30 persone che sono tornate in vita condividono come si sente davvero la morte

La morte clinica è il termine medico per la cessazione della circolazione sanguigna e della respirazione, i due criteri necessari per sostenere la vita umana. Si verifica quando il cuore smette di battere a ritmo regolare, una condizione chiamata arresto cardiaco.

Tuttavia, nonostante il suo uso frequente, il termine "morte clinica" in realtà non ha un significato coerente. Nella maggior parte degli ospedali, il medico responsabile dell'assistenza di un paziente determina la morte e non ci sono linee guida universali su quando effettuare quella chiamata.

Non c'è da stupirsi che le esperienze di morte clinica abbiano catturato a lungo la nostra immaginazione con i pazienti che sono stati testimoni di una varietà di sensazioni insolite o addirittura mai sperimentate prima. Quindi, quando un Redditor chiamato APater6076 ha chiesto alle persone “che sono 'morte' e sono state resuscitate, qual è stata la tua esperienza? Hai visto luci intense? Niente? Ti ricordi qualcosa a riguardo?”, il thread è diventato subito virale. Accumulando 13,7k voti positivi e quasi 3k commenti, ci offre uno sguardo raro sull'incredibile corpo umano e sulle infinite capacità delle nostre menti.

# 1

Mio marito era in vita in coma, non ci si aspettava che ce la facesse e doveva essere riportato indietro più volte. Ero al suo fianco, oltre che sconvolto. Era di gran lunga la persona più "malata" in terapia intensiva, troppo malata per essere trasferita in un altro ospedale. Altre persone che avevano una famiglia in terapia intensiva si sono radunate per darmi supporto perché non sembrava davvero promettente per lui e il mio dolore era evidente. Una famiglia in particolare mi ha aiutato molto. Il nonno di quella famiglia ha subito un intervento chirurgico andato storto al piede, provocando l'amputazione del piede, seguita da un'infezione e poi dalla morte. Anche dopo la sua morte sua figlia è rimasta in terapia intensiva per aiutarmi. Quando finalmente mio marito si è fermato e si è svegliato, mi ha detto che stava camminando per i corridoi con un ragazzo a cui mancava il piede che gli ha detto che non era ancora il momento di andare e che sua figlia avrebbe aspettato con me finché mio marito non si fosse svegliato ma doveva svegliarsi presto.

Crediti immagine: curly_who

#2

Un nero molto caldo. Non era freddo o spaventoso. Molto calmo e sereno. Il miglior pisolino che abbia mai fatto. Cinque stelle su cinque, non ha fretta di rifarlo ma di certo non ha paura di morire quando sarà il momento.

Ora l'intervento al cuore che ho subito dopo essere stato rianimato, è stato doloroso e terribile, quindi non consiglio l'insufficienza cardiaca. Zero stelle su cinque.

Crediti immagine: _addycole

#3

Ricordo di essermi sentito più in pace che abbia mai sentito in vita mia. Ho visto colori che non potevo iniziare a descrivere e mi sono sentito caldo. Ricordo di aver sentito mio nonno in mano e di aver sentito "non è il tuo momento. Devi tornare indietro"

Ciò era dovuto a un tentativo di suicidio nel 2019 in cui ero saltato da un parcheggio a 3 piani. Non sono sicuro di come non sono rimasto paralizzato, ma credo di aver rotto la parte "migliore" della mia spina dorsale

Crediti immagine: Historical_Rabbit_58

#4

Da quello che posso ricordare (avevo 16 anni), ho subito una grande operazione e non sapevamo di essere mortalmente allergico alla morfina.

è stato il "sonno" più tranquillo che abbia mai avuto in tutta la mia vita, sembrava nient'altro che qualcosa, sai?

Ricordo vividamente di aver visto qualcuno resuscitare da un altro punto di vista, ma avrei potuto inventarlo.

Mi sono svegliato con mio padre che mi teneva per mano dicendo che mi avevi spaventato a morte.

Un paio di anni dopo mio padre ha avuto la stessa esperienza dopo un'operazione e gli è successa la stessa cosa che a me è successa, si è svegliato (non potrei essere più grato di aver detto quelle parole) e dopo che gliel'abbiamo detto mi ha preso la mano e ha detto " ti ho ripreso"

Crediti immagine: Bobbacata12

#5

Non il mio ma mio padre, ha avuto l'appendicectomia al più alto rischio possibile, essendo diabetico, dopo aver aspettato 3 giorni per un dolore addominale "ho appena mangiato qualcosa di brutto", disidratato, lo chiami. È stato portato d'urgenza in ospedale dopo che non poteva più camminare.

