risposte da Redditor i cui amici e familiari hanno insistito sul fatto che stanno mentendo o semplicemente immaginando le cose. Bored Panda era anche interessato a saperne di più sul tipo di impatto che situazioni imprevedibili o incidenti potenzialmente letali hanno sulle nostre vite e su come reagire al meglio, quindi abbiamo contattato la specialista in traumatologia e terapeuta Shari Botwin .

"La vita è piena di sorprese e il cambiamento può avvenire in qualsiasi momento. Alla maggior parte di noi piace avere il controllo del proprio destino e del futuro, ma è impossibile. Accettare che le cose sfortunate possano accadere in qualsiasi momento riduce la nostra ansia e ci permette di essere più nel momento". Continua a leggere per tutta l'intervista!

# 1

Stavo giocando fuori da solo e un camion continuava a guidare per le strade. Mi sono sentito a disagio e ho iniziato a camminare verso casa, loro mi hanno seguito, mi sono fermato, si sono fermati, ho corso, hanno guidato più velocemente. Ho iniziato a correre a casa e quando mi sono avvicinato ad altri le persone si sono girate e se ne sono andate. Quando sono arrivato a casa l'ho detto a mia mamma e mio papà. Nessun corpo mi ha creduto. Sono passati 5 anni e sono ancora scioccata

Crediti immagine: TheRedditScout

#2

Metto sempre le chiavi nello stesso identico posto dopo essere tornato a casa dal lavoro; non importa cosa, vanno sempre nel piatto nel mio soggiorno. Un giorno dell'agosto scorso ero a casa dal lavoro da alcune ore e stavo cucinando la cena quando il pensiero di "dove sono le tue chiavi" mi è rimasto in testa. Ho guardato dietro l'angolo, sicuro di vedere le mie chiavi nel piatto, ma non c'erano chiavi. Mi sono guardato intorno nell'area circostante e ho ampliato la mia ricerca alla mia borsa, giacca, camera da letto solo per risultare vuota. Sono tornato a casa dal lavoro e sono entrato con le chiavi, ero a casa da solo e i miei coinquilini erano fuori città per alcuni giorni a quel punto, quindi sapevo di averli e sapevo che nessuno li avrebbe spostati. Ho capovolto la mia casa, cercando per circa 4 ore prima di scuotere di buon cuore il mio cappotto invernale più pesante appeso in fondo al mio armadio… Li ho trovati chiusi con la cerniera nella tasca interna di quel cappotto che non indossavo da metà -Febbraio al più tardi.

Tutti ignorano sempre la storia perché devo averli commossi e dimenticarmene, ma per me non ha senso. Non ho assolutamente idea di come siano arrivati ​​lì e ho davvero solo 4 possibili spiegazioni: attività paranormale, glitch nella matrice, sono svenuto e li ho spostati per qualsiasi motivo, oppure c'era qualcuno in casa mia ed era l'unica cosa che fatto.

Crediti immagine: hrowmeaway212223

Shari Botwin, LCSW e autrice di Thriving After Trauma: Stories of Living and Healing , ha spiegato a Bored Panda che quando accadono cose sfortunate, cercare di controllare ciò che accade dopo si tradurrà in livelli più elevati di rabbia, ansia e disconnessione dalle vite che siamo vivere nel presente. "Concentrarsi sulle cose che possiamo controllare allevia parte della paura. Il cambiamento fa parte della vita. È riconoscendo questo fatto che possiamo vivere una vita più sana e meno stressante giorno per giorno", ha detto.

Alla domanda su come queste situazioni o incidenti imprevedibili abbiano un impatto su di noi, Botwin ci ha detto che ci fanno sentire agitati, ipervigilanti, in preda al panico e stressati. "Dal momento in cui accade qualcosa di spaventoso, le nostre vite sono cambiate per sempre. Ho incontrato clienti che hanno avuto terribili incidenti d'auto e poi hanno evitato di guidare per settimane. Ho incontrato altri clienti che hanno perso un familiare o una persona cara all'improvviso. Per mesi e talvolta anni a seguire, questi clienti hanno sviluppato una grave depressione, disturbi di panico e sono diventati dipendenti da una varietà di sostanze", ha rivelato.

#3

C'è stato un momento che mi accompagnerà per sempre in cui ho reazioni contrastanti quando racconto la storia.

Vorrei iniziare aggiungendo un po' di contesto: avevo 20 anni all'epoca e stavo aiutando la mia ragazza a trasferirsi dall'Alabama a Los Angeles. Poiché aveva tutte le sue cose e la sua macchina, abbiamo deciso di guidare. A quel tempo aveva la patente sospesa, quindi ero io quello costretto a guidare per tutto il tragitto. Poiché non volevo ottenere alcuna multa per eccesso di velocità, ho portato il mio rilevatore radar da casa per portarlo con noi durante il viaggio.

Ora era il secondo giorno del nostro viaggio e da poco avevamo attraversato il New Mexico. A quel tempo era già ben oltre il tramonto, quindi la maggior parte del mio viaggio quel giorno è stato trascorso sulla I10 di notte. Poiché ero l'unico autista, ho deciso di fermarmi ogni due ore ai punti di ristoro per usare il bagno, fare stretching o mangiare.

Ricordo di essermi fermato quella notte molto tardi intorno alle 11 o 12 in un punto di ristoro a Gage NM. Da quello che ricordo, la sosta era davvero l'unica cosa fuori dall'uscita, e non c'era niente fino a una città o case nella zona per miglia. L'unica cosa che c'era era una piccola area con molte strutture di cemento identiche che coprivano i tavoli da picnic. Erano come scatole di cemento, su tre lati, con finestre intagliate e una luce nel mezzo. Mentre stavamo entrando, il rilevatore radar ha iniziato ad andare in tilt, mostrando codici per più bande diverse tra cui X, KA e Laser, tutto in una volta.

Ho spento il rilevatore radar, senza pensarci molto in quel momento, e mi sono fermato in un'area picnic sul retro. Da quello che ricordavo, stavo per mangiare uno spuntino o qualcosa che mi aiutasse, e mentre stavo afferrando il cibo dalla fila centrale, ho sentito un basso rombo/squittio, mentre qualcuno stava strofinando il palmo della mano lungo il lato di la macchina. Mentre stavo afferrando alcuni oggetti da una borsa in grembo, la mia ragazza in quel momento mi ha afferrato il braccio con la presa e la paura più intense e ha appena iniziato a dire "dobbiamo andare, dobbiamo andare" con crescente panico.

