30 persone condividono cose spaventosamente terrificanti a cui hanno assistito ma nessuno ci ha creduto

I veri fan dell'horror raramente hanno bisogno di accendere le luci o coprirsi gli occhi mentre guardano qualcosa di terrificante sui loro schermi. Ma è qualcos'altro quando nella vita reale si verificano situazioni inquietanti, a disagio e decisamente agghiaccianti. Quindi, la prima e più ragionevole cosa che vogliamo fare è cercare conforto raccontandolo a qualcuno.

Ma se pensi che vivere un'esperienza spettrale sia già abbastanza brutta, è ancora peggio quando coloro con cui decidi di condividerla ti guardano con occhi sospettosi. L'utente di Reddit chrome-hearttagz ha deciso di scoprire quante povere anime ci sono là fuori. Hanno chiesto alle persone di aprirsi sulla cosa più spaventosa che gli fosse mai capitata, ma nessuno ci ha creduto.

Di seguito, abbiamo raccolto una manciata di risposte da Redditor i cui amici e familiari hanno insistito sul fatto che stanno mentendo o semplicemente immaginando le cose. Bored Panda era anche interessato a saperne di più sul tipo di impatto che situazioni imprevedibili o incidenti potenzialmente letali hanno sulle nostre vite e su come reagire al meglio, quindi abbiamo contattato la specialista in traumatologia e terapeuta Shari Botwin .

"La vita è piena di sorprese e il cambiamento può avvenire in qualsiasi momento. Alla maggior parte di noi piace avere il controllo del proprio destino e del futuro, ma è impossibile. Accettare che le cose sfortunate possano accadere in qualsiasi momento riduce la nostra ansia e ci permette di essere più nel momento". Continua a leggere per tutta l'intervista!

# 1

Quando avevo circa 12 o 13 anni mi sono svegliato nel cuore della notte e ho sentito l'odore della colonia di mio padre, ho pensato che fosse un po' strano dato che viveva a circa un'ora di distanza, ma era troppo stanco per preoccuparsene. Sono tornato a dormire, mi sono svegliato la mattina dopo e per qualche motivo mia madre non mi ha svegliato per andare a scuola. Mio padre era morto la notte prima. Non ho raccontato a nessuno per anni quella notte, ma verso i 23 anni ho detto a mia madre che era contenta di sapere che non era pazza, quella stessa notte si è svegliata di soprassalto e il cane stava fissando la porta scodinzolando . Quasi come se stesse salutando prima di andarsene del tutto.

Crediti immagine: mathisid

#2

Stavo giocando fuori da solo e un camion continuava a guidare per le strade. Mi sono sentito a disagio e ho iniziato a camminare verso casa, loro mi hanno seguito, mi sono fermato, si sono fermati, ho corso, hanno guidato più velocemente. Ho iniziato a correre a casa e quando mi sono avvicinato ad altri le persone si sono girate e se ne sono andate. Quando sono arrivato a casa l'ho detto a mia mamma e mio papà. Nessun corpo mi ha creduto. Sono passati 5 anni e sono ancora scioccata

Crediti immagine: TheRedditScout

Shari Botwin, LCSW e autrice di Thriving After Trauma: Stories of Living and Healing , ha spiegato a Bored Panda che quando accadono cose sfortunate, cercare di controllare ciò che accade dopo si tradurrà in livelli più elevati di rabbia, ansia e disconnessione dalle vite che siamo vivere nel presente. "Concentrarsi sulle cose che possiamo controllare allevia parte della paura. Il cambiamento fa parte della vita. È riconoscendo questo fatto che possiamo vivere una vita più sana e meno stressante giorno per giorno", ha detto.

Alla domanda su come queste situazioni o incidenti imprevedibili abbiano un impatto su di noi, Botwin ci ha detto che ci fanno sentire agitati, ipervigilanti, in preda al panico e stressati. "Dal momento in cui accade qualcosa di spaventoso, le nostre vite sono cambiate per sempre. Ho incontrato clienti che hanno avuto terribili incidenti d'auto e poi hanno evitato di guidare per settimane. Ho incontrato altri clienti che hanno perso un familiare o una persona cara all'improvviso. Per mesi e talvolta anni a seguire, questi clienti hanno sviluppato una grave depressione, disturbi di panico e sono diventati dipendenti da una varietà di sostanze", ha rivelato.

#3

Fu la notte prima che la mia matrigna morisse (perse la sua battaglia contro il cancro). Avevo 22 anni, passavo la notte a letto con il mio fratellastro di 9 anni, coccolandolo e dicendogli che sua madre sarebbe andata bene, non gli avrebbe fatto più male. Sono circa le 3 del mattino in quel momento, e dopo un po' si siede subito in piedi sul letto, sorride, dice “Prometto di essere un bravo ragazzo, mamma. Ti voglio bene."

Ora la mia matrigna è stata costretta a letto nell'ultimo mese, quindi non si muoverà da nessuna parte. Ma giuro sulla mia vita, e il mio fratellino è d'accordo con me, per una frazione di secondo l'ho vista in piedi sulla soglia con addosso la sua grande pelliccia gigante, che ci sorrideva e sembrava solo sollevata.

Il fratello è andato a dormire circa 2 minuti dopo. Sono andato nella stanza di mio padre e della matrigna per controllarla per vedere mio padre sveglio e per dirmi che era morta circa mezz'ora fa.

Credo sinceramente che si sia "fermata" mentre andava dall'altra parte per controllare i suoi due figli e assicurarsi che saremmo stati bene senza di lei prima che se ne andasse.