L'ha descritta come una calma calda e oscura, come immergersi in una pozza calda che ha riempito ogni parte del suo corpo fino alle ossa, ha detto che ha sentito lentamente come tutte le preoccupazioni svanite e si sentiva completamente felice ma nostalgico, ha anche detto che poteva sentire il voce del chirurgo che lo chiamava "torna, non andare" ma sentiva che era fastidioso. Dopo un po' si rese conto che stava morendo, così "si aggrappò alla vita" e disse che si sentiva come se fosse stato spinto fuori dal calore verso una fredda sofferenza in cui sentiva dolore, ansia e una grave nostalgia di ciò che aveva appena vissuto.

Dopo essersi svegliato dall'anestesia ha pianto perché ha detto che voleva davvero andare, ma si è aggrappato fortemente alla vita perché gli mancheremmo noi, i loro figli.

Crediti immagine: Rholicious

#6

Mi sentivo come se fossi andato a dormire. (Ho avuto un attacco epilettico correlato all'astinenza da alcol e mi sono svegliato nel letto d'ospedale, mi è stato detto che il mio cuore si è fermato per 8 secondi) Anche se l'unica cosa che "ricordo" è questa sensazione che il peso del mondo si è sollevato dalla mia spalla. È stata una sensazione così indescrivibile, ma era come se tutto ciò che mi interessa e/o mi preoccupo fosse così insignificante nel grande schema delle cose. Rende meno spaventoso il pensiero di morire un giorno

Crediti immagine: MuluLizidrummer

#7

Ho preso un'overdose di fentanyl qualche tempo fa e stavo svanendo dentro e fuori, ma tutto ciò che ricordo era un senso di completo nulla. Nessun ricordo lampeggiante, nessuna luce brillante da seguire, niente. Ripensandoci mi sentivo quasi in pace. Ma svegliarsi subito dopo l'overdose è stato puro panico al pensiero di quasi morire lol. Sono contento di essere pulito da quasi 2 anni adesso.

Crediti immagine: Taraeky

#8

Non si tratta di me ma di mia moglie, e lei non è stata riportata indietro, ma ho comunque voglia di condividere.

Mia moglie è morta la scorsa settimana. Aveva combattuto contro il cancro per oltre un anno ed era oltre il trattamento. Quando ha avuto la polmonite ed è finita su un ventilatore per quasi una settimana senza alcun reale miglioramento, sapevamo che dovevamo lasciarla andare.

Quello che è successo dopo è stato orribilmente traumatico per tutti noi che eravamo presenti, ma una cosa mi fa meravigliare.

L'hanno tolta dal ventilatore e ha continuato a respirare da sola per 5 ore, ma i respiri erano irregolari e tesi soprattutto nelle ultime ore o due. Verso la fine è diventato molto chiaro che l'avremmo persa presto.

Lascia che ti dia un piccolo background prima di arrivare alla fine. Per un paio di giorni ogni tanto apriva gli occhi, ma non erano molto aperti, e fissava semplicemente davanti a sé, come se non stesse davvero vedendo nulla.

Quindi circa 10 minuti prima di morire ufficialmente, aprì completamente gli occhi e guardò dritto verso il soffitto. Pochi minuti dopo li richiuse, il suo respiro divenne sempre più lento e alla fine si fermò.

Non posso parlare di ciò che ha visto ovviamente, ma ha sicuramente visto qualcosa lì. Mi piace pensare che sia stato qualcosa che le ha dato pace perché alla fine si è arresa e si è lasciata andare.

#9

Mio figlio ha detto di essere salito su una scala blu su una barca, ma poi sono venuto a prenderlo. È piccolo però.

Crediti immagine: RileyTheCoyote

# 10

Ho avuto un taglio cesareo d'urgenza.

Quando hanno iniziato a tagliarmi, potevo sentirlo, quindi mi hanno messo una maschera sul viso e sono caduto quasi immediatamente.