Non dimenticherò mai quello che ho visto. Nel suo specchietto laterale, c'era una grande sagoma ruvida appoggiata all'auto appena oltre la porta sul retro. Anche da uno sguardo, potevo dire che la figura doveva essere molto più alta del SUV, dato che sembrava un po' curvo. Vedendo questo, ho subito iniziato a farmi prendere dal panico, poiché non ero sicuro se si trattasse di una persona, animale o altro. Mentre cercavo le chiavi nel portabicchieri, ho dato un'occhiata allo specchietto laterale e ho detto la stessa identica cifra, immobile contro la fiancata dell'auto. Pochi secondi dopo ho avviato la macchina e l'ho spinta fuori di lì. Dove era parcheggiata la nostra macchina, non c'era nulla di visibile dalla luce proveniente dalla tenda da picnic.

Non sono un grande sostenitore del paranormale, ma questa è stata un'esperienza che definirei al 100% il mio unico vero incontro paranormale. La dimensione di qualunque cosa fosse non era sicuramente umana, e sebbene fosse in qualche modo umana, la quantità di capelli che aveva sulla testa rendeva difficile dire che aspetto avesse effettivamente. Un amico che ho incontrato più tardi al college del New Mexico che aveva vissuto in una riserva una volta ha suggerito che avrebbe potuto essere un wendigo, o qualche altra bestia nativa della tradizione forcella. Non so ancora per niente cosa fosse con certezza, ma a volte ho ancora incubi su quella notte.

Crediti immagine: PraderaNoire

#4

Vivo da solo e (all'epoca) avevo 2 gatti. Ho una di quelle luci di proiezione della galassia. Il tipo che fondamentalmente proietta qualcosa sul tuo soffitto.

Ha una connessione IR o bluetooth perché usa un telecomando per cambiare i colori e le impostazioni su di esso. Ha anche un altoparlante per qualche motivo per farti sapere se il telecomando è collegato.

Una notte l'ho spento e mi sono seduto sulla mia sedia accanto al mio letto. Ero in un sonno profondo quando ho sentito la voce che si accendeva e si spegneva, dicendo "Bluetooth disconnesso". Questa è stata la cosa iniziale che mi ha spaventato perché tutto ciò che potevo sentire era questa voce disincarnata. Ho trovato rapidamente la fonte e mi sono reso conto di averci gettato sopra dei vestiti, quindi la porta IR era bloccata.

Sono tornato a dormire e sono stato svegliato di nuovo, questa volta al mattino, da una voce MASCHILE che diceva "Oh, ciao fiamma!" Veniva dalla direzione della luce. Blaze è il nome del mio gatto. Rimasi immobile per un momento, con il cuore in gola. Mi sono girata e ho trovato il mio gatto seduto dall'altra parte del mio letto. Era nella stanza. che mi ha spaventato ancora di più. Sono saltato fuori dal letto, sono corso verso la cosa e l'ho strappata dal muro.

Da allora non l'ho più acceso. È stato seduto in un angolo della mia stanza con la spina staccata. Ho paura di ricollegarlo.

Darei la colpa alle allucinazioni ipnogogiche perché le ho avute prima. Per lo più la voce di mia madre che chiama il mio nome. Ma il fatto che il mio gatto fosse in realtà nella mia stanza, seduto praticamente davanti alla luce, mi TERRIFICAVA. I miei gatti non hanno collari/campanelli quindi non è che l'avrei sentito passivamente nel sonno entrare nella mia stanza e poi immaginato la voce. Non solo, ma sembrava anche impazzito, come se avesse sentito anche la voce. Non ho idea se fosse quello o stava solo reagendo al mio risveglio.

Ho ispezionato l'intero dispositivo, cercando telecamere e microfoni. Stavo per smontarlo ma avevo troppa paura di quello che avrei trovato.

Crediti immagine: dawrina

#5

Ho molte storie perché faccio pulizie per le persone e mi diletto in pratiche pagane. Possono essere tutti piuttosto selvaggi, ma quello che la maggior parte delle persone ha più difficoltà a capire è stato assistito da me, madre e sorella. Questo è successo quando avevo 8 anni, quindi nel 1998, una piccola città dell'Alabama. La mia famiglia aveva comprato questa casa sul lago. Una vera festa infestata dai fantasmi, ma con il senno di poi, sai? Letteralmente il secondo giorno di trasloco, abbiamo sperimentato qualcosa. Inoltre, questo è avvenuto ben prima di qualsiasi tuffo nell'occulto. La mia famiglia era cristiana aconfessionale.

La casa era composta da 6 camere da letto, 4 bagni, disposizione superiore e seminterrato. Avevamo tutti le nostre camere all'ultimo piano. La mia stanza e quella dei miei genitori erano le più in fondo al corridoio. Mia sorella era vicina all'inizio, proprio di fronte al bagno. Quindi la sala non era lunghissima, ma mia sorella che aveva deciso di appendere alle pareti dai 14 ai 15 ritratti di famiglia. Variavano per dimensioni e peso.

Ora, nostra madre era in soggiorno, che è ciò su cui si apriva il corridoio. Quindi, non lontano e sicuramente in vista l'uno dell'altro. Papà se n'era andato, probabilmente al lavoro o qualcosa del genere. Ero nella mia stanza ad affiggere poster. Niente di straordinario ed era mezzogiorno.

Quando mia sorella ha finito di mettere le foto, è venuta a prendermi per mostrarmele. Era orgogliosa del suo lavoro. Eravamo proprio fuori dalla mia stanza a parlare quando all'improvviso ci siamo sentiti molto a disagio. L'atmosfera era cambiata. All'epoca non lo capivo, ma era solo pesante e difficile pensare in modo chiaro e respirare. Inutile dire che la nostra conversazione si fermò. Anche mia madre l'ha sentito e ha smesso di disfare le valigie. Si voltò a guardarci.

All'improvviso, abbiamo sentito e sentito questa adorazione del vento provenire dalla camera dei miei genitori proprio di fronte a noi, in fondo al corridoio. Tutte quelle immagini levitavano dal muro e fluttuavano a mezz'aria, riposando in posizione orizzontale, parallela al suolo. Abbiamo urlato e siamo corsi da nostra madre. Eravamo isterici come puoi immaginare.

La mamma ha detto che era spaventata, ma doveva essere mamma orsa e proteggere i suoi bambini. Disse con fermezza: "Smettila! Stai spaventando i miei figli!" Gli ha anche detto di andarsene perché non era il benvenuto qui.