#4

Metto sempre le chiavi nello stesso identico posto dopo essere tornato a casa dal lavoro; non importa cosa, vanno sempre nel piatto nel mio soggiorno. Un giorno dell'agosto scorso ero a casa dal lavoro da alcune ore e stavo cucinando la cena quando il pensiero di "dove sono le tue chiavi" mi è rimasto in testa. Ho guardato dietro l'angolo, sicuro di vedere le mie chiavi nel piatto, ma non c'erano chiavi. Mi sono guardato intorno nell'area circostante e ho ampliato la mia ricerca alla mia borsa, giacca, camera da letto solo per risultare vuota. Sono tornato a casa dal lavoro e sono entrato con le chiavi, ero a casa da solo e i miei coinquilini erano fuori città per alcuni giorni a quel punto, quindi sapevo di averli e sapevo che nessuno li avrebbe spostati. Ho capovolto la mia casa, cercando per circa 4 ore prima di scuotere di buon cuore il mio cappotto invernale più pesante appeso in fondo al mio armadio… Li ho trovati chiusi con la cerniera nella tasca interna di quel cappotto che non indossavo da metà -Febbraio al più tardi.

Tutti ignorano sempre la storia perché devo averli commossi e dimenticarmene, ma per me non ha senso. Non ho assolutamente idea di come siano arrivati ​​lì e ho davvero solo 4 possibili spiegazioni: attività paranormale, glitch nella matrice, sono svenuto e li ho spostati per qualsiasi motivo, oppure c'era qualcuno in casa mia ed era l'unica cosa che fatto.

Crediti immagine: hrowmeaway212223

#5

Avevo 6 anni e ricordo di aver giocato nella mia stanza e mio nonno è entrato e mi ha parlato per qualche minuto. Dopo un po' si alza e mi dice "fai la brava ragazza per la mamma", mi bacia sulla fronte ed esce. La mamma arriva dopo circa 5 minuti isterica e mi ha detto che mio nonno era morto durante la notte e che dovevamo partire per andare a stare con la famiglia nei due stati in cui viveva.

"La disperazione, la rabbia e la paura all'indomani di qualcosa di brutto che è successo lascia molte persone bloccate e isolate". Tuttavia, Botwin ha detto che a volte incontra persone che ottengono il potere dall'evento accaduto. Ad esempio, ad alcuni di loro sono state diagnosticate malattie potenzialmente letali. "Invece di soccombere alla paura e al dolore, alcuni di questi clienti scelgono di affrontare altre paure o di vivere di più nel momento. Capovolgono la paura e la trasformano in azione che li porta a vivere vite più piene e felici".

#6

Ogni dannata volta che sto passando un momento difficile e piango mio padre lo sa. Anche se viviamo in città diverse. Mi chiamerà e mi dirà che sapeva che stavo piangendo. Che potesse sentirmi. Non sbaglia mai.

Quando mi trasferisco in un altro appartamento, può descrivermi come appare il mio nuovo posto prima di vederlo. Prima ancora di parlarne.

#7

C'è stato un momento che mi accompagnerà per sempre in cui ho reazioni contrastanti quando racconto la storia.

Vorrei iniziare aggiungendo un po' di contesto: avevo 20 anni all'epoca e stavo aiutando la mia ragazza a trasferirsi dall'Alabama a Los Angeles. Poiché aveva tutte le sue cose e la sua macchina, abbiamo deciso di guidare. A quel tempo aveva la patente sospesa, quindi ero io quello costretto a guidare per tutto il tragitto. Poiché non volevo ottenere alcuna multa per eccesso di velocità, ho portato il mio rilevatore radar da casa per portarlo con noi durante il viaggio.

Ora era il secondo giorno del nostro viaggio e da poco avevamo attraversato il New Mexico. A quel tempo era già ben oltre il tramonto, quindi la maggior parte del mio viaggio quel giorno è stato trascorso sulla I10 di notte. Poiché ero l'unico autista, ho deciso di fermarmi ogni due ore ai punti di ristoro per usare il bagno, fare stretching o mangiare.

Ricordo di essermi fermato quella notte molto tardi intorno alle 11 o 12 in un punto di ristoro a Gage NM. Da quello che ricordo, la sosta era davvero l'unica cosa fuori dall'uscita, e non c'era niente fino a una città o case nella zona per miglia. L'unica cosa che c'era era una piccola area con molte strutture di cemento identiche che coprivano i tavoli da picnic. Erano come scatole di cemento, su tre lati, con finestre intagliate e una luce nel mezzo. Mentre stavamo entrando, il rilevatore radar ha iniziato ad andare in tilt, mostrando codici per più bande diverse tra cui X, KA e Laser, tutto in una volta.

Ho spento il rilevatore radar, senza pensarci molto in quel momento, e mi sono fermato in un'area picnic sul retro. Da quello che ricordavo, stavo per mangiare uno spuntino o qualcosa che mi aiutasse, e mentre stavo afferrando il cibo dalla fila centrale, ho sentito un basso rombo/squittio, mentre qualcuno stava strofinando il palmo della mano lungo il lato di la macchina. Mentre stavo afferrando alcuni oggetti da una borsa in grembo, la mia ragazza in quel momento mi ha afferrato il braccio con la presa e la paura più intense e ha appena iniziato a dire "dobbiamo andare, dobbiamo andare" con crescente panico.

Non dimenticherò mai quello che ho visto. Nel suo specchietto laterale, c'era una grande sagoma ruvida appoggiata all'auto appena oltre la porta sul retro. Anche da uno sguardo, potevo dire che la figura doveva essere molto più alta del SUV, dato che sembrava un po' curvo. Vedendo questo, ho subito iniziato a farmi prendere dal panico, poiché non ero sicuro se si trattasse di una persona, animale o altro. Mentre cercavo le chiavi nel portabicchieri, ho dato un'occhiata allo specchietto laterale e ho detto la stessa identica cifra, immobile contro la fiancata dell'auto. Pochi secondi dopo ho avviato la macchina e l'ho spinta fuori di lì. Dove era parcheggiata la nostra macchina, non c'era nulla di visibile dalla luce proveniente dalla tenda da picnic.

