50 foto storiche e le storie dietro di loro, colorate dalle colorazioni dei casuari

Joel Bellviure, il principale coloratore di Cassowary Colorizations, ha avviato questo progetto dal desiderio di imparare attraverso la riscoperta storica.

Cassowary Colorizations ha colorato le foto sia per le pubblicazioni dei media che per le persone normali (accettando le loro commissioni) ma non importa da dove provenga un'immagine, viene trattata con attenzione e cura.

Se dai un'occhiata ai social media di Cassowary Colorizations, capirai rapidamente quanto sia meticoloso il loro lavoro. Ogni immagine viene fornita con una descrizione dettagliata, che fornisce non solo informazioni visive ma anche importanti fatti storici dietro di esse.

Maggiori informazioni: cassowarycolor.com | Instagram | Facebook

# 1

Jacob C. Miller (4 agosto 1840 – 13 gennaio 1917) era un privato della compagnia K, 9 ° reggimento di fanteria dell'Indiana, e fu ferito alla testa vicino al campo di Brock nella battaglia di Chickamauga la mattina del 19 settembre 1863 La palla ha colpito la testa di Miller durante la Guerra Civile, ma fortunatamente il daino non è penetrato nel suo cranio. Questo estratto è tratto da un quotidiano contemporaneo: «Si chiama Jacob Miller e dal 19 settembre 1863 vive con una ferita da arma da fuoco aperta sulla fronte. Per diversi anni il proiettile è rimasto nella sua testa, ma pezzo dopo pezzo è caduto fino ad ora. Si pensa che nulla rimanga nella ferita. Durante il tempo che era nella testa a volte produceva uno stupore, che a volte durava due settimane, di solito quando prendeva freddo e produceva più di una pressione sul cervello. Altre volte il delirio lo prendeva e si immaginava di nuovo in servizio di picchetto e camminava avanti e indietro a ritmo, un bastone sulla spalla per un moschetto, un pietoso oggetto del sacrificio per la libertà. Man mano che questi pezzi di piombo si sono gradualmente allentati e caduti, ha riacquistato la sua solita salute e ora ha 78 anni, uno dei più, se non il più, straordinario sopravvissuto alla guerra civile. »

Crediti immagine: colorazioni di casuario

Bellviure iniziò a colorare circa 6 anni fa, poco prima di iniziare una laurea in Archeologia. "Stranamente, entrambi sono imparentati", ha detto a Bored Panda . "Vedo le fotografie come uno scavo archeologico: sono contesti chiusi che contengono molto materiale culturale. A volte può essere datato in modo molto preciso, ma proprio come un record archeologico, a volte possiamo datare un'immagine solo tra uno o due decenni".

L'artista è sempre stato affascinato dal modo in cui vecchi alambicchi contenenti così tanti artefatti, paesaggi e curiose interazioni sembrano così accattivanti ma allo stesso tempo così distanti.

# 2

Alcune delle migliaia di fedi nuziali che i nazisti tolsero alle loro vittime per recuperare l'oro. Le truppe statunitensi hanno trovato anelli, orologi, pietre preziose, occhiali da vista e otturazioni d'oro, vicino al campo di concentramento di Buchenwald, Germania, 5 maggio 1945. Sto preparando una serie sull'Olocausto, dove cercherò di rappresentare non solo l'ebreo sterminio, ma anche la repressione alle minoranze e anche il lavoro degli Einsatzgruppen.

Crediti immagine: cassowarycolorizations

"Sono rimasto sbalordito da alcune fotografie a colori reali della seconda guerra mondiale. Allo stesso tempo, stavo leggendo della campagna in Nuova Guinea. Quando ho deciso di provare la colorazione, ho trovato il primo candidato: l'immagine di un casuario di nome Oscar posa con un tenente australiano in Nuova Guinea. Ho provato a utilizzare alcuni servizi online che hanno fatto un lavoro davvero scadente, ma al momento mi sono sentito ipnotizzante ".

Dopo tutto questo tempo, l'unica cosa nel processo di colorazione di Bellviure che non è cambiata è quella che lui chiama ricerca archeologica. "In modo simile a come le anfore e i cocci vengono ricercati in manuali e pezzi di ceramica insignificanti, se ricercati correttamente, possono datare un intero contesto, la ricerca di una fotografia può richiedere molto tempo ma anche preziosa. A volte un'uniforme, un marchio o uno stile può aiutare a datare un alambicco senza data. " Bellviure ha anche sottolineato che per riuscire a colorare una foto, è essenziale individuare i colori esatti che erano nell'inquadratura.

# 3

Uno specialista della montagna alpino italiano fa zipline da una vetta all'altra, c. 1917. Sebbene le zipline possano essere viste come un indicatore di divertimento o operazioni militari, sono state utilizzate come metodo di trasporto facile ed economico per secoli, specialmente nelle regioni montuose, come lo Yunnan in Cina, dove sono state utilizzate anche zipline al posto dei ponti. In Australia, ad esempio, venivano utilizzati per la consegna di cibo, sigarette o strumenti senza la necessità di attraversare valli e fiumi, cosa adatta in tempi di guerra.

