50 volte le persone anziane hanno utilizzato i social media e fornito a Internet queste gemme

Internet è un luogo confuso. Anche se noi "ragazzi esperti di tecnologia" non possiamo immaginare le nostre vite senza di essa, è quasi impossibile stare al passo con i continui cambiamenti online. E quando si tratta di persone della generazione più anziana, non c'è da stupirsi che si sentano un po' fuori dal loro elemento quando pubblicano online. Tranne, ovviamente, nei casi in cui tua nonna e tuo nonno devono semplicemente trovare l'immagine perfetta piena di rose per augurarti un felice compleanno.

Ma ehi, gli anziani fanno del loro meglio e li adoriamo per questo! Soprattutto quando i loro sforzi si traducono in situazioni adorabili quando vengono inciampati nel gergo del testo, confondono una ricerca su Google con un post di Facebook e digitano commenti esilaranti che ci lasciano grattarsi la testa… e completamente a punti.

In effetti, c'è qualcosa di così salutare negli anziani che navigano nel complesso universo del mondo digitale che un intero account Twitter chiamato "Old People Online" è dedicato alle loro perle di saggezza. Oppure, come descrivono i creatori della pagina, si tratta solo di "anziani che fanno cose da vecchi su Internet". Di seguito, abbiamo raccolto alcuni esempi divertenti e affascinanti dalla pagina per il tuo divertimento. Quindi continua a scorrere per controllarli e non perdere la chiacchierata che abbiamo avuto sugli anziani e sulla tecnologia moderna con Deborah S. Bowen, Ph.D.

# 1

Crediti immagine: oldpplonline

#2

Crediti immagine: oldpplonline

#3

Crediti immagine: oldpplonline

Lo scenario degli anziani che armeggiano con la tecnologia che li lascia completamente disorientati è uno stereotipo logoro, ma quando cercano di partecipare al mondo dei social media, è un'adorabile fonte di intrattenimento. Naturalmente, ci sono molte ragioni per cui potrebbero avere difficoltà con questo. Alcuni anziani hanno meno probabilità di assorbire nuove conoscenze poiché non hanno mai incontrato la tecnologia digitale durante la crescita, e altri hanno difficoltà con i touch screen a causa della pelle secca delle mani o di altre condizioni di salute.

Inoltre, gli anziani si trovano in una situazione di svantaggio digitale sin dall'inizio: il 18% degli adulti britannici di età superiore ai 65 anni non ha accesso a Internet da casa e il 25% dei cittadini statunitensi più anziani non si considera utenti di Internet.

L'incapacità degli anziani di far fronte alle moderne tecnologie è fondamentalmente una leggenda metropolitana e ci sono molti miti diffusi secondo cui gli anziani sono tecnologicamente analfabeti o non amano i dispositivi più recenti. Quindi, nel tentativo di separare la realtà dalla finzione, abbiamo contattato Deborah S. Bowen, Ph.D. , professore assistente di istruzione in PR presso l'Università della Florida meridionale.

#4

Crediti immagine: oldpplonline

#5

Crediti immagine: oldpplonline

#6

Crediti immagine: oldpplonline

"'Tecnologia' è un termine così ampio e in qualche modo siamo arrivati ​​​​a pensarlo solo come relativo a dispositivi e scoperte contemporanei", ha detto Bowen a Bored Panda in una e-mail. "Ma la 'tecnologia' è contestualmente delineata: la lampadina, ad esempio, era chiaramente un pezzo di nuova tecnologia al momento della sua introduzione".

Il professore ha sottolineato che tutti incontrano la nuova tecnologia mentre si muovono attraverso la vita, ed è tempo di "respingere delicatamente l'idea che i nostri anziani sono in qualche modo intellettualmente zoppicati dall'età".

"Sebbene alcuni aspetti di ciò che chiamiamo 'tecnologia' potrebbero essere opprimenti per un anziano, potrebbero anche essere opprimenti per qualcuno che non è mai stato esposto a dispositivi e scoperte", ha spiegato. "Con il tempo e la pratica, tuttavia, la tecnologia può diventare utile e intuitiva per tutti i suoi utenti".

#7

Crediti immagine: oldpplonline

#8

Crediti immagine: oldpplonline

#9

Crediti immagine: oldpplonline

Sebbene alcuni aspetti del mondo tecnologico lo rendano un terreno difficile da esplorare per gli anziani. Infatti navigare online senza armarsi di conoscenza può diventare addirittura pericoloso.

"Vivendo qui in Florida, dove un buon numero di residenti sono anziani, sento spesso storie di truffe riuscite contro gli anziani", ha osservato Bowen. "Gli studi dimostrano che, con l'avanzare dell'età, si verificano cambiamenti fisici nel cervello che possono effettivamente renderci più suscettibili alle truffe finanziarie".

Il professor Bowen si riferisce alla " vulnerabilità finanziaria associata all'età ", un termine coniato dai medici della Weill-Cornell Medicine di New York. Hanno scoperto che con l'invecchiamento del cervello, i cambiamenti possono influenzare la sua capacità di rilevare le frodi e valutare i rischi. "Stiamo imparando che ci sono cambiamenti nel cervello che invecchia, anche in assenza di malattie come l'Alzheimer o altre malattie neurodegenerative, che possono rendere gli anziani vulnerabili allo sfruttamento finanziario", ha detto il medico Mark Lachs a Marketplace.