Ora questa parte, non l'ho vista perché la mia faccia era sepolta nel fianco di mia madre mentre piangevo. Ha detto, le immagini sono tutte fluttuate verso il basso e si sono fermate nella loro posizione originale. Il soffitto sembrò alzarsi e allontanarsi all'improvviso. Anche mia sorella ha visto questo. Non ho idea di come altro spiegarlo. L'hanno sempre descritto solo in questo modo. Ma la casa è diventata normale e ancora una volta come se nulla fosse mai successo.

Mio padre non ci ha mai creduto, nonostante tutti e 3 l'abbiamo sperimentato. Onestamente, questa è stata la cosa più docile che abbiamo vissuto in casa. 7 anni di inferno che abbiamo sopportato lì.

Crediti immagine: dreamingdruidess

"La disperazione, la rabbia e la paura all'indomani di qualcosa di brutto che è successo lascia molte persone bloccate e isolate". Tuttavia, Botwin ha detto che a volte incontra persone che ottengono il potere dall'evento accaduto. Ad esempio, ad alcuni di loro sono state diagnosticate malattie potenzialmente letali. "Invece di soccombere alla paura e al dolore, alcuni di questi clienti scelgono di affrontare altre paure o di vivere di più nel momento. Capovolgono la paura e la trasformano in azione che li porta a vivere vite più piene e felici".

#6

Avevo 6 anni e ricordo di aver giocato nella mia stanza e mio nonno è entrato e mi ha parlato per qualche minuto. Dopo un po' si alza e mi dice "fai la brava ragazza per la mamma", mi bacia sulla fronte ed esce. La mamma arriva dopo circa 5 minuti isterica e mi ha detto che mio nonno era morto durante la notte e che dovevamo partire per andare a stare con la famiglia nei due stati in cui viveva.

#7

Quando avevo circa 12 o 13 anni mi sono svegliato nel cuore della notte e ho sentito l'odore della colonia di mio padre, ho pensato che fosse un po' strano dato che viveva a circa un'ora di distanza, ma era troppo stanco per preoccuparsene. Sono tornato a dormire, mi sono svegliato la mattina dopo e per qualche motivo mia madre non mi ha svegliato per andare a scuola. Mio padre era morto la notte prima. Non ho raccontato a nessuno per anni quella notte, ma verso i 23 anni ho detto a mia madre che era contenta di sapere che non era pazza, quella stessa notte si è svegliata di soprassalto e il cane stava fissando la porta scodinzolando . Quasi come se stesse salutando prima di andarsene del tutto.

Crediti immagine: mathisid

#8

Un'esperienza fuori dal corpo che spero non si ripeta mai. Mi sono quasi fatto schifo per la paura. Avevo circa 11 anni (forse più giovane, difficile da ricordare) ed ero malata a scuola, nella stazione degli infermieri (chiamata aula malata nella mia scuola). Sdraiato sul lettino da campeggio, sentendosi generalmente strano, guardando fuori dalle finestre molto alte e sottili che sono tipiche delle scuole vittoriane nel Regno Unito. Poi ho sentito questo strano, posso solo chiamarlo un juke di lato, ma mentalmente e mi sono visto fuori dalla finestra, guardando dentro, e allo stesso tempo stavo guardando fuori dal letto attraverso la finestra a me stesso.. fluttuando fuori.

A quanto pare ho urlato ma non ricordo quella parte. Poi l'infermiera ha chiamato mia madre per venirmi a prendere e sono andata a casa. Penso di aver dormito il resto della giornata ma non ho ricordi chiari di quella parte.

Crediti immagine: Jay-Dee-British

Vivere in circostanze che si rivelano un po' più spaventose della finzione fa sorgere la domanda, come è meglio reagire ad esse? Secondo Botwin, quando ci troviamo in situazioni spaventose o pericolose per la vita, è molto importante cercare di mantenere la calma. "Il panico e l'urgenza si insinueranno immediatamente. Potresti sentire il tuo cuore battere forte o un imminente senso di sventura e tristezza."

"È naturale per noi entrare in modalità volo o combattimento quando ci sentiamo spaventati o in pericolo", ha aggiunto. "Prenditi un minuto se è appropriato e valuta la situazione che stai affrontando. Chiediti: 'La paura che sto vivendo nella mia mente e nel mio corpo corrisponde alla situazione attuale, o sto anche reagendo ad altri eventi che mi hanno lasciato traumatizzato o bloccato nel passato?'"

#9

Sono cresciuto in una casa stregata. I miei genitori vivono ancora lì ancora oggi. Le esperienze più traumatiche della mia vita. L'unico ricordo in cima alla lista è quello che odio raccontare e raramente lo faccio. Mi svegliavo sempre nel cuore della notte e vedevo merda. Da quando ho memoria fino a quando mi sono trasferito a 18 anni. Una notte, avevo circa 6 anni, mi sono svegliato e ho visto un uomo e una donna, entrambi vestiti di bianco, la pelle più pallida mai vista, entrambi in piedi ai piedi del il mio letto che guarda fuori dalla finestra. La donna sembrava di statura media mentre l'uomo raggiungeva il soffitto. Ho cercato di convincermi che non era reale, che stavo sognando finché l'uomo si è voltato e mi ha guardato, i suoi occhi erano rossi. Mi girai di lato e mi coprii la testa, cercando di nuovo di convincermi che stavo sognando. Dopo qualche minuto ho guardato oltre le coperte e ora l'uomo era in piedi al lato del mio letto e mi guardava dall'alto in basso. Non ricordo niente dopo. Ho parlato con uno specialista quando ero più grande, pensando che forse soffrivo di paralisi del sonno a causa di queste esperienze ma non era così. In ogni esperienza, potevo muovermi e persino scappare dalla mia camera da letto più volte. Bei tempi.

Crediti immagine: bcdevv

# 10

Sono cresciuto in una casa stregata. Nessuno crede alla maggior parte delle stronzate che mi sono successe. Il massimo di tutto era che nessuno credeva che fossi stato strattonato fuori dal letto per le caviglie nel cuore della notte.