Crediti immagine: colorazioni di casuario

# 4

Soldato statunitense dell'11a divisione aviotrasportata condivide un po 'di cioccolato con una ragazza del posto, 1946, Giappone. Uno dei motivi principali per utilizzare il cioccolato negli eserciti è l'elevato contenuto energetico che ha e la facilità di trasporto. Ha un peso leggero e una lunga durata e di solito veniva trasportato in semplici tasche da qualsiasi tipo di soldato. Durante la seconda guerra mondiale, il cioccolato più noto era lo Scho-Ka-Kola, destinato ai piloti tedeschi della Luftwaffe per ottenere velocemente e mantenere la mente attiva durante il combattimento. D'altra parte, l'esercito americano ha iniziato a servire la cioccolata Hershey alle proprie truppe. Il risultato è stato il cosiddetto "Logan Bars". Questa stessa azienda ha creato negli anni '90 il "Desert Bar" progettato per le operazioni in Medio Oriente "Shield and Desert Storm", anche se l'opinione dei soldati sui suoi sapori non ha contribuito alla sua successiva commercializzazione. Questa volta è stato l'ultimo che l'esercito americano ha usato il cioccolato come alimento energetico, poiché ai nostri giorni viene sostituito da cibo sintetico che, sebbene possa essere di aiuto, sicuramente non darà alle truppe tanta felicità che un buon vecchio pezzo di gustoso cioccolato. A proposito, puoi ancora comprare Scho-Ka-Kola e Hershey's, il che è fantastico. 1946, John Florea

Crediti immagine: cassowarycolorizations

Una volta che ha finito con la ricerca e ha annotato tutti i dettagli, l'artista inizia il processo di restauro vero e proprio. "Eseguo sia il restauro che la colorazione tramite Adobe Photoshop. Per prima cosa, aggiusto l'illuminazione, il contrasto e il rumore in un'immagine. Quindi la 'pulisco' eliminando manualmente tutti i 'punti' e la corrosione."

Bellviure ha detto che il processo di colorazione è piuttosto semplice, ma passa costantemente da un metodo all'altro per vedere cosa funziona meglio.

"Mi piace colorare perché è come scavare un sito. Dividi il processo per strati e ogni strato deve essere ricercato e abbinato con i colori più accurati. Nel corso degli anni, l'occhio si abitua a vedere immagini in bianco e nero già in colore ed è davvero piacevole. "

# 5

75 anni di Casablanca. Oggi mi sono svegliato a casa di un amico, senza aver dormito troppo. Sempre con gli occhi socchiusi, ho aperto il telefono ed è saltata fuori la notizia: oggi ricorre il 75 ° anniversario di Casablanca. Non so cosa avrebbero pensato gli altri passeggeri di me, colorandomi freneticamente nel treno di ritorno a casa, mentre, ovviamente, cercavo di non cadere morto per mancanza di sonno. Eccolo, il mio ultimo omaggio a uno dei migliori film mai realizzati.

Crediti immagine: cassowarycolorizations

# 6

Una foto che ho fatto due anni fa. Uomini (e un cane) dei Seaforth Highlanders riposano in una trincea, vicino a La Gorgue, Francia, agosto 1915. Notare come le baionette sono fissate, forse indicando la messa in scena del quadro, come nel 95% delle occasioni. Scorri per vedere "8 Panorama sezione: Tratto da: – La Gorgue. Direzione: – Auber, Neuve Chapelle.".

Crediti immagine: cassowarycolorizations

# 7

Oggi segna il 75 ° anniversario del bombardamento di Dresda. Qui è raffigurata la distruzione della città vista dal Rathaus, o municipio, mesi dopo i bombardamenti. Il bombardamento di Dresda ebbe luogo tra il 13 e il 15 febbraio 1945, quando 1249 bombardieri pesanti britannici / americani attaccarono direttamente la città di Dresda, capitale dello stato tedesco della Sassonia, facendo cadere più di 3.900 tonnellate di bombe ad alto esplosivo e ordigni incendiari su la propria città, distruggendo 6,5 km² del centro culturale della città. Sono state uccise fino a 25.000 persone, la maggior parte civili, e centinaia sono rimaste senza tetto. La versione ufficiale indicava un “target strategico” riferito a 110 presenti nell'area. La metà degli attacchi è avvenuta direttamente al centro della città, facendo cadere un tonnellaggio totale di 2659,3, il più grande dell'intero bombardamento, e senza alcuna spiegazione razionale. Solo un raid ha preso di mira aree industriali e tre una ferrovia. Inoltre, una parte considerevole dell'attuale terreno militare e industriale non è mai stata bombardata, ma una gran parte del punto di riferimento culturale di Dresda con poca o nessuna importanza strategica è stata ridotta in cenere.

Crediti immagine: cassowarycolorizations

Tuttavia, Bellviure ha detto che spesso non importa quanto da vicino hai guardato un'immagine, un piccolo dettaglio può sempre emergere e sorprenderti. Può essere un piccolo qualcosa dietro un tavolo o all'interno di una tasca, come un gioiello, e può rivelare molto sull'immagine, ad esempio, il suo riflesso potrebbe dire in quale parte della giornata è stata scattata la foto. Quindi devi sempre rimanere vigile.

A volte, Bellviure "ripristina" anche i ricordi perduti che altrimenti sarebbero potuti morire con il tempo. "Una volta ho provato a colorare un'immagine d'archivio di un prigioniero senza nome della guerra civile spagnola. Si è rivelata un'immagine sconosciuta del brigadiere irlandese Frank Ryan. Qualcosa di simile è accaduto con l'ultima foto di Gerda Taro, che è stata identificata collettivamente dopo Sir John Kiszely l'aveva pubblicato su Twitter ".

# 8

Un'immagine a colori originale della seconda guerra mondiale. Mentre la maggior parte delle foto scattate sia dalla stampa che dagli uffici di propaganda e, naturalmente, dai soldati, erano in bianco e nero, diversi giornalisti o servitori stavano regalando nuove telecamere a colori. Innovazioni come Kodachrome (1935) e Kodacolor (1942/1958) hanno portato alla fotografia risultati mai visti prima e oggi sono una guida fedele ai coloratori.

Crediti immagine: cassowarycolorizations

# 9

Soldato statunitense che indossava un Brewster Body Shield, 1917. Il Brewster Body Shield, noto anche e più precisamente come Brewster Body Armour, fu la prima armatura americana realmente utile sviluppata da e per l'esercito degli Stati Uniti nella prima guerra mondiale. consisteva in un pettorale con un copricapo attaccato, entrambi in grado di fermare i proiettili della mitragliatrice ad una velocità media di 820 m / s. I problemi principali erano la sua pesantezza, che era di quasi 28 kg. e il suo disagio per i soldati. Successivamente è stata creata un'armatura adattata di 5 kg, che si adattava al corpo ed era considerata più comoda.