Non sono un grande sostenitore del paranormale, ma questa è stata un'esperienza che definirei al 100% il mio unico vero incontro paranormale. La dimensione di qualunque cosa fosse non era sicuramente umana, e sebbene fosse in qualche modo umana, la quantità di capelli che aveva sulla testa rendeva difficile dire che aspetto avesse effettivamente. Un amico che ho incontrato più tardi al college del New Mexico che aveva vissuto in una riserva una volta ha suggerito che avrebbe potuto essere un wendigo, o qualche altra bestia nativa della tradizione forcella. Non so ancora per niente cosa fosse con certezza, ma a volte ho ancora incubi su quella notte.

Crediti immagine: PraderaNoire

#8

Avevo circa 4 anni, visitando la mia bisnonna nel New Jersey. Mi ha preparato un letto su cui dormire in soggiorno. Mi sono addormentato facilmente, ma ad un certo punto mi sono svegliato e ho visto il mio bisnonno. Si sedette sul bordo del mio letto, sorrise, mi accarezzò la gamba e si alzò. Si infilò la giacca e uscì dalla porta principale. Era morto da più tempo di quanto io fossi vivo e non l'avevo mai incontrato. Gli adulti la mattina dopo risero tutti dello sciocco ragazzo con una grande immaginazione. Su richiesta della nonna gli descrissi esattamente cosa indossava: camicia di flanella, reggicalze, pantaloni color cachi… Descrizione generica di qualsiasi nonno degli ultimi 100 anni. Tutti stavano ancora ridacchiando alla mia storia carina. Ma quando mi sono alzata per mostrarle come ha strappato la giacca dal gancio vicino alla porta e l'ha indossata con un solo movimento, mi sono girata sorridendo solo per vederla completamente pallida di fronte con le lacrime che le scorrevano lungo le guance. Sono diventati tutti molto silenziosi e non ne abbiamo mai più parlato. Sapeva che l'avevo visto… L'opinione di nessun altro conta.

Vivere in circostanze che si rivelano un po' più spaventose della finzione fa sorgere la domanda, come è meglio reagire ad esse? Secondo Botwin, quando ci troviamo in situazioni spaventose o pericolose per la vita, è molto importante cercare di mantenere la calma. "Il panico e l'urgenza si insinueranno immediatamente. Potresti sentire il tuo cuore battere forte o un imminente senso di sventura e tristezza."

"È naturale per noi entrare in modalità volo o combattimento quando ci sentiamo spaventati o in pericolo", ha aggiunto. "Prenditi un minuto se è appropriato e valuta la situazione che stai affrontando. Chiediti: 'La paura che sto vivendo nella mia mente e nel mio corpo corrisponde alla situazione attuale, o sto anche reagendo ad altri eventi che mi hanno lasciato traumatizzato o bloccato nel passato?'"

#9

Negli anni '90 facevo parte della squadra di atletica leggera al liceo. Dopo la scuola correvamo per oltre 5 miglia lungo la strada sterrata proprio alla periferia della città perché era vicino alla scuola. In quel periodo c'erano state segnalazioni di un uomo in un pick-up bianco che aveva cercato di rapire un paio di ragazze che tornavano a casa da scuola nella nostra città.

Un giorno non mi sentivo bene e sono rimasto indietro rispetto ai miei compagni di squadra durante una delle nostre corse dopo la scuola. Sto correndo da solo lungo questa tranquilla strada sterrata quando un pickup bianco rallenta accanto a me. Il ragazzo ha iniziato con una chiacchierata amichevole sul tempo e cose del genere. Ero terrorizzato, ma ho fatto del mio meglio per apparire calmo e ignaro, mentre cercavo di pianificare la mia fuga. Ha iniziato a chiedermi il mio nome (ne ho dato uno falso), l'età, dove vivevo, ecc., e mi ha chiesto da che parte stavo andando. Ho mentito e gli ho detto che sarei andato proprio al bivio più avanti e avrei corso ancora per qualche miglio in quel modo. La svolta era in realtà il punto di svolta e poi tornavo da dove ero venuto. Mi ha augurato una buona giornata e ha guidato avanti e ha svoltato a destra, dove gli ho detto che stavo andando. Non appena è scomparso dietro l'angolo, mi sono girato e ho corso più veloce di quanto avessi mai fatto in vita mia. Probabilmente erano circa due miglia buone per tornare a scuola. Continuavo a guardarmi dietro nel caso fosse tornato da quella parte, nel qual caso sarei corso nel bosco e mi sarei nascosto finché non fosse passato. Per fortuna, non è mai tornato in quel modo. Mi chiedo sempre se stesse aspettando da qualche parte lungo quella falsa strada per avvicinarsi di nuovo a me.

Sono tornato e l'ho detto ai miei compagni di squadra e non mi hanno creduto! Non mi hanno esattamente chiamato bugiardo, ma ho potuto dire che pensavano che me lo stessi inventando, forse perché prima avevamo parlato di sentirlo nei telegiornali locali. Ne ho beccati un paio che si scambiavano sguardi e altri hanno risposto a malapena. Più cercavo di convincerli, più suonavo come se fossi aggrappato a una bugia. L'ho lasciato cadere e mi sono dimesso per essere considerato un bugiardo. Mi fa ancora incazzare che nessuno mi abbia creduto. Il mio allenatore non sembrava nemmeno credermi, si è semplicemente scrollato di dosso. Avrei dovuto dirlo alla polizia, ma ero così sconvolto dal non essere creduto che ho semplicemente lasciato andare tutto.