Crediti immagine: missrabbitifyanasty

# 11

Vivo in una casa estremamente vecchia. Cigola, geme, la casa non è completamente in piano, quindi a volte le porte sganciate si aprono "da sole", ma in realtà perché la fisica. Se ti sedessi a casa mia in una giornata ventosa, giureresti su Dio che era infestato dai fantasmi perché gli infissi delle finestre non sono grandi e il vento urla attraverso le fessure e fa sbattere i vetri come se fosse arrabbiato…

Vivo qui da un paio d'anni ormai. Conosco ogni rumore che questa casa fa come il palmo della mia mano. Quasi non me ne accorgo in questi giorni. Ecco perché ho trovato strano che mentre stavo lavando i denti una notte di qualche mese fa, ho sentito chiaramente due voci di uomini dall'altra parte della porta del mio bagno. Ora, siamo solo io, i cani e il mio ragazzo qui. Il mio ragazzo era dall'altra parte del corridoio sdraiato a letto e i cani erano con lui. Le voci che ho sentito erano chiare come il giorno, due gentiluomini più anziani.

"Dobbiamo dirglielo?"

"No… (borbotto indistinto)…"

"Sono là dentro?"

E la seconda voce non rispose. Ovviamente ho aperto la porta del bagno e ho guardato per vedere chi c'era nel mio corridoio. Ma non c'era nessuno lì. Ho ascoltato per qualche minuto, pensando che forse ho sentito la TV o qualcosa del genere. Non sento niente. Lo chiamo e chiedo se il mio ragazzo ha detto qualcosa, lui risponde di no da dove si trova in camera da letto…

Torno alla mia routine notturna, spengo la luce del bagno e ora il corridoio è buio. Vado in camera da letto. Abbasso la mano dopo aver spento l'interruttore della luce e la mia mano sfiora una mano fredda e ruvida. Come qualcuno con molti calli sulla mano… ho sentito il pollice e il palmo distintamente. Come se qualcuno avesse allungato la mano per prendermi la mano ma il mio movimento si fosse tirato fuori dalla presa prima che potessero effettivamente afferrare la mia mano, se questo ha senso.

La mano veniva da dietro di me, dal bagno. Ovviamente so che non c'è nessuno in bagno, sono appena uscito dal bagno. E poi ho sentito qualcuno borbottare, dietro di me. Non esattamente parole, solo una specie di voce, come qualcuno che brontola sottovoce. Sono saltato, ho riacceso la luce del bagno, non ho visto nessuno, ho lasciato la luce accesa e mi sono trascinato in camera da letto per dire al mio ragazzo cosa era appena successo perché ero estremamente spaventato. Abbiamo controllato l'intera casa per un intruso. Non ho trovato alcun segno. Tutto era chiuso come al solito. Non è mai successo di nuovo. Non ho idea di cosa fosse.

Crediti immagine: RealAbstractSquidII

Lo specialista in traumatologia ha suggerito che è meglio rispondere alla tua paura con parole di rassicurazione e compassione. "Cerca di mettere la paura in prospettiva. Non affrontare questi sentimenti da solo. Chiama un amico o parla con un membro della famiglia. Elabora ciò che provi in ​​modo da poter capire da dove proviene la paura. Ricorda a te stesso che è perfettamente normale avere paura a volte. È un'emozione che va e viene, soprattutto se hai provato qualcosa che ti ha lasciato paura", ha consigliato Botwin.

# 12

Il mio bagno è strano. Una volta si è illuminato dall'esterno come se qualcuno avesse messo i fari sul finestrino. Lotti vuoti dietro di me e accanto a me. Nessuna fonte di luce esterna.

Stesso bagno: spesso trovo il cassetto del mobile in basso completamente estratto e sul pavimento. Dovrebbe essere sollevato dai rulli

Stesso bagno: il gatto ringhiava e stava impazzendo e faceva la posizione del gambo.

Crediti immagine: 25Hams

# 13

Quando avevo circa 4 e 5 anni vedevo costantemente cose strane nella mia camera da letto di notte. Ci sarebbero spesso ombre sul muro che parlano tra loro. È successo così spesso che li ho presi per eventi normali. Di notte vedevo ogni sorta di cose strane, ma le ombre erano una delle cose che vedevo più spesso.

Una notte in particolare stavo sognando di essere in un vasto paesaggio di dolci colline verdi. A punteggiare le colline c'erano strane creature di tipo bufalo. C'era qualcosa che non andava in loro. Sembravano innaturali, malvagi e leggermente mostruosi. Ho iniziato ad avere paura e mi sono svegliato. Sdraiato nel mio letto, mi sono girato e ho visto un'ombra cornuta sul muro direttamente sopra la mia porta. Ho cercato di ignorarlo e mi sono capovolto. Lo sentivo guardandomi e continuavo a voltarmi indietro sperando che se ne sarebbe andato, ma era sempre lì. Stava fissando e sorridendo. Dopo un po' non ce la facevo più, così ho iniziato a urlare per mia madre. Non appena è entrata, è svanito.

Non ho un buon modo per spiegare le cose che vedevo da bambino. Sembrava che spesso ci fosse una confusione tra il mio stato di sogno e lo stato di veglia, quindi potrei aver semplicemente avuto un'immaginazione molto attiva e strana al punto in cui avevo veramente allucinazioni su base regolare. Quando avevo circa sei anni ne avevo abbastanza delle cazzate, quindi ricordo di aver aperto la porta d'ingresso di casa nostra e di aver urlato "Vattene!" a tutto ciò che mi dava fastidio. Fu allora che le mie notti iniziarono a diventare più normali e alla fine non ho mai più avuto problemi con loro.

Crediti immagine: lacrima

# 14

Circa un anno fa stavo guardando film a tarda notte quando ho avuto fame e sono sceso al piano di sotto per uno spuntino. La mia stanza è di fronte a quella di mia figlia e la sua porta era aperta. Mentre stavo tornando di sopra comincio a girare a sinistra verso la mia stanza quando sento, chiaro come sempre, "papà puoi chiudere la porta?" Mi giro, non dico molto e lo chiudo. Una volta tornato nella mia stanza, mi sdraio a guardare la tv quando mi colpisce… mia figlia non c'è. Sta passando la notte dai miei genitori. Mi alzo e vado nella sua stanza e di sicuro è vuota. Ho svegliato mia moglie e lei pensa che io sia pazzo. Dice che probabilmente ero stanco e forse era la tv. Ricordo la voce così chiara e che veniva in direzione della sua stanza. È molto probabile che fosse solo la mia testa a giocare, ma sicuramente mi ha fatto dubitare di alcune cose.

Sfortunatamente, quando decidiamo di condividere questi sentimenti con gli altri, a volte sembrano esitanti a credere alla nostra esperienza. Sia che lo respingano completamente come fantasia o pensino che stiamo mentendo, può causare un disagio ancora maggiore a una persona. Botwin ha spiegato che queste situazioni si verificano perché le persone tendono a evitare qualsiasi sentimento che richiami paura.