Crediti immagine: cassowarycolorizations

# 10

Wojtek l'orso con un compagno soldato polacco, Iran, 1942. Wojtek (1942-1963) era un orso bruno acquistato in una stazione ferroviaria da soldati polacchi del II Corpo che erano stati evacuati dall'Unione Sovietica. Alla fine fu arruolato ufficialmente come soldato con il grado di privato, e successivamente fu promosso a caporale, combattendo in diverse battaglie su vari fronti. Dopo la guerra, espulso dall'esercito polacco, fu alloggiato e visse il resto della sua vita, allo zoo di Edimburgo, dove morì nel 1963, all'età di 21 anni.

Crediti immagine: cassowarycolorizations

"Alcune persone sono contrarie alla colorazione", ha detto l'artista. "Loro [dicono che attraversando questo processo, l'immagine perde il suo significato]. [Ma sento che] lasciare un'immagine in bianco e nero dovrebbe essere obbligatorio solo nella ricerca accademica; non dovrebbe nemmeno essere ripristinata, perché ogni dettaglio dovrebbe essere lasciato nel suo stato originale. "

# 11

Ho aspettato più di una settimana per renderlo pubblico. Un mese fa, abbiamo pubblicato un libro monografico sulla colorazione in Germania e Francia durante la prima guerra mondiale. I libri illustrano la guerra nel fronte occidentale con particolare attenzione nelle didascalie di oltre 80 immagini a colori da me colorate. Si chiama "Eserciti tedeschi e francesi nella Grande Guerra" ed è stato pubblicato da Soldiershop.

Crediti immagine: cassowarycolorizations

# 12

Afrika Korps, abbreviato DAK, soldato seduto su due M24 Stielhandgranate nel teatro nordafricano, 1942. Sebbene questa immagine sembri piuttosto pericolosa, la possibilità che le granate denotate fosse molto difficile e anche quelle potevano essere granate neutralizzate. Mi sono appena reso conto che ho appena scritto post DAK, quindi spiegherò un po 'cosa e come ha funzionato. Il Deutsches Afrikakorps era – e questo è qualcosa che la gente ignora in molte occasioni – un corpo di spedizione, non un qualsiasi tipo di formazione come divisione o battaglione, composto principalmente da divisioni motorizzate, creato nel 1941 e consegnato direttamente da Adolf Hitler a Erwin Rommel , avendo entrambi rapporti molto stretti. La prima intenzione della forza – un altro fatto ignorato – non era quella di conquistare o espandere il controllo coloniale della Germania, ma di sostenere le forze fasciste italiane che cercavano di riconquistare la Libia, che aveva avuto seri problemi. Dopo eccezionali vittorie militari e dopo i coraggiosi ma disastrosi combattimenti di El Alamein, il DAK fu sciolto il 13 maggio 1943.

Crediti immagine: cassowarycolorizations

# 13

Buon Australia Day! Un soldato in una base alleata avanzata, con il suo canguro domestico, luogo sconosciuto, molto probabilmente NQ. Gli animali domestici erano qualcosa di relativamente nuovo nella seconda guerra mondiale, ma sorprendentemente comuni. Sebbene dall'inizio della guerra gli animali fossero stati usati per diversi propositi, non è stato fino ai tempi moderni quando gli animali sono stati usati come compagnia e non come mezzo per scopi militari. Diversi battaglioni, divisioni o eserciti avevano i propri animali domestici; tuttavia, i plotoni erano soliti trovare animali smarriti a causa della guerra stessa e li portavano in giro. Ecco perché la maggior parte degli animali domestici che possiamo trovare nelle foto della seconda guerra mondiale sono solitamente attaccati a un unico individuo. Spesso i soldati si imbattevano in quegli animali, che potevano essere cani, gatti, orsi, canguri e persino casuari -controlla il mio primissimo posto-, e li addestravano, il che alla fine portò alla creazione di animali capaci che avrebbero aiutato in combattimento, più che semplici animali domestici. 10/09/1942, John Earl McNeil

Crediti immagine: cassowarycolorizations

"Fortunatamente lavoriamo con una versione digitalizzata dell'immagine, quindi l'originale non viene alterato e contiamo sempre su [che rimanga inalterata]. Ora, trovo che le visioni più romantiche sul bianco e nero non siano legate a questo fatto, ma a un'idealizzazione del passato che di solito è correlata all'idea di "lasciare il passato così com'è. Queste idee sono solitamente legate a temi particolarmente grezzi e dibattuti del nostro passato recente. Quando si parla dell'Olocausto, ad esempio, molte persone Preferirei lasciare intatte queste immagini. Credo che non colorare queste immagini significhi tradire il nostro passato ".

# 14

Truppa di montagna tedesca, premiata con il distintivo d'assalto della fanteria durante una celebrazione, c. Estate 1943. Siccome è quasi impossibile fare un post serio su questa foto, vi lascio con una barzelletta che mi raccontava mio nonno. Una volta il Führer veniva guidato nella sua incredibile Mercedes dalla campagna tedesca, in una piccola località della Prussia per tenere una riunione di guerra. A metà strada, alcuni sassi della strada che stava attraversando, che era in pessime condizioni, hanno forato una ruota e la Mercedes è stata calpestata su una staccionata, uccidendo un maiale che stava mangiando nelle vicinanze. Arrabbiato e isterico, il Führer gridò al suo autista di andare alla fattoria più vicina per chiedere aiuto. L'autista, impaurito, corse alla fattoria dove aveva investito il maiale. Cinque ore dopo, è apparso davanti al Führer con una bottiglia in mano. Il dittatore, estremamente arrabbiato per l'attesa, e vedendo che non veniva aiutato, gli chiese cosa stesse facendo. "Vedrai il mio Führer", disse l'autista chiaramente ubriaco, "sono andato alla fattoria e ho detto agli abitanti del villaggio che stavo portando Adolf Hitler nella mia macchina quando, per strada, ho finito per uccidere il maiale. E poi, loro ha iniziato a congratularsi con me e mi ha offerto tutte le bottiglie di champagne che avevano. "

Crediti immagine: cassowarycolorizations

# 15

Due cecchini russe che sparavano da una trincea da qualche parte nel fronte orientale, 1943. Le esche da cecchino erano comuni nella seconda guerra mondiale e presumibilmente nacquero durante la prima guerra mondiale, con persino manichini interi che raffiguravano soldati di fanteria. Qui raffigurato, un'esca da elmetto, che farebbe scattare il soldato nemico a sparare dall'altra trincea e quindi a trovarsi nel raggio d'azione del cecchino alleato.