# 10

Un'esperienza fuori dal corpo che spero non si ripeta mai. Mi sono quasi fatto schifo per la paura. Avevo circa 11 anni (forse più giovane, difficile da ricordare) ed ero malata a scuola, nella stazione degli infermieri (chiamata aula malata nella mia scuola). Sdraiato sul lettino da campeggio, sentendosi generalmente strano, guardando fuori dalle finestre molto alte e sottili che sono tipiche delle scuole vittoriane nel Regno Unito. Poi ho sentito questo strano, posso solo chiamarlo un juke di lato, ma mentalmente e mi sono visto fuori dalla finestra, guardando dentro, e allo stesso tempo stavo guardando fuori dal letto attraverso la finestra a me stesso.. fluttuando fuori.

A quanto pare ho urlato ma non ricordo quella parte. Poi l'infermiera ha chiamato mia madre per venirmi a prendere e sono andata a casa. Penso di aver dormito il resto della giornata ma non ho ricordi chiari di quella parte.

Crediti immagine: Jay-Dee-British

# 11

Vivo da solo e (all'epoca) avevo 2 gatti. Ho una di quelle luci di proiezione della galassia. Il tipo che fondamentalmente proietta qualcosa sul tuo soffitto.

Ha una connessione IR o bluetooth perché usa un telecomando per cambiare i colori e le impostazioni su di esso. Ha anche un altoparlante per qualche motivo per farti sapere se il telecomando è collegato.

Una notte l'ho spento e mi sono seduto sulla mia sedia accanto al mio letto. Ero in un sonno profondo quando ho sentito la voce che si accendeva e si spegneva, dicendo "Bluetooth disconnesso". Questa è stata la cosa iniziale che mi ha spaventato perché tutto ciò che potevo sentire era questa voce disincarnata. Ho trovato rapidamente la fonte e mi sono reso conto di averci gettato sopra dei vestiti, quindi la porta IR era bloccata.

Sono tornato a dormire e sono stato svegliato di nuovo, questa volta al mattino, da una voce MASCHILE che diceva "Oh, ciao fiamma!" Veniva dalla direzione della luce. Blaze è il nome del mio gatto. Rimasi immobile per un momento, con il cuore in gola. Mi sono girata e ho trovato il mio gatto seduto dall'altra parte del mio letto. Era nella stanza. che mi ha spaventato ancora di più. Sono saltato fuori dal letto, sono corso verso la cosa e l'ho strappata dal muro.

Da allora non l'ho più acceso. È stato seduto in un angolo della mia stanza con la spina staccata. Ho paura di ricollegarlo.

Darei la colpa alle allucinazioni ipnogogiche perché le ho avute prima. Per lo più la voce di mia madre che chiama il mio nome. Ma il fatto che il mio gatto fosse in realtà nella mia stanza, seduto praticamente davanti alla luce, mi TERRIFICAVA. I miei gatti non hanno collari/campanelli quindi non è che l'avrei sentito passivamente nel sonno entrare nella mia stanza e poi immaginato la voce. Non solo, ma sembrava anche impazzito, come se avesse sentito anche la voce. Non ho idea se fosse quello o stava solo reagendo al mio risveglio.

Ho ispezionato l'intero dispositivo, cercando telecamere e microfoni. Stavo per smontarlo ma avevo troppa paura di quello che avrei trovato.

Crediti immagine: dawrina

Lo specialista in traumatologia ha suggerito che è meglio rispondere alla tua paura con parole di rassicurazione e compassione. "Cerca di mettere la paura in prospettiva. Non affrontare questi sentimenti da solo. Chiama un amico o parla con un membro della famiglia. Elabora ciò che provi in ​​modo da poter capire da dove proviene la paura. Ricorda a te stesso che è perfettamente normale avere paura a volte. È un'emozione che va e viene, soprattutto se hai provato qualcosa che ti ha lasciato paura", ha consigliato Botwin.

# 12

Vivo in una casa estremamente vecchia. Cigola, geme, la casa non è completamente in piano, quindi a volte le porte sganciate si aprono "da sole", ma in realtà perché la fisica. Se ti sedessi a casa mia in una giornata ventosa, giureresti su Dio che era infestato dai fantasmi perché gli infissi delle finestre non sono grandi e il vento urla attraverso le fessure e fa sbattere i vetri come se fosse arrabbiato…

Vivo qui da un paio d'anni ormai. Conosco ogni rumore che questa casa fa come il palmo della mia mano. Quasi non me ne accorgo in questi giorni. Ecco perché ho trovato strano che mentre stavo lavando i denti una notte di qualche mese fa, ho sentito chiaramente due voci di uomini dall'altra parte della porta del mio bagno. Ora, siamo solo io, i cani e il mio ragazzo qui. Il mio ragazzo era dall'altra parte del corridoio sdraiato a letto e i cani erano con lui. Le voci che ho sentito erano chiare come il giorno, due gentiluomini più anziani.

"Dobbiamo dirglielo?"

"No… (borbotto indistinto)…"

"Sono là dentro?"