"Spesso, le persone penseranno cose del tipo, 'Non è possibile che sia successo.' La gente non vuole pensare che esistano il male o i disastri. Molti prendono le distanze da queste storie perché non possono digerire i fatti senza entrare in uno stato di panico più intenso".

# 15

Quando avevo 7 o 8 anni ho appena finito di guardare un episodio di Most Wanted dell'FBI, poi sono uscito sulla veranda per fare delle bolle. Mentre stavo facendo questo, ho visto un ragazzo scappare dalla casa del vicino e nascondersi dietro alcuni cespugli con una pistola. Poi mi rendo conto di sentire le sirene della polizia avvicinarsi, prima che si fermino improvvisamente prima di arrivare nella mia strada. Il ragazzo mi guarda, fa il gesto "zitto", poi corre attraverso il nostro prato fino al cortile dell'altro vicino. Fino ad oggi, e giuro su Dio che è vero, ho riconosciuto la sua faccia come uno dei ragazzi di America's Most Wanted. Non ricordo chi, per quanto ne so, i poliziotti non l'abbiano trovato, e nessuno nella mia famiglia crede che sia successo. Ero congelato dalla paura / shock fino a quando non è scappato dalla mia vista, a quel punto sono tornato dentro e ho raccontato ai miei genitori quello che avevo visto. Non li biasimo per non avermi creduto, ma almeno quel giorno ho visto un criminale ricercato correre nel nostro cortile.

Crediti immagine: anon

#16

Ogni dannata volta che sto passando un momento difficile e piango mio padre lo sa. Anche se viviamo in città diverse. Mi chiamerà e mi dirà che sapeva che stavo piangendo. Che potesse sentirmi. Non sbaglia mai.

Quando mi trasferisco in un altro appartamento, può descrivermi come appare il mio nuovo posto prima di vederlo. Prima ancora di parlarne.

#17

Quando ero piccolo, di tanto in tanto vedevo un uomo con un cappello a cilindro nel seminterrato della mia casa d'infanzia. Mia madre non mi ha mai creduto e mi ha detto che stavo immaginando le cose. Poi mi ha accusato di essere drogato quando ero un adolescente quando ho detto che l'avevo visto. Non l'avevo visto fino a quando non ero a Creta 15 anni dopo. La domanda aleggia nella mia mente ancora oggi, chi o cosa.

Ma a volte, le persone abbelliranno le loro storie perché temono che gli altri invalideranno o non crederanno a ciò che è loro successo, ha affermato Botwin. "Una volta che qualcuno ha attraversato un evento traumatico o che ha cambiato la vita, è più probabile che creda a un'altra persona che sta raccontando di aver attraversato un'esperienza spaventosa", ha aggiunto.

#18

Sono stato rapito in una casa dall'amico di mio padre.

Per farla breve, l'amico di mio padre era senzatetto e mio padre lo lasciava dormire sul divano. Non ci ho mai pensato, ma andavo in camera mia con l'asciugamano addosso, ma di solito gli passavo accanto sul divano, questo sarebbe diventato un affare molto più grande in futuro. Questo ragazzo continuava a parlare delle sue figlie e di come voleva che le incontrassi, erano un paio d'anni più grandi (14-16) ma essendo un ragazzino ho pensato che avrei semplicemente incontrato nuovi amici. Ha vissuto con noi per un paio di mesi, finché un giorno mentre andava a scuola a piedi mi chiama dall'altra parte della strada. Ho vissuto probabilmente a 1,5 km da casa mia, ma un colpo dritto e una strada piuttosto trafficata. Ha finito per attirarmi in casa dicendo che le sue figlie vivevano lì e volevano incontrarmi. Mi ha letteralmente fatto fare un giro di questa casa, ma ho continuato a fargli domande come dove fossero e chi fosse la loro mamma. È sfuggito al fatto che stavano facendo la doccia nel seminterrato, all'istante ho sentito una brutta vibrazione e mi sono seduto sul divano in soggiorno, rifiutandomi di entrare nel seminterrato. Ho iniziato a farmi prendere dal panico perché vedevo l'ora e sapevo di essere in ritardo per la scuola. A questo punto fa notare che pensa che me lo stia addosso perché gli passo davanti con l'asciugamano, ero così sbalordito che ha semplicemente detto di no e gli ho detto che dovevo andare. Ha chiesto un abbraccio e mi ha massaggiato la coscia in modo sessuale, sono letteralmente corsa fuori dalla porta. Sono stato cresciuto alla vecchia maniera ed avevo così paura di finire nei guai che sono letteralmente tornato a scuola, quando sono tornato a casa ho detto ai miei genitori che non si rendevano conto di quanto fosse grave la situazione e hanno chiamato la polizia. Sono venuto a scoprire che non era nemmeno la casa di sua figlia, ha letteralmente fatto irruzione in una casa mentre andavo a scuola per attirarmi.

Anche se la polizia è stata coinvolta e il ragazzo ha letteralmente lasciato tutto ai genitori e non è più tornato anni dopo, i miei genitori hanno fatto amicizia con suo fratello e alla fine di nuovo con lui, e suo fratello continuava a negare che fosse successo e anche i miei genitori hanno iniziato a metterlo in discussione. LMAO

# 19

Penso che io e i miei amici siamo stati quasi colpiti da un fulmine o da qualche fenomeno elettrico a Petawawa, in Ontario, quando avevo tra i 5 e i 7 anni. Fuori pioveva torrenziale, tuonava e molto umido. Ero pronto per entrare ma le mie amiche, due sorelle della mia età e più giovani che vivevano dall'altra parte della strada, erano bloccate fuori – credo che il loro fratello adolescente le avesse chiuse fuori per scherzo. Ero in piedi dall'altra parte del loro prato, discutendo di entrare o sedendo con loro sulla veranda mentre la sorella più piccola piangeva di paura a causa del tuono. Improvvisamente, un'enorme palla di luce bianco-bluastra scese dal nulla e sembrò colpire il prato tra di noi. Ricordo che sembrava che stesse girando a spirale o girando, come un super buttafuori. Sembrò rimbalzare da terra e poi scomparve. La sorellina ha urlato un sanguinoso omicidio ed entrambi hanno lasciato cadere gli ombrelli e si sono abbracciati. Corsi dentro casa mia. Ricordo di aver ancora visto la luce quando ho chiuso gli occhi e mi ha perseguitato per un bel po' di tempo dopo.