Crediti immagine: cassowarycolorizations

# 16

Un caporale austriaco con uno sguardo da mille metri. Ho già parlato con te degli sguardi di mille yarde. Sai da dove viene l'espressione? La frase è stata resa popolare dopo che la rivista Life ha pubblicato il dipinto "Marines Call It That 2,000 Yard Stare" dell'artista e corrispondente della seconda guerra mondiale Tom Lea. Il dipinto raffigura un marine durante la battaglia di Peleliu, dal quale Lea ha detto: “Ha lasciato gli Stati Uniti 31 mesi fa. È stato ferito nella sua prima campagna. Ha avuto malattie tropicali. Di notte dorme a metà e sgorbia fuori dai buchi tutto il giorno. Due terzi della sua compagnia sono stati uccisi o feriti. Tornerà ad attaccare questa mattina. Quanto può sopportare un essere umano? " 1918

Crediti immagine: cassowarycolorizations

"Tutti gli eventi della storia sono accaduti a colori; i fotografi dell'inizio del XX secolo avrebbero scattato a colori se ne avessero avuto l'opportunità (lo ha fatto Robert Capa quando gli è stata offerta la possibilità). Colorare non è altro che una sorta di restauro, porta riportare alla realtà qualcosa che è andato perduto o che è impercettibile. Il restauro non può mai essere completamente preciso, ma come i dipinti, i dettagli possono essere ripristinati con un livello di accuratezza sorprendente ".

Bellviure crede che tutte le immagini dovrebbero avere questa possibilità.

# 17

Il sergente Joseph Levin dell'American Army Chemical Warfare Service prova una maschera antigas con il suo cavallo "Buddy", Governor's Island, New York, 1928. Questa foto è stata a lungo accreditata come un francese durante la battaglia di Verdun (qualcosa di incredibilmente sconsiderato a causa di molti indicazioni). Più ironicamente, e ciò che mi ferisce di più, è che Getty Images lo attribuisce come una foto dei primi anni '30 e poi, in un'altra ripresa dello stesso uomo e dello stesso giorno, come una foto del 1917. Dopo aver svolto alcune ricerche, ho scoperto una fotografia simile scattata lo stesso giorno nel numero di Popular Science dell'ottobre 1928. È triste che una società come Getty, che addebita commissioni colossali alle sue fotografie, non si preoccupi nemmeno di fare un cinque- minuti di ricerca. Ti ho trascritto l'articolo originale: “L'ESERCITO DIMOSTRA UNA NUOVA MASCHERA ANTIGAS PER CAVALLI DA GUERRA / Buddy, un cavallo dell'esercito di stanza a Governor's Island, New York, indossa l'ultima maschera progettata per proteggere cavalli da guerra e muli durante gli attacchi di gas. La borsa della maschera si adatta saldamente alle narici dell'animale ed è tenuta in posizione da cinghie allacciate sopra la sua testa. Buddy ha recentemente dimostrato l'efficacia della nuova protezione quando ha trasportato il sergente Joseph Levin del Chemical Warfare Service, attraverso uno schermo mortale di gas velenosi senza subire effetti negativi. Levin è visto indossare l'attrezzatura più recente sviluppata dagli esperti dell'esercito per proteggere i soldati ". L'American Chemical Corps era ed è tuttora uno dei tanti rami in cui è diviso l'esercito degli Stati Uniti. Fu creato il 28 giugno 1918, pochi mesi prima della fine della prima guerra mondiale, chiamato US Chemical Warfare Service (CWS). Dopo la seconda guerra mondiale, il suo nome fu cambiato nell'attuale Corpo Chimico. Per la maggior parte della sua storia, il Corpo Chimico è stato incaricato di consegnare armi chimiche piuttosto che difendersi da esse.

Crediti immagine: cassowarycolorizations

# 18

La mia colorazione preferita che abbia mai fatto e devo ringraziare ww2_forgotten_history per avermela inviata. Raffigura un membro della Resistenza francese durante la Liberazione di Parigi, il 23 agosto 1944. Abbiamo cercato la posizione effettiva su Facebook, attraverso la nostra amata pagina delle foto a colori della seconda guerra mondiale, dove era presente. Molte persone ci hanno aiutato a provare a risolvere quel mistero, ma non siamo riusciti ancora a trovarlo.

Crediti immagine: cassowarycolorizations

# 19

Due soldati si confortano a vicenda sotto la tensione del combattimento a Pleiku, Vietnam del Sud, il 26 maggio 1967. Pleiku era strategicamente importante durante la guerra del Vietnam perché era il capolinea principale del corridoio logistico di rifornimento militare che si estendeva verso ovest lungo l'autostrada 19 dal centro della popolazione costiera e impianti portuali di Qui Nhơn. Inoltre, la sua posizione centrale sull'altopiano, tra Kon Tum a nord, Buôn Ma Thuột a sud e le aree di base dell'esercito del Vietnam del Nord all'interno della Cambogia a ovest hanno reso Pleiku il principale centro di difesa dell'intera regione degli altipiani della Repubblica del Vietnam. Questo era ovvio per entrambe le parti; gli Stati Uniti stabilirono una presenza armata molto presto nel conflitto a Camp Holloway, e l'attacco Việt Cộng a questa base all'inizio del 1965 fu uno degli eventi chiave di escalation che portò le truppe statunitensi nel conflitto. Il 15 giugno 1972, Cathay Pacific Flight 700Z, operando un Convair 880 da Bangkok a Hong Kong, si disintegrò e si schiantò mentre l'aereo volava a 8.800 m. sopra Pleiku, Vietnam dopo che una bomba è esplosa in una valigia posta sotto un sedile in cabina, uccidendo tutte le 81 persone a bordo.