E la seconda voce non rispose. Ovviamente ho aperto la porta del bagno e ho guardato per vedere chi c'era nel mio corridoio. Ma non c'era nessuno lì. Ho ascoltato per qualche minuto, pensando che forse ho sentito la TV o qualcosa del genere. Non sento niente. Lo chiamo e chiedo se il mio ragazzo ha detto qualcosa, lui risponde di no da dove si trova in camera da letto…

Torno alla mia routine notturna, spengo la luce del bagno e ora il corridoio è buio. Vado in camera da letto. Abbasso la mano dopo aver spento l'interruttore della luce e la mia mano sfiora una mano fredda e ruvida. Come qualcuno con molti calli sulla mano… ho sentito il pollice e il palmo distintamente. Come se qualcuno avesse allungato la mano per prendermi la mano ma il mio movimento si fosse tirato fuori dalla presa prima che potessero effettivamente afferrare la mia mano, se questo ha senso.

La mano veniva da dietro di me, dal bagno. Ovviamente so che non c'è nessuno in bagno, sono appena uscito dal bagno. E poi ho sentito qualcuno borbottare, dietro di me. Non esattamente parole, solo una specie di voce, come qualcuno che brontola sottovoce. Sono saltato, ho riacceso la luce del bagno, non ho visto nessuno, ho lasciato la luce accesa e mi sono trascinato in camera da letto per dire al mio ragazzo cosa era appena successo perché ero estremamente spaventato. Abbiamo controllato l'intera casa per un intruso. Non ho trovato alcun segno. Tutto era chiuso come al solito. Non è mai successo di nuovo. Non ho idea di cosa fosse.

Crediti immagine: RealAbstractSquidII

# 13

Circa un anno fa stavo guardando film a tarda notte quando ho avuto fame e sono sceso al piano di sotto per uno spuntino. La mia stanza è di fronte a quella di mia figlia e la sua porta era aperta. Mentre stavo tornando di sopra comincio a girare a sinistra verso la mia stanza quando sento, chiaro come sempre, "papà puoi chiudere la porta?" Mi giro, non dico molto e lo chiudo. Una volta tornato nella mia stanza, mi sdraio a guardare la tv quando mi colpisce… mia figlia non c'è. Sta passando la notte dai miei genitori. Mi alzo e vado nella sua stanza e di sicuro è vuota. Ho svegliato mia moglie e lei pensa che io sia pazzo. Dice che probabilmente ero stanco e forse era la tv. Ricordo la voce così chiara e che veniva in direzione della sua stanza. È molto probabile che fosse solo la mia testa a giocare, ma sicuramente mi ha fatto dubitare di alcune cose.

# 14

Gli struzzi non sono amichevoli. Correvo su questa strada secondaria con i miei cani e alla fine della strada prima di voltarmi per tornare di corsa c'era uno stagno. Avvicinandomi, vedevo apparire uno struzzo con un bambino piccolo e loro ci guardavano correre. Un giorno sto correndo e sento qualcosa dietro di me. Quindi mi giro indietro e vedo questo TRex che guarda lo struzzo che ci rincorre, iniziando ad avvicinarsi a noi. All'epoca correvo molto, quindi ho iniziato a tirare il culo. I miei cani pensavano che fosse un gioco, ma avevo visto cosa possono fare gli struzzi alle persone e non volevo farne parte. È a circa 50 metri dietro di me, guadagna rapidamente, è massiccio e sembra molto arrabbiato. Proprio in quel momento un camion verde arriva di lato dietro una curva e spinge lo struzzo via dalla nostra coda. Era il guardiacaccia locale e si è fermato a ridere a crepapelle. Sono stato molto grato perché ho pensato che fosse la mia ultima corsa. Si scopre che stavano lavorando per intrappolarli e portarli in soccorso di animali, ma finora avevano catturato solo il bambino. Decise di venire a controllare la trappola al momento giusto e vide la mamma protettiva che inseguiva il corridore che probabilmente pensava le avesse rubato il bambino. I Game Warden indossano molti cappelli. Questo era a San Angelo, TX.

Sfortunatamente, quando decidiamo di condividere questi sentimenti con gli altri, a volte sembrano esitanti a credere alla nostra esperienza. Sia che lo respingano completamente come fantasia o pensino che stiamo mentendo, può causare un disagio ancora maggiore a una persona. Botwin ha spiegato che queste situazioni si verificano perché le persone tendono a evitare qualsiasi sentimento che richiami paura.

"Spesso, le persone penseranno cose del tipo, 'Non è possibile che sia successo.' La gente non vuole pensare che esistano il male o i disastri. Molti prendono le distanze da queste storie perché non possono digerire i fatti senza entrare in uno stato di panico più intenso".

# 15

Sono cresciuto in una casa stregata. I miei genitori vivono ancora lì ancora oggi. Le esperienze più traumatiche della mia vita. L'unico ricordo in cima alla lista è quello che odio raccontare e raramente lo faccio. Mi svegliavo sempre nel cuore della notte e vedevo merda. Da quando ho memoria fino a quando mi sono trasferito a 18 anni. Una notte, avevo circa 6 anni, mi sono svegliato e ho visto un uomo e una donna, entrambi vestiti di bianco, la pelle più pallida mai vista, entrambi in piedi ai piedi del il mio letto che guarda fuori dalla finestra. La donna sembrava di statura media mentre l'uomo raggiungeva il soffitto. Ho cercato di convincermi che non era reale, che stavo sognando finché l'uomo si è voltato e mi ha guardato, i suoi occhi erano rossi. Mi girai di lato e mi coprii la testa, cercando di nuovo di convincermi che stavo sognando. Dopo qualche minuto ho guardato oltre le coperte e ora l'uomo era in piedi al lato del mio letto e mi guardava dall'alto in basso. Non ricordo niente dopo. Ho parlato con uno specialista quando ero più grande, pensando che forse soffrivo di paralisi del sonno a causa di queste esperienze ma non era così. In ogni esperienza, potevo muovermi e persino scappare dalla mia camera da letto più volte. Bei tempi.