Esperti di fulmini o linee elettriche, mi piacerebbe sentire i tuoi pensieri. Il prato non sembrava danneggiato e mia madre pensa che fosse la mia immaginazione.

Crediti immagine: Its402am

# 20

quindi c'è questa leggenda locale che c'è un culto che pratica nel profondo dei boschi della mia zona. una notte, io e il mio amico abbiamo deciso di fare un'escursione nei boschi all'una di notte. ha detto che conosceva la zona, io no. non sorprende che ci perda. mentre girovaghiamo senza meta, sentiamo quello che suona come dozzine di voci che cantano tutte in una volta. immediatamente, la prima ipotesi è "abbiamo trovato il culto" perché questo è letteralmente come 2 miglia nel bosco fuori da questa strada che è in mezzo al nulla, senza case o altro per miglia. ci avviciniamo per indagare perché siamo dei veri idioti e questo coyote appare sul sentiero di fronte a noi. giuro che era una specie di cosa spirituale o qualcosa del genere perché è apparso letteralmente dal nulla. il mio amico si spaventa e gli lancia un gallone di latte (ha portato il latte con sé da bere… è uno strano lol). coyote scappa, decidiamo che probabilmente dovremmo ripensare alla nostra indagine, soprattutto considerando che probabilmente abbiamo fatto abbastanza rumore per allertarli comunque. racconto alle persone questa storia e loro la trovano divertente, ma non credo che nessuno mi creda davvero lol

Crediti immagine: lets_get_wavy_duuude

Se leggere queste storie ti ha fatto sentire come se volessi avvolgerti in una calda coperta e non fare mai più un passo attraverso la tua porta di casa, ricorda la frase saggia che ci ha detto Forrest Gump: "La vita è come una scatola di cioccolatini, non si sa mai cosa otterrai." E Botwin è completamente d'accordo con questa linea di pensiero.

"Ci sono vantaggi nel vivere una vita imprevedibile. Se sapessimo sempre cosa sarebbe successo o potessimo prevedere il futuro, potremmo non essere in grado di apprezzare il momento e vivere la vita al massimo", ha concluso.

#21

Negli anni '90 facevo parte della squadra di atletica leggera al liceo. Dopo la scuola correvamo per oltre 5 miglia lungo la strada sterrata proprio alla periferia della città perché era vicino alla scuola. In quel periodo c'erano state segnalazioni di un uomo in un pick-up bianco che aveva cercato di rapire un paio di ragazze che tornavano a casa da scuola nella nostra città.

Un giorno non mi sentivo bene e sono rimasto indietro rispetto ai miei compagni di squadra durante una delle nostre corse dopo la scuola. Sto correndo da solo lungo questa tranquilla strada sterrata quando un pickup bianco rallenta accanto a me. Il ragazzo ha iniziato con una chiacchierata amichevole sul tempo e cose del genere. Ero terrorizzato, ma ho fatto del mio meglio per apparire calmo e ignaro, mentre cercavo di pianificare la mia fuga. Ha iniziato a chiedermi il mio nome (ne ho dato uno falso), l'età, dove vivevo, ecc., e mi ha chiesto da che parte stavo andando. Ho mentito e gli ho detto che sarei andato proprio al bivio più avanti e avrei corso ancora per qualche miglio in quel modo. La svolta era in realtà il punto di svolta e poi tornavo da dove ero venuto. Mi ha augurato una buona giornata e ha guidato avanti e ha svoltato a destra, dove gli ho detto che stavo andando. Non appena è scomparso dietro l'angolo, mi sono girato e ho corso più veloce di quanto avessi mai fatto in vita mia. Probabilmente erano circa due miglia buone per tornare a scuola. I kept looking behind me in case he came back that way in which case I would run into the woods and hide until he passed. Thankfully, he never did come back that way. I always wonder if he was waiting somewhere along that false route to approach me again.

I made it back and told my team mates about it and they didn't believe me! They didn't exactly call me a liar, but I could tell they thought I was making it up, maybe because we had been talking earlier about hearing it in the local news. I caught a couple of them exchanging looks, and others barely responded at all. The more I tried to convince them, the more I sounded like I was clinging to a lie. I just dropped it and resigned to be thought a liar. Still pisses me off that nobody believed me. My coach didn't even seem to believe me, he just kind of shrugged it off. I should have told the police about it, but I was so ruffled about not being believed that I just let the whole thing go.

#22

I saw something crouched in the road driving around one night. It's eyes glowed when my headlights hit it so I assumed an animal of some sort, but when I got within about 15 feet of it, it stood up and looked like a girl standing there. I slammed on my brakes immediately, but suddenly the road was just empty. My friend in the car hadn't seen anything, but asked me a few minutes later if it looked like a girl. He'd apparently seen something similar with his sister a few weeks before in the exact same spot.

# 23

So I don't know if this fits. But one night, as a kid, I had a dream that my friends and I would go find crayfmfish (no big deal). In that dream we found crayfish carried them in buckets. We did this often. But in the dream my cousin slipped on the rocks and hurt his arm. And I woke up. The next week we all went out and my cousin slipped on the rocks and broke his arm. It freaked me out for months.

#24

It was the night before my stepmom died (lost her battle to cancer). I was 22, was spending the night in bed with my 9 year old half-brother, cuddling him and telling him his mom was gonna be okay, it wasn't gonna hurt any more. It's about 3am at the time, and after a while he immediately sits upright in bed, smiles, says “I promise to be a good boy, mommy. I love you.”

Now my stepmom has been bedridden for the last month, so she's not moving anywhere. But I swear on my life, and my little brother agrees with me, for a split second I saw her standing in the doorway wearing her big giant fur coat, just smiling at us and just looking relieved.

Brother went to sleep about 2 minutes later. I left to go into my dad and stepmom's room to check on her to see my dad awake and telling me she'd died about half an hour ago.

I genuinely believe she “stopped by” on her way to the other side to check in on her two kids and make sure we'd be okay without her before she left.

#25

Nearly empty church, almost alone, at 8pm in the middle of winter so it was pitch black outside. i was looking for the bathroom and i heard the sound of glass shattering and loud laughter. when i returned back to my group, nobody else believed me.

#26

Went down to the basement to do laundry, the room got real cold real suddenly and I saw someone walk by the doorway to the laundry room (we live alone). I never found the guy.

#27

Not sure if this is the scariest but grew up for awhile in this sh*tty apartment complex in a bad part of California, early 2000s. One night, my little kid self woke up in the middle of the night, went out to get something to eat I think… and took one look to the living room.