Crediti immagine: cassowarycolorizations

# 20

Capitano D. Michelson con la tartaruga Tim, l'animale domestico del 2/2 battaglione australiano, 16a brigata, 6a divisione, Julis, Palestina, 28 marzo 1930. Quindi ero curioso del capitano Michelson, ma non riuscivo a trovare nulla sul suo servizio nella seconda guerra mondiale. L'Australian War Memorial non ha individuato alcun indizio, finché non ho cercato solo il cognome e, nascosto in una foto di gruppo, ho trovato il suo nome completo: David Enoch Michelson, SN – NX320, è nato a Sydney (l'area di reclutamento 2/2 era NSW) il 19 aprile 1910. Arruolandosi a Denistone il 27 dicembre 1939 fu dimesso sei anni dopo, il 9 ottobre 1945. È possibile trovare diverse registrazioni e interviste di lui nel sito web dell'Australian War Memorial.

Crediti immagine: cassowarycolorizations

# 21

Un medico americano esausto di ritorno dal fronte durante la Battaglia delle Ardenne. I medici di combattimento o sul campo nella seconda guerra mondiale erano personale militare preparato in una formazione medica di base, responsabile della fornitura di primo soccorso e assistenza in prima linea sui traumi sul campo di battaglia. Tuttavia, potrebbero aiutare altre unità anche a preparare i pazienti per le operazioni, rifare i letti o servire come cuochi. La Convenzione di Ginevra proibisce completamente ai medici di usare le armi. I medici potrebbero usare un'arma per proteggere una vittima, ma non se stessi. Citando Stephen Ambrose, "Era opinione universale della fanteria in prima linea che i medici fossero i più coraggiosi di tutti".

Crediti immagine: cassowarycolorizations

# 22

Truppe americane a bordo di un mezzo da sbarco diretto alle spiagge di Oran in Algeria durante l'Operazione Torch, novembre 1942. Oggi stavo leggendo una poesia di Victor Hugo che mi ha fatto pensare perché non potevo fare qualcosa di piuttosto originale: comporre una poesia colorando una immagine, evocando l'immagine a parole. Mi dispiace profondamente se questo sembra irriverente, ma eccolo qui. L'amaro intreccio trattiene il suono dell'urlo più oscuro sotto la riva. Lo stemma cucito sulla spalla muore con i gemiti del bianco, del rosso e del nero. Mentre la nave si avvicina alla riva morente, il suo respiro incarna la sabbia cremisi. E, come la sporcizia di un bambino non ancora nato, gli uomini saltano su una riva dell'ira. Gli elmi racchiudono la speranza dei più, le granate, le mani di altri venti, le divise si trasformano in un gemito più profondo e gli uomini coraggiosi e cupi pregano e piangono senza nemmeno raggiungere la costa della rabbia. Gridano la parola di un dio ubriaco, confessano i loro doveri al fantasma di una gloria fluente; oggi potrebbe essere andato. E l'acqua li abbraccia tutti, con il dolore della tosse di una vedova, e li sputa tutti nel muro di sangue, darter e obiettivi scaduti. Ora, la quattordicesima trama cerca di piegare la morale degli uomini misteriosi che perirono tra le braccia vitree di una terra lontana, pietosa e sconosciuta.

Crediti immagine: cassowarycolorizations

# 23

Il caporale di artiglieria finlandese Niman scolpisce una figura femminile nella sabbia, durante la Guerra di Continuazione, Valkjärvi, c. 1943. Se vuoi saperne di più sulla Finlandia nella Seconda Guerra Mondiale, ho preparato molto tempo fa una serie di tre post sulla Guerra d'Inverno, la Guerra di Continuazione e la Guerra della Lapponia. Ora parliamo di cose uniche sulla Finlandia. Il paese era l'unico che si schierava con la Germania, ma in cui gli ebrei nativi e quasi tutti i rifugiati erano al sicuro dalle persecuzioni. Fu l'unico co-belligerante della Germania nazista che mantenne la democrazia durante la guerra. È stato anche l'unico belligerante nell'Europa continentale a farlo.

Crediti immagine: cassowarycolorizations

# 24

Un ufficiale italiano che discendeva dal Mombrone durante la sua ultima esercitazione, 1906. La Scuola Italiana di Cavalleria, creata nel 1823, era responsabile dell'addestramento di tutto il personale di cavalleria delle forze armate. Ogni ufficiale della Scuola di Cavalleria di Pinerolo (vicino alle Alpi) era tenuto a scendere “la discesa del Mombrone” prima di lasciare la scuola. La caduta di 6 metri dalla finestra di un castello in rovina a circa tre miglia da Pinerolo è stata considerata una prova di nervi. Esercizi di addestramento simili furono eseguiti a Fort Crook, nel Nebraska.

Crediti immagine: cassowarycolorizations

# 25

Un Heinkel He 111 che si schianta direttamente in mare, data e luogo sconosciuti. Questo He 111 è solo uno dei migliaia di naufraghi durante la Seconda Guerra Mondiale e che attualmente giacciono sotto il silenzio dei mari. Solo sulla piccola isola di Malta si contano 800 aerei naufragati, una terza parte dei 2700 aerei che hanno partecipato lungo gli Alleati e l'Asse ai bombardamenti di Malta.