Mentre ero fuori, mi sentivo come se fossi senza peso e non io, ma il mio tipo… non so… energia? Come se stessi fluttuando in un labirinto e le pareti di questo labirinto dove un bianco morbido e luminoso. C'erano immagini e voci oltre le mura. Erano familiari e volevo fermarmi ad ascoltare, ma mi muovevo in questo labirinto, incapace di fermarmi. Non ci ho provato davvero, però. Stavo solo rifluendo e scorrendo lungo.

Improvvisamente mi sono sentito molto, molto triste… Sapevo di essere morto ed ero triste perché non avrei visto il mio bambino o cresciuto. Poi c'è stata una voce, non ricordo se era maschio o femmina, ma cercava di calmare e lenire e farmi sapere che andava tutto bene e di non preoccuparmi.

Poi ho sentito il mio nome essere chiamato. Era la voce di mio marito. E poi quello di mia madre. E poi un'infermiera. Mi hanno chiesto il mio nome e la data e se sapevo dov'ero. Per la mia vita non potevo aprire gli occhi, anche se mi sentivo come se stessi cercando di farlo. C'era una porta o una finestra molto, molto luminosa, proprio di fronte a me.

Continuavo a chiedere a mia madre e mio marito di chiudere le tende o chiudere la porta. Ma erano confusi. Dissero che non c'erano né finestre né porte, solo un muro bianco. Ho chiesto loro di spegnere le luci, perché era troppo luminoso. Hanno detto che le luci erano soffuse.

Ho insistito perché chiudessero le tende e/o la porta, per favore. La luce mi dava davvero, davvero fastidio. Venite a scoprire che, una volta che sono riuscita ad aprire completamente gli occhi, non c'erano né porte né finestre, proprio come avevano promesso. Era solo un muro bianco.

Comunque io e il bambino stiamo bene, ma mio marito mi ha detto che dovevo essere rianimato durante il cesareo perché "mi hanno perso".

Crediti immagine: ChaoticInsomniac

# 11

Morire fa male, ma la morte stessa è molto pacifica. 9/10, sarebbe morto di nuovo

Crediti immagine: SocratesScissors

# 12

Ha avuto un brutto episodio di allergia, è scivolato in shock anafilattico.

Molto debole, molto poco controllo sulla funzione motoria e molto difficile parlare ma poteva sentire molto chiaramente.

Quando ho capito quanto fosse brutto, ho iniziato a sentire molto freddo abbastanza rapidamente. Più o meno nello stesso momento tutto iniziò a svanire.

Per un breve momento le cose furono confuse/confuse, ma molto rapidamente sbiadirono nel nero. Era un nero calmante, decisamente non ansiogeno (che era già successo) e solo un pacifico tipo di "nulla".

Niente fuori dal corpo, niente visioni, niente luce… Solo oscuro "nulla".

È arrivato dopo quelli che sembravano 20 secondi, ma il dottore dice che in realtà erano più come 20 minuti. Prob più a lungo da quando ho visto un membro della famiglia che non ha fatto il viaggio con me, l'ufficio era a 30 minuti di auto da casa.

Modifica del messaggio:

È pazzesco quante esperienze simili siano in linea con la mia – ho solo pensato che fosse semplice e noioso, lol. Una lettura interessante dopo la pubblicazione.

Tanto vale aggiungere ciò che altri avevano detto: è stata un'esperienza sorprendentemente indolore.

E come mi ha cambiato – sicuramente non ho più paura dell'atto di morire. Ma ora ho una maggiore paura di lasciare indietro i miei cari. È stato uno strano tipo di cambiamento di equilibrio.

Crediti immagine: zarjaa

# 13

Un vecchio amico me lo ha descritto dopo un OD. Dissero di aver visto ogni singolo colore tutto in una volta e di aver sentito ogni singolo suono armoniosamente. Dissero che era per lo più un'esperienza indescrivibile e surreale, così bella ma inquietante. Questa è sicuramente una parafrasi minimizzata, ma la loro esperienza mi ha sempre affascinato.

Crediti immagine: saeturelskan

# 14

Mi sembrava di tornare a casa da un lungo viaggio. Sembrava più familiare di questa "realtà". La coscienza ha lasciato il mio corpo, stavo guardando me stesso dall'alto in basso. Mi sentivo come se fossi diventato il mio sé più alto/più vero/più puro e fossi pieno fino all'orlo di amore per me stesso e per tutto il resto. Ha curato la mia depressione clinica resistente al trattamento di 11 anni e ha riacceso la mia voglia di vivere. Durante l'esperienza mi sono chiesto "come siamo arrivati ​​qui".. riferendomi all'inconscio/morto io seduto sulla sedia e istantaneamente ho visto la mia vita balenare davanti ai miei occhi e ho visto come ero diventato depresso e le storie in cui credevo e aderito a ciò mi tenne in quel luogo oscuro. Mi sentivo anche come se potessi scegliere se tornare o meno… e appena ho detto SI! – Mi svegliai; trasformato.