Huge strange man is kneeling next to the TV. Big mustache. Has a gun. We just stare at each other. I slowly walk back into my room and go to sleep. Next morning, I tell my mom what happened, and she calls the police. The part no one believes is the dude took our f*cking Wii but not the little sensor thing that it needed to actually work.

Image credits: ichithekiller2001

#28

I was about 4 years old, visiting my great grandmother in NJ. She made a bed for me that sleep on in the living room. I fell asleep easily, but at some point I woke up and saw my great grandfather. He sat on the edge of my bed, smiled, patted my leg and got up. He put his jacket on and walked out the front door. He had been dead for longer than I had been alive and I had never met him. Adults the next morning all laughed at the silly kid with a big imagination. At grandmas request I described exactly what he was wearing: flannel shirt, suspenders, khaki pants… Generic description of any grandpa for the last 100 years. Everyone was still giggling at my cute story. But when I got up to show her how he snatched his jacket from the hook by the door and slung it on in one motion, I turned around smiling only to see her completely pale faced with tears running down her cheeks. Everyone got really quiet, and we never talked about it again. She knew I had seen him… No one else's opinion matters.

#29

One time a door to my house's office slammed open when I woke up at 6am. Naturally it slowly opens on its own due to the weight distribution (it takes about 8 seconds to fully open), but it slammed open like it was forced. It was 6am in the middle of winter so no windows were open to create a draft, and everyone was asleep. I was too tired for some ghostly bulls**t so I peed and went back to sleep.

Image credits: SharpieScentedSoap

#30

That I was [sexually assaulted] 3 times in a 2 week period. Sounds made up but I wish that was true

#31

I got stuck in a dream for what seemed like days. It was like an eternal now that I'd been in forever, but somehow I was completely aware I was dreaming. There were people I've never seen but i knew them well and they knew me. I tried to exclaim I was dreaming and it's not real, trying hard to wake up. It was all taking place in a house I'd never been in. So much I could write but I'll keep it short. It was horrifying and I felt a primal fear based on thinking I'd never see anyone I knew/loved when I was awake. It was like sleep paralysis, but no ghouls, dark figures, or gaunt faces, just raw fear. It's like my consciousness was picking up a different channel and I wanted to get back to mine desperately.

#32

I was dozing on the couch at my parents place last year. Not comfortably because I was cold. Then a felt a wave of heat pass over me, which was pleasant enough until I felt these firm, pointed fingertips on my head, like something was standing behind me with its hands on my scalp. I was frightened but then grabbed them and threw them off me. A few minutes later my mum came in and said she heard a door open and had got the feeling she should check on me. Probably a dream but it was super super creepy.

#33

Was walking through the rockies and managed to tear the muscle on the side of my foot so was hobbling back (I was on my own like a moron) in the space of hobbling back to Jasper I saw a white bear (think they are called spirit bears?) just sitting watching me… Literally thought f**k sake I'm guna die here mauled by a bear and no one knows where I am. But it just sat there and pawed the dirt in the direction of the town… I limped on keeping an eye on it and it just watched me… Then I swear to God no more than 5 minutes later af**king wolf appears limping exactly on the same foot I'm limping on, eyes me up and continues on its journey. I think I was even too pathetic to bother with is the moral of that story. I was petrified though either way.

#34

This one time the power went out, I was still trying to calm down to stop being afraid of the dark and I could've sworn I saw bright red eyes in the dark, so I got my parents to check it out, but nothing was there. I was so salty after that day good christ

#35

I was peeing in the woods while camping and a huge dragonfly landed on my thigh. Body as long as my thigh, black and red, definitely a dragonfly and not a tarantula hawk or something. When I try to tell people, they say I must be exaggerating or misremembering.

#36

I was using resistance bands to exercise in our school gym. We had double doors with the post in the middle so the doors could close, so I wrapped the band around the post. I started pulling and a loose screw popped out, so the post came flying out at me. Only 1 or 2 inches from my neck, pretty close to one of the blood vessels too. Luckily, it hit me closer to my shoulder instead, but I still landed on my back from the force. If not for the gym teacher, nurse, and 4 or 5 students, no one would believe it

Image credits: MI808IM

#37

When I was a child, I used to sleep on the bottom bunk of a bunk bed. I fell asleep just like any other night but I was suddenly awoken to someone or something shaking me by the shoulders. I was so frightened that I kept my eyes shut. It seemed as if this went on for a few minutes. After the shaking stopped I pretended to sleep as if nothing happened. I didn't open my eyes for a few hours after the event. I swear this really happened to me. It couldn't have been my brother on the top bunk because I would have heard him go up and down. Everyone was asleep so there was certainly something there that wanted to urgently get my attention.

#38

We were driving home late in heavy snow and saw a beautiful white pony or horse. My partner was worried about it being out on the road so we pulled over and I stepped out of the car to try shoo it back to its farm. It only took us a moment to pull over, and yet, by then the white horse had completely disappeared.

#39

It was the first anniversary of my aunt's death. She lived in the same house as me, but different apartment. I go to take a bath. The bathtub is positioned in a way that, when you are inside, you are facing the window. Suddenly, I hear a knock. I look at the window, and I see a hand formed into a fist quickly pulling down (like, someone knocked and quickly disappeared).

The thing is, my apartment was on the second floor. And there is no way that someone could reach the window from outside at all. Now looking back at it, I just tell myself it was just my imagination. But then… I know what I saw. And no one believed me, of course.

Image credits: Ratiness

#40

I was sitting on the floor of my office opposite my wardrobe with mirror sliding doors. The light was off but the door was open and the light from the hallway was spilling in a little. I was looking at myself in the mirror, barely visible in the obscured darkness. I took my glasses off, and my reflection began to move, like it was speaking and yelling silently. It was so silent that the ringing in my ears became almost deafening.

#41

One time I came out of work and my car was facing the opposite direction from when I parked. Same spot, opposite direction. And I parallel parked.

#42

I was out with my friends and came home pretty late. I didnt want my parents asking questions so I snuck in through the garage. The door was locked but I had a key. I turned the key to unlock it but then I heard an abrupt snap and the door locked again. I repeated this three times. Each time I unlocked the door, the door re-locked. Exasperated, I cried out, "Mom, it's me!"

Then I heard the door unlock. I opened the door and no one was there.

Image credits: TeamHobo33

#43

One time I had a nightmare where I was somehow brutally murdered – this was really long time ago and it was a dream anyhow so I don't remember details – but it ended up in the bathroom where I bled out over the sink. In the morning I went to the same bathroom to casually take a piss. The sink was covered in dried up blood.