Crediti immagine: cassowarycolorizations

# 26

Un soldato americano che accende una sigaretta a Khe Sanh, Vietnam del Sud, il 12 aprile 1971. La guerra del Vietnam, nota in Vietnam come guerra americana, fu una guerra che si verificò non solo in Vietnam, ma anche in Laos e Cambogia dal 1 ° novembre 1955 alla caduta della città di Saigon il 30 aprile 1975. Fu combattuta ufficialmente tra il Vietnam del Nord, sostenuto dall'Unione Sovietica, e la Cina e il Vietnam del Sud, sostenuto dagli Stati Uniti, Corea del Sud, Australia, Thailandia e altri,, il che la rende una guerra per procura dell'era della Guerra Fredda. La guerriglia dei Viet Cong contro le forze USA e SV ha infranto una delle sconfitte più dure per gli Stati Uniti, che si è conclusa con 58.318 morti e 303.644 feriti. Una volta terminata la guerra, il governo del Vietnam del Nord e il Viet Cong hanno cercato di riunificare il Vietnam. Mentre consideravano il conflitto come una guerra coloniale per la libertà contro la Francia, il governo degli Stati Uniti considerava il suo coinvolgimento nella guerra come un modo per prevenire un'acquisizione comunista del Vietnam del Sud. 12/04/1971

Crediti immagine: cassowarycolorizations

# 27

Un soldato americano sconosciuto in uniforme del servizio estivo che prende in giro i baffi di Hitler con un pettine per capelli. Raffigurato nella sua uniforme, un distintivo di fante da combattimento, una medaglia di buona condotta e una medaglia sconosciuta. La Good Conduct Medal è uno dei più antichi premi militari delle forze armate degli Stati Uniti. Sebbene la variante della US Navy della Good Conduct Medal sia stata istituita nel 1869, la versione Army non fu programmata fino al 1941, e l'Air Force, fino al 1963. La medaglia viene assegnata a qualsiasi membro in servizio attivo delle forze armate degli Stati Uniti che compie tre anni consecutivi di "servizio onorevole e fedele, il che significa non avere alcuna punizione non giudiziaria, infrazioni disciplinari o reati della corte marziale. Durante la guerra, la medaglia di buona condotta può essere assegnata per un anno di servizio fedele, o addirittura premiata postumo. c.1944

Crediti immagine: cassowarycolorizations

# 28

Soldato tedesco si tuffa al riparo quando un proiettile esplode da qualche parte nel fronte occidentale, 1917. I proiettili sono proiettili che trasportano carichi che contengono un esplosivo. I proiettili erano e sono solitamente proiettili di grosso calibro sparati da artiglieria, veicoli da combattimento, carri armati e navi da guerra. Le conchiglie di solito avevano la forma di un cilindro sormontato da un naso a forma di ogiva per buone prestazioni aerodinamiche, nella prima guerra mondiale, le ogive erano tipicamente due teste a raggio circolare. Ma dopo quella guerra, le forme ogive divennero più complesse e allungate. 1917

Crediti immagine: cassowarycolorizations

# 29

Pfc Joseph E. Day (1918-2009), in mutande, tiene in braccio un cucciolo di nome "Invasion" in un elmetto tedesco, Le Dezert, Francia, 1944. Per quanto riguarda la biancheria intima, era in gran parte un'invenzione degli anni '30. Nel 1935, un ingegnere di nome Arthur Kneibler, progettò i primi slip al mondo a Chicago. Durante la seconda guerra mondiale, le cinture elastiche in vita e i bottoni automatici in metallo cedettero ancora una volta il posto ai bottoni a causa della carenza di gomma e metallo. Anche gli indumenti intimi erano più difficili da trovare, poiché i soldati all'estero avevano la priorità per ottenerli. Alla fine della guerra, Jockey e Hanes rimasero i leader del settore negli Stati Uniti, ma Cluett, Peabody and Company si fecero un nome quando introdussero un processo di pre-restringimento chiamato "Sanforization", inventato da Sanford Cluett nel 1933, che arrivò a essere concesso in licenza dalla maggior parte dei principali produttori. 1944

Crediti immagine: cassowarycolorizations

# 30

Un segno eretto da un uomo della Dog Company durante la Guerra di Corea, 25 marzo 1952, Corea. Forse scattata dopo la battaglia di Maehwa-San, o durante la quarta battaglia di Seoul, questa immagine è solo una delle tante simili che si sono diffuse durante la prima guerra mondiale, la seconda guerra mondiale, la guerra di Corea e la guerra del Vietnam. Questa è la mia colorazione più veloce, 12 minuti. Non è una buona colorazione, ma volevo testare nuove tecniche con questa, per farla sembrare una foto degli anni '80.

Crediti immagine: cassowarycolorizations

# 31

Luftwaffe guardie d'onore in marcia a passo d'oca in una parata a Berlino, data sconosciuta. Il passo dell'oca è un passo speciale di marcia eseguito durante le parate militari formali e altre cerimonie. Mentre marciano in formazione da parata, le truppe fanno oscillare le gambe all'unisono da terra mantenendo ciascuna gamba dritta e non piegata. Il gradino trova la sua origine nell'addestramento militare prussiano della metà del XVIII secolo. I consiglieri militari tedeschi e sovietici hanno diffuso la tradizione in tutto il mondo nel XIX e XX secolo. Apparentemente, stare in piedi su una sola gamba ricordava ai soldati come spesso stanno le oche. Il termine ha acquisito un significato peggiorativo in alcuni paesi di lingua inglese, poiché è profondamente correlato agli eserciti fascisti.