Crediti immagine: bcdevv

#16

Quando avevo 7 o 8 anni ho appena finito di guardare un episodio di Most Wanted dell'FBI, poi sono uscito sulla veranda per fare delle bolle. Mentre stavo facendo questo, ho visto un ragazzo scappare dalla casa del vicino e nascondersi dietro alcuni cespugli con una pistola. Poi mi rendo conto di sentire le sirene della polizia avvicinarsi, prima che si fermino improvvisamente prima di arrivare nella mia strada. Il ragazzo mi guarda, fa il gesto "zitto", poi corre attraverso il nostro prato fino al cortile dell'altro vicino. Fino ad oggi, e giuro su Dio che è vero, ho riconosciuto la sua faccia come uno dei ragazzi di America's Most Wanted. Non ricordo chi, per quanto ne so, i poliziotti non l'abbiano trovato, e nessuno nella mia famiglia crede che sia successo. Ero congelato dalla paura / shock fino a quando non è scappato dalla mia vista, a quel punto sono tornato dentro e ho raccontato ai miei genitori quello che avevo visto. Non li biasimo per non avermi creduto, ma almeno quel giorno ho visto un criminale ricercato correre nel nostro cortile.

Crediti immagine: anon

#17

Sono stato rapito in una casa dall'amico di mio padre.

Per farla breve, l'amico di mio padre era senzatetto e mio padre lo lasciava dormire sul divano. Non ci ho mai pensato, ma andavo in camera mia con l'asciugamano addosso, ma di solito gli passavo accanto sul divano, questo sarebbe diventato un affare molto più grande in futuro. Questo ragazzo continuava a parlare delle sue figlie e di come voleva che le incontrassi, erano un paio d'anni più grandi (14-16) ma essendo un ragazzino ho pensato che avrei semplicemente incontrato nuovi amici. Ha vissuto con noi per un paio di mesi, finché un giorno mentre andava a scuola a piedi mi chiama dall'altra parte della strada. Ho vissuto probabilmente a 1,5 km da casa mia, ma un colpo dritto e una strada piuttosto trafficata. Ha finito per attirarmi in casa dicendo che le sue figlie vivevano lì e volevano incontrarmi. Mi ha letteralmente fatto fare un giro di questa casa, ma ho continuato a fargli domande come dove fossero e chi fosse la loro mamma. È sfuggito al fatto che stavano facendo la doccia nel seminterrato, all'istante ho sentito una brutta vibrazione e mi sono seduto sul divano in soggiorno, rifiutandomi di entrare nel seminterrato. Ho iniziato a farmi prendere dal panico perché vedevo l'ora e sapevo di essere in ritardo per la scuola. A questo punto fa notare che pensa che me lo stia addosso perché gli passo davanti con l'asciugamano, ero così sbalordito che ha semplicemente detto di no e gli ho detto che dovevo andare. Ha chiesto un abbraccio e mi ha massaggiato la coscia in modo sessuale, sono letteralmente corsa fuori dalla porta. Sono stato cresciuto alla vecchia maniera ed avevo così paura di finire nei guai che sono letteralmente tornato a scuola, quando sono tornato a casa ho detto ai miei genitori che non si rendevano conto di quanto fosse grave la situazione e hanno chiamato la polizia. Sono venuto a scoprire che non era nemmeno la casa di sua figlia, ha letteralmente fatto irruzione in una casa mentre andavo a scuola per attirarmi.

Anche se la polizia è stata coinvolta e il ragazzo ha letteralmente lasciato tutto ai genitori e non è più tornato anni dopo, i miei genitori hanno fatto amicizia con suo fratello e alla fine di nuovo con lui, e suo fratello continuava a negare che fosse successo e anche i miei genitori hanno iniziato a metterlo in discussione. LMAO

Ma a volte, le persone abbelliranno le loro storie perché temono che gli altri invalideranno o non crederanno a ciò che è loro successo, ha affermato Botwin. "Una volta che qualcuno ha attraversato un evento traumatico o che ha cambiato la vita, è più probabile che creda a un'altra persona che sta raccontando di aver attraversato un'esperienza spaventosa", ha aggiunto.

#18

Sono cresciuto in una casa stregata. Nessuno crede alla maggior parte delle stronzate che mi sono successe. Il massimo di tutto era che nessuno credeva che fossi stato strattonato fuori dal letto per le caviglie nel cuore della notte.

Crediti immagine: missrabbitifyanasty

# 19

Il mio bagno è strano. Una volta si è illuminato dall'esterno come se qualcuno avesse messo i fari sul finestrino. Lotti vuoti dietro di me e accanto a me. Nessuna fonte di luce esterna.

Stesso bagno: spesso trovo il cassetto del mobile in basso completamente estratto e sul pavimento. Dovrebbe essere sollevato dai rulli

Stesso bagno: il gatto ringhiava e stava impazzendo e faceva la posizione del gambo.

Crediti immagine: 25Hams

# 20

Quando avevo circa 4 e 5 anni vedevo costantemente cose strane nella mia camera da letto di notte. Ci sarebbero spesso ombre sul muro che parlano tra loro. È successo così spesso che li ho presi per eventi normali. Di notte vedevo ogni sorta di cose strane, ma le ombre erano una delle cose che vedevo più spesso.

Una notte in particolare stavo sognando di essere in un vasto paesaggio di dolci colline verdi. A punteggiare le colline c'erano strane creature di tipo bufalo. C'era qualcosa che non andava in loro. Sembravano innaturali, malvagi e leggermente mostruosi. Ho iniziato ad avere paura e mi sono svegliato. Sdraiato nel mio letto, mi sono girato e ho visto un'ombra cornuta sul muro direttamente sopra la mia porta. Ho cercato di ignorarlo e mi sono capovolto. Lo sentivo guardandomi e continuavo a voltarmi indietro sperando che se ne sarebbe andato, ma era sempre lì. Stava fissando e sorridendo. Dopo un po' non ce la facevo più, così ho iniziato a urlare per mia madre. Non appena è entrata, è svanito.