#44

I almost drowned/choked to death.

I was at the pools with my family and inhaled a lot of water on accident. I couldn't breathe and I couldn't cough it out. Panicked and went to my sister to signal I was choking, and she thought I was being an idiot. I remember her looking at me and saying "ew, stop being a dickhead" or something along those lines.

Went to my little brother and he realised I wanted him to whack me hard in the back, coughed up all the water. Sister still doesn't believe me that she basically called me dying "cringey".

#45

when i got stuck under 3-4 inch thick ice and broke a shard off of my glasses to score a circle that i could bust through

#46

I had sleep paralysis pretty early and no one in my family belived me (i thought it was a real shadow demon in my room).

Terrifying.

#47

Ostriches are not friendly. I used to run on this back road with my dogs and at the end of the road before I turned around to run back there was a pond. As I'd get closer I would see an Ostrich come into view with a little baby and they would watch us run by. One day I'm running and I feel something behind me. So I turn back and see this TRex looking Ostrich running after us, starting to close in on us. I had been running a lot at the time so I started hauling ass. My dogs thought this was a game but I had seen what Ostriches can do to people and I didn't want any part of it. It's about 50 yards behind me, gaining quickly and is massive and looks very angry. Just then a green truck comes sideways around a curve and pushes the Ostrich off of our tail. It was the local game warden and he pulled up laughing his ass off. I was very thankful as I thought it was my final run. Turns out they had been working on trapping them and getting them to an animal rescue but they had only caught the baby so far. He decided to come check on the trap at the right time and saw the protective Momma coming after the runner that she probably thought stole her baby. Game Wardens wear a lot of hats. This was in San Angelo, TX.

#48

My wife and I were driving up through northern Arizona on Highway 89 between Flagstaff and Page. It was about 1 am, as we were on 3rd shift at the time and often drove at night to avoid traffic. I saw a few sets of eyes glowing in my headlights a little ways up the road, so I let off the gas, slowing down to avoid hitting an animal in the road. When we drove by we saw several dogs (coyotes?) on the side of the road and I hit the gas and drove by. After we passed my wife said one of them was running next to the car and I looked over and saw it as well, probably 20 feet off the shoulder of the road. I floored it and looked over and it stood up on it's hind legs (that's the only way I can describe it) and kept pace with us for a couple seconds before turning away from the road and disappearing. This whole event probably lasted no more than 10 seconds, but it was seriously the most terrifying 10 seconds of my life. This was probably 20 years ago, and we still rarely talk about it.

#49

Was stargazing with my family and noticed a satellite moving slowly across the sky. My uncle says “oh there's another” and points at another light moving slowly across the sky. Then my aunt goes ” wow look how many”, and points to cluster of about 15-20 white dots (looked like a bunch of satellites) slowly moving in a cluster together across the sky. “Wow that's weird” we all collectively agreed as we watch this cluster of unknown lights move across the sky. Then they came to a DEAD STOP instantly. The lights then began to slowly move around each other until they eventually were in a single line across the sky and they slowly faded away into the darkness. We all still have no idea what the hell they were, and the only thing that makes me know I wasn't just seeing things is that all 6 of us all saw this happening.

#50

I live in a 150 year old house and no one believes there isn't some guy living in my basement who stares at me while I sleep

#51

Drove for about two hours through rural Arizona with my fiancée late one night.

I drove past a car stopped on the side of the road, it had its hazard lights on and hood was up. There was a dim light hanging from the hood, as if someone had been checking the engine.

About a quarter mile down the road, my headlights illuminated a man standing on the side of the road. He was quite tall, over six feet, and very thin. He was ghostly pale, and bald. To me, the most unsettling thing was that he was just standing on the shoulder, in the pitch black, staring into the desert away from the road. There was no light except for the few cars passing by, he was just staring into the blackness of the desert.

Not supernatural or anything I'm sure but it sent shivers throughout my body. My fiancée was asleep almost the entire two hour drive so she didn't see any of this, and she doesn't really believe it happened.

#52

I was home alone one day when I was around 10 and was in my room I shared with my brother. We had bunk beds and I was laying on the top bunk when the bed started shaking pretty hard for a good 5-10 seconds. I was terrified, but gathered the courage to look down under my bunk at the bottom bunk and there was nothing there. I jumped down and noped the hell out of my house and waited on the porch until my parents got home. When I told them what happened, they didnt really think anything of it and thought I was just making it up. I dont care what anyone says, that s**t happened. I remember it clear as day still 20 years later.

#53

I was 4 years old, my dad says I slipped going down a flight of stairs. He says I was somersaulting to the point i landed perfectly on my feet at the bottom, and just kept waddling on. Unfortunately, however, hitting the stairs on the way down fractured the left one in 8 places

#54

The time me and my friend were trapped in the basement because the upstairs was invaded by ghosts. Like, it happened! We were both there! We both heard that s**t.

#55

When I got a cut on my wrist. (To the layer of fat, but as a kid I thought it was the bone. It's still scary.) I was trying to break into an abandoned house as a child, about 7, with a pal who well call Billy. So me and billy were just sitting in his house, bored out of our minds. He had an idea to sneak into that abandoned building. Of course, since he was a year older I agreed. When we went there, the door was locked, but the top of the door was broken. Up to our arms. I was trying to put my arm in, and on the way in my wrist got cut. An oddly square looking shape. I saw white, so at the time I thought it was bone. Then again, there was a lot. It was mildly wide. So uh, I used to say "oOoOoOoOOOO! I got a cut to the BŒÑË!" So that's what they didn't believe, so uhhhhh.

#56

3:30am.

My buddy and i spent the night repo'ing cars. We pull up to the light in Manchester NJ of 527 and 70. Going straight. In the left turn lane, getting on to 70 East, a blue, 97-98 Honda CRV.

The person driving had no face.

Just blank. Like the green man from Always Sunny or NoFace from Dick Tracy. My buddy and I both saw it. Nobody believed it.

#57

When i had gone to our hometown, i was playing with the local kids and i was 'IT' (we were playing hide and seek) and as i counted to 50 i suddenly fell on the ground for some second and i felt like i had 0 strenght could not lift even my hands and leg.

And when i told my Mom she told me that it must be because i was hungry but i had ate watermelon with the local kids just before playing hide and seek. That was the scariest thing i have felt so far, i was not able move even an inch of my body.

(Fonte: Bored Panda)