Crediti immagine: cassowarycolorizations

# 32

Soldati tedeschi e ungheresi del 503 ° battaglione Heavy Panzer su un carro armato Tiger II a Budapest, Ungheria, ottobre 1944. Il 503 ° battaglione Heavy Panzer fu l'unica unità di carri armati ad andare a Budapest. Questa unità era equipaggiata con carri armati Tiger I e Panzer III. Nel 1944 fu riequipaggiato con il nuovo Tiger II, come mostrato in questa foto. Il battaglione ha partecipato sia al fronte orientale che a quello occidentale durante la seconda guerra mondiale. Alla fine, il battaglione divenne parte del neonato Panzer Corps Feldherrnhalle come Feldherrnhalle Heavy Tank Battalion. Il battaglione ha visto l'azione in Normandia durante l'operazione Overlord, così come a Kursk e Kharkov. Ho fatto alcune ricerche e ho scoperto che i suoi comandanti sono sopravvissuti alla guerra e recentemente sono morti nel 2003, 2005 e 2011. 10/1944, Faupel

Crediti immagine: cassowarycolorizations

# 33

Due donne e quella che sembra essere una guardia d'assalto durante l'Assedio dell'Alcázar, a Toledo, durante la Guerra Civile Spagnola. Il ruolo delle donne durante la guerra civile spagnola era molto diverso tra le parti. Durante gli anni della II Repubblica (1931-1939), le donne iniziarono a guadagnare la libertà, rigorosamente censurate dalla dittatura di Primo de Rivera (1923-1930), e nel 1931 fu approvato il diritto di voto delle donne. During the war, in the Republican side, women reached the biggest ladder of liberties, and eventually saw themselves standing in the battlefield among men. On the other hand, in the Nationalist side, women were strictly prohibited from bearing arms, and their task was relieved to nursing. Later, during Franco's dictatorship (1939-1975), the so called government made up a plan where woman where supposed to fulfil the role of wife, mother and housewife, with single-sex school policy. The women had to wear long and little scandalous clothes, with a censorship present in the media and especially the cinema, stepping 40 years back. Pilar Primo de Rivera, member of the Falange, said once: “Let's be nice and funny little ants”. 1936

Image credits: cassowarycolorizations

# 34

Prisioner no. 40472 of the Auschwitz concentration-extermination camp, identified as Michał Liborski. Other sources point Liborski's number as 20909, and tell us he was born in Czernice on 14 September 1914, and died on 15 April 1942, thus being younger than 28 years old when these pictures were taken by Wilhelm Brasse. Brasse was ordered by SS staff to photograph the prisoners for their files, taking up to 50,000 identity pictures between 1940 and 1945. Dr. Mengele ordered to take the photographs 'in three poses: from the front and from each side', one of them always with the head covered.

Image credits: cassowarycolorizations

# 35

This is my grandfather, in 1958, joking with his two subordinates as he imitates a Moroccan soldier in the streets of Sidi Ifni, during the last Spanish Colonial War, the Ifni War. A week ago, I wrote an article on Medium in an awesome project started by historicstories, about his experience, and you can easily find it by searching 'My grandfather and The Ifni War' on the Internet. I leave you with a little fragment here. There is a popular habanera in Catalonia that says, 'My grandfather went to Cuba, on board of the Català, the best ship on the Navy of the Overseas Fleet'. The song, called 'El meu avi', was written exactly 50 years ago, in 1968, but the lyrics remember a much farther reality. […] The Spanish–American War of 1898 does certainly still provoke a little spite. It was then, during the long summer of 1898 when the Spanish political disputes, the officers' excessive pride, and the estrange diseases of the Cuban forests destroyed forever the Spanish Empire. At the end of Franco's dictatorship, a group of certain Moroccan tribes, led by Ben Hammu, took up arms in the Sahara colony, claiming a land they considered theirs. At that time, my grandfather was doing the compulsory military service in Paterna, a small town on the outskirts of Valencia. Although antimilitarist, he agreed to do the promotion test and was immediately promoted to corporal. […] Although education in Spain during the dictatorship was of an ominous nature, my grandfather was allowed to study one more year than the Franco regime used to sponsor. It was for this reason that, to his surprise, he was sent to the topographical unit; he had achieved the highest mark in the Army's mathematical examination. […] Want to read more? Head to the web.

Image credits: cassowarycolorizations

# 36

First part of Finland series: The Winter War Finnish Soldiers during the Winter War using a slingshot to lob grenades at the Soviets. The Winter War began with the Soviet invasion of Finland on 30 November 1939. This attack was considered illegal for The League of Nations and therefore, the Soviet Union was expelled from the League. The Soviet Union, which had before claimed sovereignty on some areas of Finnish territory, demanded concessions of several lands in the Leningrad area claiming security reasons. Finland refused and the USSR invaded the country. Numerically superior, the Soviets, though the whole invasion of Finland would be an easy job. Nevertheless, the Finnish forces repelled Soviet attacks for several months, far much longer than the Soviets expected. Hostilities ceased in March 1940 with the signing of the Moscow Peace Treaty, as the Red Army had been gaining land and Finland ceded territory representing 11% of its land area and 13% of its economy. The poor performance of the Red Army encouraged Hitler to think that an attack on the Soviet Union would be successful and reconfirmed negative Western opinions of Soviet military. 25,904 Finnish soldiers perished in the war, in front of c. 140,000 Soviets.

Image credits: cassowarycolorizations

#37

A Norwegian child being carried to an ambulance from HMS Onslaught at Gourock, Scotland, 1 March 1945. She was one of over 500 civilians recued by the Royal Navy after hiding from the Germans on Sørøya island. 525 Norwegians, who had been hiding from German patrols in caves on the snow covered mountains of Sørøya island, Norway for three months, were rescued by four British destroyers of the Home Fleet who raced in broad daylight, 60 miles behind enemy lines and took them safely to a Gourock.

Image credits: cassowarycolorizations

# 38

Hitler announces the declaration of war against the United States to the German Reichstag, 11 December 1941. Four days before, the United States had declared war solely on Japan. The offhand decision by Adolf Hitler provoked the United States to declare warto Germany the very same day, thus mobilising troops to both fronts. Source: Bundesarchiv, Bild 183-1987-0703-507

Image credits: cassowarycolorizations

# 39

A British cavalry sergeant major instructs an American soldier in bayonet charging at Texas' Camp Dick. Although the bayonet was developed in the early 17th century in Bayonne (that's why it's called “baïonnette”), it was during World War One that this weapon acquired a very well-known paper. Whereas in World War Two weapons had a great range of fire, at the beginning of WWI arms had to be loaded in a very complicated way. With the war staged in the trenches, the sense of a bayonet charge had already extinguished. Attacks like those in the American Revolutionary War could no longer be performed. This eventually lead to soldiers to use bayonets in order to open cans, play games in the mud and, of course, defend themselves against surprise attacks.