Non ho un buon modo per spiegare le cose che vedevo da bambino. Sembrava che spesso ci fosse una confusione tra il mio stato di sogno e lo stato di veglia, quindi potrei aver semplicemente avuto un'immaginazione molto attiva e strana al punto in cui avevo veramente allucinazioni su base regolare. Quando avevo circa sei anni ne avevo abbastanza delle cazzate, quindi ricordo di aver aperto la porta d'ingresso di casa nostra e di aver urlato "Vattene!" a tutto ciò che mi dava fastidio. Fu allora che le mie notti iniziarono a diventare più normali e alla fine non ho mai più avuto problemi con loro.

Crediti immagine: lacrima

Se leggere queste storie ti ha fatto sentire come se volessi avvolgerti in una calda coperta e non fare mai più un passo attraverso la tua porta di casa, ricorda la frase saggia che ci ha detto Forrest Gump: "La vita è come una scatola di cioccolatini, non si sa mai cosa otterrai." E Botwin è completamente d'accordo con questa linea di pensiero.

"Ci sono vantaggi nel vivere una vita imprevedibile. Se sapessimo sempre cosa sarebbe successo o potessimo prevedere il futuro, potremmo non essere in grado di apprezzare il momento e vivere la vita al massimo", ha concluso.

#21

Quindi non so se questo si adatta. Ma una notte, da bambino, ho sognato che io e i miei amici saremmo andati a cercare i gamberi (non è un grosso problema). In quel sogno abbiamo trovato gamberi di fiume che li portavano in secchi. Lo abbiamo fatto spesso. Ma nel sogno mio cugino è scivolato sugli scogli e si è fatto male al braccio. E mi sono svegliato. La settimana successiva uscimmo tutti e mio cugino scivolò sugli scogli e si ruppe un braccio. Mi ha spaventato per mesi.

#22

Ho molte storie perché faccio pulizie per le persone e mi diletto in pratiche pagane. Possono essere tutti piuttosto selvaggi, ma quello che la maggior parte delle persone ha più difficoltà a capire è stato assistito da me, madre e sorella. Questo è successo quando avevo 8 anni, quindi nel 1998, una piccola città dell'Alabama. La mia famiglia aveva comprato questa casa sul lago. Una vera festa infestata dai fantasmi, ma con il senno di poi, sai? Letteralmente il secondo giorno di trasloco, abbiamo sperimentato qualcosa. Inoltre, questo è avvenuto ben prima di qualsiasi tuffo nell'occulto. La mia famiglia era cristiana aconfessionale.

La casa era composta da 6 camere da letto, 4 bagni, disposizione superiore e seminterrato. Avevamo tutti le nostre camere all'ultimo piano. La mia stanza e quella dei miei genitori erano le più in fondo al corridoio. Mia sorella era vicina all'inizio, proprio di fronte al bagno. Quindi la sala non era lunghissima, ma mia sorella che aveva deciso di appendere alle pareti dai 14 ai 15 ritratti di famiglia. Variavano per dimensioni e peso.

Ora, nostra madre era in soggiorno, che è ciò su cui si apriva il corridoio. Quindi, non lontano e sicuramente in vista l'uno dell'altro. Papà se n'era andato, probabilmente al lavoro o qualcosa del genere. Ero nella mia stanza ad affiggere poster. Niente di straordinario ed era mezzogiorno.

Quando mia sorella ha finito di mettere le foto, è venuta a prendermi per mostrarmele. Era orgogliosa del suo lavoro. Eravamo proprio fuori dalla mia stanza a parlare quando all'improvviso ci siamo sentiti molto a disagio. L'atmosfera era cambiata. All'epoca non lo capivo, ma era solo pesante e difficile pensare in modo chiaro e respirare. Inutile dire che la nostra conversazione si fermò. Anche mia madre l'ha sentito e ha smesso di disfare le valigie. Si voltò a guardarci.

All'improvviso, abbiamo sentito e sentito questa adorazione del vento provenire dalla camera dei miei genitori proprio di fronte a noi, in fondo al corridoio. Tutte quelle immagini levitavano dal muro e fluttuavano a mezz'aria, riposando in posizione orizzontale, parallela al suolo. Abbiamo urlato e siamo corsi da nostra madre. Eravamo isterici come puoi immaginare.

La mamma ha detto che era spaventata, ma doveva essere mamma orsa e proteggere i suoi bambini. Disse con fermezza: "Smettila! Stai spaventando i miei figli!" Gli ha anche detto di andarsene perché non era il benvenuto qui.

Ora questa parte, non l'ho vista perché la mia faccia era sepolta nel fianco di mia madre mentre piangevo. Ha detto, le immagini sono tutte fluttuate verso il basso e si sono fermate nella loro posizione originale. Il soffitto sembrò alzarsi e allontanarsi all'improvviso. Anche mia sorella ha visto questo. Non ho idea di come altro spiegarlo. L'hanno sempre descritto solo in questo modo. Ma la casa è diventata normale e ancora una volta come se nulla fosse mai successo.

Mio padre non ci ha mai creduto, nonostante tutti e 3 l'abbiamo sperimentato. Onestamente, questa è stata la cosa più docile che abbiamo vissuto in casa. 7 anni di inferno che abbiamo sopportato lì.