Successivamente ho iniziato a digiunare per scopi spirituali (e ho perso 80 libbre in 8 mesi) e ho iniziato a meditare (2-6 ore al giorno) e oggi mi sento una persona completamente nuova e continuo a sentirmi meglio ogni giorno con lo yoga e le altre pratiche che ho hanno adottato. Ho anche dedicato gran parte della mia energia a esplorare/comprendere NDE/ADE/esperienze mistiche e il loro potenziale trasformativo e spero di diventare uno psicoterapeuta assistito da psichedelico per aiutare gli altri che potrebbero trovarsi in situazioni simili a quelle di una volta – senza rischiare la vita (attraverso sperimentare la morte dell'ego/disintegrazione positiva/incontro con Dio).

Crediti immagine: bhappyy

# 15

Mia nonna, morta nel 2014, ha avuto un'asma grave per tutta la vita e ha raccontato questa storia più di una volta.

Stava guardando la TV sul divano e un giorno si è addormentata e si è svegliata con un attacco d'asma che non dava segni di cedimento. Inoltre, il suo inalatore era dall'altra parte della stanza. Mentre tossiva e ansimava, alzò lo sguardo e vide una figura in piedi nell'angolo opposto della stanza. È sicura che fosse la Morte.

Nana, impertinente com'era, ha detto "Non sono ancora pronta, vaffanculo!"

E poi ha trovato la forza di strisciare e afferrare il suo pesce palla.

Non sono sicuro se fosse reale o un'allucinazione, ma è stata una grande storia.

#16

Sono sopravvissuto a un tentativo di suicidio. Nel momento in cui mi sono svegliato mi è sembrato di essere trascinato dal posto più bello, sereno e pacifico che sia mai esistito in questo mondo. Era caldo e accogliente, davvero a suo agio e in pace. Ho avuto un'esperienza molto simile durante una sessione di terapia con sostanze psichedeliche.

Crediti immagine: BruceTheHoon1

#17

Sono stato ucciso a testa in giù con una semifinale. La realtà si è trasformata in vibrazione e sono stato risucchiato fuori se si sono ritirati dal mio cranio. Mi sono trovato in un vuoto completamente a mio agio e in pace e sapendo benissimo di essere morto. Sono passato attraverso un po' di una revisione della vita in cui molte cose mi sono balenate nella mente e in seguito ho visto la luce. Nel mio caso però la luce era in realtà quella che i miei occhi vedevano dal mio cadavere accasciato… Ho visto il mio telefono sul pavimento del mio camion e ho pensato che volevo arrivare al telefono per dire addio a mia moglie e bambini e quando avevo quel pensiero sono stato attirato nella luce e di nuovo nel mio corpo. Sono un ateo, il che rende l'intera esperienza un po' fottuta per me. Mi aspettavo il nulla dalla morte, che è esattamente ciò che ho ottenuto, ma ne ero ancora consapevole, cosa che non mi aspettavo. Ad ogni modo, ho sofferto per 8 anni di fila per aver resistito. Abbraccerò la morte la prossima volta.

Crediti immagine: Sarpanitu

#18

Non sono in alcun modo religioso o spirituale per la maggior parte, ma quando ho cercato di uccidermi a 19 anni per overdose, a quanto pare sono morto 2 volte in ospedale. Ricordo vividamente una luce bianca brillante e in lontananza 2 ombre, 1 più alta dell'altra, quella più alta con un cappello a tesa larga. Bene, da quello che ho potuto vedere nella silhouette. Senza muoversi in alcun modo, era come se stessero gettando ricordi direttamente nel mio cervello e li stessi ricordando solo che non erano i miei ricordi. Cose che non avevo mai visto prima, momenti in cui non avrei potuto essere in giro, ecc. l'ho descritto in seguito a mia madre che ha detto che i suoi genitori (che non ho mai incontrato perché sono morti quando ero un bambino) corrispondevano alla descrizione. Suo padre indossava sempre quello stile di cappello. E i mobili che ho descritto in questi ricordi che mi sono stati dati corrispondevano a quelli che avevano nella loro casa. Era quasi come se mi stessero lanciando ricordi, tutto ciò che era rimasto, per impedirmi di venire alla luce. Allora non avevo uno scopo nella vita. Ora ho una figlia e la vita ha perfettamente senso per me grazie a lei, quindi sono felice di essere ancora qui. Non ci penso per niente in questi giorni, ma questo post me lo ha ricordato.