# 10

Crediti immagine: oldpplonline

# 11

Crediti immagine: oldpplonline

# 12

Crediti immagine: oldpplonline

Anche se le persone di tutte le età sono un bersaglio agli occhi dei truffatori, è chiaro che si sono concentrati sulla suscettibilità delle persone anziane e utilizzano una varietà di piattaforme online per eseguire le loro truffe, ha affermato Bowen. "È importante assicurarsi che tutti gli anziani nelle vostre vite siano consapevoli del potenziale del crimine su Internet e che stiano esaminando qualsiasi corrispondenza che sollevi segnali d'allarme".

# 13

Crediti immagine: oldpplonline

# 14

Crediti immagine: oldpplonline

# 15

Crediti immagine: oldpplonline

Secondo i dati, gli anziani sono anche estremamente vulnerabili alle truffe di phishing, "e c'è un corpo di prove che suggerisce che gli anziani sono la più grande popolazione di giocatori d'azzardo online a causa del tempo, del reddito disponibile e del brivido del gioco".

"Sembra che gli anziani, in virtù della loro età, possano essere sia passivamente che 'attivamente' coinvolti in comportamenti online che li mettono a rischio, ma questo può essere argomentato per qualsiasi gruppo demografico che utilizza Internet", ci ha detto Bowen.

#16

Crediti immagine: oldpplonline

#17

Crediti immagine: oldpplonline

#18

Crediti immagine: oldpplonline

Alla fine della giornata, tutti dovrebbero essere responsabili di insegnare ai loro amati anziani i pericoli del mondo digitale. E, naturalmente, dovremmo tutti sforzarci di accettare maggiormente gli anziani che saltano online e cercano di decifrare il territorio inesplorato dei social media. Dopotutto, questo potrebbe essere chiunque di noi tra 30 anni.

Bowen è d'accordo con questa linea di pensiero. "I social media sono in assoluto lo 'spazio' meno prevedibile online. Da piattaforma a piattaforma, le regole, le caratteristiche e persino le proprietà possono cambiare, letteralmente, dall'oggi al domani".

"Spetta a ogni utente di ogni piattaforma essere connesso a ciascuna serie di termini di servizio in modo che ogni utente sappia quali diritti e responsabilità ha (o sta perdendo!)", ha aggiunto il professore. "Se un utente di qualsiasi età ha difficoltà a capire qualcosa su una piattaforma specifica, dovrebbe essere incoraggiato a trovare risorse online o di persona che possono essere di aiuto".

# 19

Crediti immagine: oldpplonline

# 20

Crediti immagine: oldpplonline

#21

Crediti immagine: oldpplonline

Ma alcuni anziani potrebbero anche essere riluttanti a imparare a usare la tecnologia a causa della ridotta mobilità e reattività. In effetti, uno studio condotto dal Pew Research Center ha mostrato che il 23% degli anziani negli Stati Uniti ha una "condizione fisica o di salute che rende la lettura difficile o impegnativa". Inoltre, il 29% ha riferito di soffrire di una "disabilità, handicap o malattia cronica che impedisce loro di partecipare pienamente a molte attività quotidiane comuni".

Lo stesso studio ha rivelato che la maggior parte dei partecipanti ha espresso preoccupazione per l'apprendimento dell'utilizzo degli strumenti digitali. Solo il 18% ha affermato di sentirsi a proprio agio nell'apprendere questo da solo, mentre il 77% ha notato che si sarebbe affidato a qualcun altro per assisterlo.

#22

Crediti immagine: oldpplonline

# 23

Crediti immagine: oldpplonline

#24

Crediti immagine: oldpplonline

"La pazienza è ricompensata e quella ricompensa può venire sotto forma di storie incredibili. Mentre insegni ai tuoi cari più anziani su Internet, lascia che ti insegnino il modo in cui hanno fatto la spesa, o lavato i vestiti, o ciò che hanno imparato in Vale la pena consumare la batteria e potrebbe essere proprio il tipo di ricarica di cui hai bisogno", ha concluso Bowen.

#25

Crediti immagine: oldpplonline

#26

Crediti immagine: oldpplonline

#27

Crediti immagine: oldpplonline

#28

Crediti immagine: oldpplonline

#29

Crediti immagine: oldpplonline

#30

Crediti immagine: oldpplonline

#31

Crediti immagine: oldpplonline

#32

Crediti immagine: oldpplonline

#33

Crediti immagine: oldpplonline

#34

Crediti immagine: oldpplonline

#35

Crediti immagine: oldpplonline

#36

Crediti immagine: oldpplonline

#37

Crediti immagine: oldpplonline

#38

Crediti immagine: oldpplonline

#39

Crediti immagine: oldpplonline

#40

Crediti immagine: oldpplonline

#41

Crediti immagine: oldpplonline

#42

Crediti immagine: oldpplonline

#43

Crediti immagine: oldpplonline

#44

Crediti immagine: oldpplonline

#45

Crediti immagine: oldpplonline

#46

Crediti immagine: oldpplonline

#47

Crediti immagine: oldpplonline

#48

Crediti immagine: oldpplonline

#49

Crediti immagine: oldpplonline

#50

Crediti immagine: oldpplonline

(Fonte: Bored Panda)