Crediti immagine: dreamingdruidess

# 23

Una notte ho visto qualcosa accucciato sulla strada in giro. I suoi occhi brillavano quando i miei fari l'hanno acceso, quindi ho pensato che fosse un animale di qualche tipo, ma quando sono arrivato a circa 15 piedi da esso, si è alzato e sembrava una ragazza in piedi lì. Ho subito sbattuto i freni, ma all'improvviso la strada era deserta. Il mio amico in macchina non aveva visto nulla, ma qualche minuto dopo mi ha chiesto se sembrava una ragazza. Apparentemente aveva visto qualcosa di simile con sua sorella poche settimane prima nello stesso identico punto.

#24

Penso che io e i miei amici siamo stati quasi colpiti da un fulmine o da qualche fenomeno elettrico a Petawawa, in Ontario, quando avevo tra i 5 e i 7 anni. Fuori pioveva torrenziale, tuonava e molto umido. Ero pronto per entrare ma le mie amiche, due sorelle della mia età e più giovani che vivevano dall'altra parte della strada, erano bloccate fuori – credo che il loro fratello adolescente le avesse chiuse fuori per scherzo. Ero in piedi dall'altra parte del loro prato, discutendo di entrare o sedendo con loro sulla veranda mentre la sorella più piccola piangeva di paura a causa del tuono. Improvvisamente, un'enorme palla di luce bianco-bluastra scese dal nulla e sembrò colpire il prato tra di noi. Ricordo che sembrava che stesse girando a spirale o girando, come un super buttafuori. Sembrò rimbalzare da terra e poi scomparve. La sorellina ha urlato un sanguinoso omicidio ed entrambi hanno lasciato cadere gli ombrelli e si sono abbracciati. Corsi dentro casa mia. Ricordo di aver ancora visto la luce quando ho chiuso gli occhi e mi ha perseguitato per un bel po' di tempo dopo.

Esperti di fulmini o linee elettriche, mi piacerebbe sentire i tuoi pensieri. Il prato non sembrava danneggiato e mia madre pensa che fosse la mia immaginazione.

Crediti immagine: Its402am

#25

Che sono stato [aggredito sessualmente] 3 volte in un periodo di 2 settimane. Sembra inventato, ma vorrei che fosse vero

#26

Stavo sonnecchiando sul divano a casa dei miei genitori l'anno scorso. Non comodamente perché avevo freddo. Poi un'ondata di calore mi è passata sopra, il che è stato abbastanza piacevole finché non ho sentito queste punte delle dita ferme e appuntite sulla mia testa, come se qualcosa fosse in piedi dietro di me con le mani sul mio cuoio capelluto. Ero spaventato ma poi li ho presi e me li ho buttati via. Pochi minuti dopo è entrata mia madre e ha detto di aver sentito una porta aprirsi e di aver avuto la sensazione che avrebbe dovuto controllarmi. Probabilmente un sogno ma era super super inquietante.

#27

Sono rimasto bloccato in un sogno per quelli che sembravano giorni. Era come un eterno ora in cui ero stato per sempre, ma in qualche modo ero completamente consapevole che stavo sognando. C'erano persone che non ho mai visto ma le conoscevo bene e loro conoscevano me. Ho cercato di esclamare che stavo sognando e non è reale, cercando di svegliarmi. Tutto si svolgeva in una casa in cui non ero mai stato. Potevo scrivere così tanto, ma sarò breve. È stato orribile e ho sentito una paura primordiale basata sul pensiero che non avrei mai visto nessuno che conoscevo/amavo quando ero sveglio. Era come una paralisi del sonno, ma niente ghoul, figure oscure o facce scarne, solo pura paura. È come se la mia coscienza stesse prendendo un canale diverso e volessi tornare alla mia disperatamente.

#28

Quando ero piccolo, di tanto in tanto vedevo un uomo con un cappello a cilindro nel seminterrato della mia casa d'infanzia. Mia madre non mi ha mai creduto e mi ha detto che stavo immaginando le cose. Poi mi ha accusato di essere drogato quando ero un adolescente quando ho detto che l'avevo visto. Non l'avevo visto fino a quando non ero a Creta 15 anni dopo. La domanda aleggia nella mia mente ancora oggi, chi o cosa.

#29

quindi c'è questa leggenda locale che c'è un culto che pratica nel profondo dei boschi della mia zona. una notte, io e il mio amico abbiamo deciso di fare un'escursione nei boschi all'una di notte. ha detto che conosceva la zona, io no. non sorprende che ci perda. mentre girovaghiamo senza meta, sentiamo quello che suona come dozzine di voci che cantano tutte in una volta. immediatamente, la prima ipotesi è "abbiamo trovato il culto" perché questo è letteralmente come 2 miglia nel bosco fuori da questa strada che è in mezzo al nulla, senza case o altro per miglia. ci avviciniamo per indagare perché siamo dei veri idioti e questo coyote appare sul sentiero di fronte a noi. giuro che era una specie di cosa spirituale o qualcosa del genere perché è apparso letteralmente dal nulla. il mio amico si spaventa e gli lancia un gallone di latte (ha portato il latte con sé da bere… è uno strano lol). coyote scappa, decidiamo che probabilmente dovremmo ripensare alla nostra indagine, soprattutto considerando che probabilmente abbiamo fatto abbastanza rumore per allertarli comunque. racconto alle persone questa storia e loro la trovano divertente, ma non credo che nessuno mi creda davvero lol

Crediti immagine: lets_get_wavy_duuude

#30

Sono sceso nel seminterrato per fare il bucato, la stanza è diventata molto fredda all'improvviso e ho visto qualcuno camminare sulla soglia della lavanderia (viviamo da soli). Non ho mai trovato il ragazzo.

(Fonte: Bored Panda)