Image credits: cassowarycolorizations

#40

An American corporal aims a Colt M1895 installed on an elephant in a purely propagandistic picture, 1914. Although this picture is staged, elephants have been used for military purposes for centuries. War elephants were first employed in India, the practice spreading out across south-east Asia and westwards into the Mediterranean, with eventually Hannibal crossing the Alps to invade Rome along with 38 elephants. Generally, the war elephant's main use was to charge the enemy, breaking their ranks and instilling terror. Their most famous use in the West was by the Greek King Pyrrhus of Epirus and in significant numbers by the armies of Carthage, including as told briefly by Hannibal. In the Middle Ages war elephants had already declined and its use it's nowadays rare or inexistent. Sadly, nowadays, elephants are still used around the world for unfair purposes and animal abuse is still persistent.

Image credits: cassowarycolorizations

# 41

Waffen SS privates from the 5th SS Panzer Division firing several Luger P08 during winter training. The Pistole Parabellum 1908, widely known as the Luger P08 was a semi-automatic pistol first designed by Georg J. Luger in 1898 and was first used by the Swiss army in May 1900, although it was later used in greater scale by Germany during World War I and World War II, along with the interwar Weimar Republic and the postwar East German Volkspolizei, stopping its production in 1942, when the Walther P38 entering in production in 1938. The cost of a Luger was of $13 or 32 RM (approximately $200 or 500 RM adjusting inflation) Because of its association with Nazi Germany, the pistol has been used in fictional works by many villainous characters over the past several decades.

Image credits: cassowarycolorizations

# 42

Austrian soldiers loading a 10 Mod. 1908 Mortar at Levico, October 1916. This is another picture from my book “The Great war in color: Italian & Austrian front” from soldiershoppublishing.

Image credits: cassowarycolorizations

# 43

Swedish volunteers in the Finish Amry training with a ROKS-2 flamethrower in action in the woods near the village of Niinisalo, during Continuation War, on July 1, 1942. The ROKS-2 was a Soviet flamethrower, designed not to draw attention so the fuel and gas tanks were concealed under a sheet-metal outer casting that resembled knapsack; the flame projector was designed to resemble a standard Mosin–Nagant rifle. The purpose of this was to prevent the operator from being specifically targeted by the enemy. The Finnish designation for captured ROKS-2 units was liekinheitin M/41-r. Captured Soviet flamethrowers saw some use by Finnish forces during the Continuation War. They were operated by two-man teams of combat engineers. They were well regarded by the Finns, although flamethrowers of all kinds saw little use by Finnish forces. 01/07/1942

Image credits: cassowarycolorizations

# 44

Indian Sikh soldier with Lee–Enfield and sword in a photo studio, 1914. One million Indian soldiers, mainly Sikh warriors, served under the yoke of the British Empire overseas, eventually counting 120,000 casualties in 1918. The Indian Army did not only fight the German Empire and the Ottoman Empire in Africa, but also on the trenches of the Western Front. At the First Battle of Ypres, Khudadad Khan became the first Indian to be awarded a Victoria Cross.

Image credits: cassowarycolorizations

# 45

Brewster F2A Buffalo in the Finnish Air Force.

Image credits: cassowarycolorizations

# 46

Rebel soldiers aiming in trenches near Navacerrada during the first winter of the Spanish Civil War, Sierra de Guadarrama, December 1936. The Sierra of Guadarrama or Guadarrama Range was a common battlefield in the first stages of the War, and a great example of how geography can shape the outcome of a war. After the coup of the Fascist generals, rebel General Mola developed a plan to assault Madrid, the capital, by raiding the city from the North. The heights prevented the Rebel troops from crossing, an in August they lost the battle. If Madrid hadn't been situated in a plateau, the war could have been won by the Francoist troops before 1937.

Image credits: cassowarycolorizations

# 47

A member of the French Forces of the Interior, the French Resistance, uses a truck for cover during the Liberation of Dreux, France, August 1944. I've just finished the book 'Fighters in the Shadows', by Robert Gildea, one of the best and bravest depictions of the French Resistance I've ever read. Gildea brilliantly explains the truth behind the French Resistance myth, and how De Gaulle helped to shape the legend of firm opposition to Nazism from the outset, and the fact that French freed themselves. “Paris liberated! Liberated by its own efforts, liberated by its people with the help of the armies of France, with the help of all of France”, said on a meeting the French general. The book, although being written with incredibly criticism, does not blame in any moment those who suffered from the Nazi regime, but tries to explain in detail what really was the French resistance. A highly recommended reading, no doubt. 08/1944

Image credits: cassowarycolorizations

# 48

Periscope use in a French first line trench, 1915. The “French are cowards concerning military and always surrender” myth was not originated in WWI, as some may believe, but inevitably after the German invasion of 1940 and the later instalment of the puppet state of Vichy. During WWII, not only the French did generally show extremely courage and bravery, fighting in their colonies, and even penetrating in German soil in 1939, but also had a long history of victories on Europe. The myth, mainly propagated with bad intention by the US died during the 50s. Sadly, in the last years, the myth is being used again, not only on a pure humorous way, but as a critical and harmful accusation in relation on the resurgence of France refusing to back Bush's war effort in Iraq.

Image credits: cassowarycolorizations

# 49

German NCO Heins Sarhander after having fallen asleep, Holland, September 1940. During the Second World War, soldiers would sleep in trenches, in very uncomfortable positions. In the rearguard, companies would be deployed in tents or distributed in the homes of the occupied population.

Image credits: cassowarycolorizations

# 50

Austrian-Hungarian shock trooper experimenting with grenade-throwing techniques in the training base of Levico, March 1917. Levico, nowadays Italy, was in World War One part of Austria-Hungary, and had a battalion from the 1st Kaiserjäger Regiment stationed there. The population was moved to Austrian inland, and so the area was left only for military practices.

Image credits: cassowarycolorizations

(Fonte: Bored Panda)