Crediti immagine: HBDMT

# 19

Qualcun altro crede nell'aldilà? O che puoi contattare i morti attraverso i sogni? Sono stato educato religioso, e anche se non sono più tanto religioso, questi sogni che ho vissuto mi danno un senso di speranza, che non “scompariamo mai” del tutto.

Il padre di mia mamma (nonno) è morto. Circa 8 mesi dopo, mi sono svegliato da un sogno in cui mio nonno era tornato. Sogno: tutta la mia famiglia era seduta fuori, era un pomeriggio d'estate e stavamo facendo un barbecue. Mio nonno era seduto, circondato da tutta la famiglia, a spiegare quanto sia pacifica la morte. Ha scherzosamente menzionato di aver incontrato un attore famoso che era anche morto (non ricordo il nome degli attori ora). Mi ha detto che mi amava e che gli mancavo. Ho detto "nonno, sono così felice che tu sia tornato". Mi sono svegliato da quel sogno e ho pensato "hmm, era strano". Mentre guidavo per andare a scuola, ho detto a mio padre "ehi papà ho fatto il sogno più strano sul nonno la scorsa notte", e poi mio padre ha detto "anche io?". Ed ecco la parte strana… ha descritto il sogno ESATTO che avevo, parola per parola. Stessa posizione, persone, ecc. Ha detto che sapeva che era nonno dal modo in cui scherzava sull'attore – aveva ancora il suo stesso umorismo. Eravamo così scioccati. E quello non è nemmeno suo padre, è quello di mia madre.

Anche mio padre ha fatto un sogno su suo padre che era morto. Stavano guidando lungo una vecchia strada di campagna e suo padre ha detto “tu sei l'unico che può vedermi. Tutti gli altri possono solo sentirmi".

Più tardi quel giorno, sua madre lo chiamò e gli disse “sai cosa c'è di strano? Ogni volta che sogno tuo padre, non posso mai vederlo, posso solo sentirlo?"

????? Coincidenza o meno, questo mi ha sicuramente dato una nuova prospettiva sull'aldilà.

# 20

Non io, ma mio padre. Aveva 15 anni, mentre stava andando a una partita di basket con la sua squadra del liceo, quando un guidatore ubriaco ha girato l'angolo e ha colpito il loro autobus. L'autobus si è ribaltato e la testa di mio padre è rimasta fuori dal finestrino, incastrata tra il guardrail e l'autobus. Apparentemente la sua testa ha lasciato un'ammaccatura nel guardrail, che da allora è stato sostituito.

Descrive lo scenario stereotipato della "luce intensa". Ha visto una luce bianca e spiega di aver sentito le voci dei suoi cari defunti che gli dicevano che non era il suo momento di passare. Il suo ricordo successivo fu il risveglio in ospedale. Ha subito diversi interventi chirurgici per riparare le ossa rotte della sua faccia. A quel tempo, gli fu anche detto che non avrebbe riguadagnato l'uso di una delle sue braccia, che era paralizzata. Tuttavia, riuscì a riprenderne l'uso.

Se lo vedessi di persona oggi, non avresti idea che gli fosse successo qualcosa del genere. A parte qualche lieve trauma psicologico e occasionale dolore al collo, si è rivelato del tutto normale. Sono fortunato ad essere qui.

#21

Ho fatto un'overdose di Ativan dopo la morte di mio figlio. Il mio cuore ha perso il ritmo giusto per sei minuti e ho dovuto essere scioccato.

Ricordo una foresta, dove il tempo non c'era e mio figlio c'era. Mi ha detto che ha sempre saputo che lo amavo (in vita era non verbale) e lui e io abbiamo trascorso abbastanza tempo lì perché diventasse adulto. Sono sicuro che molti di questi sono stati gli effetti dell'Ativan, ma ho avuto una pace così completa quando mi sono svegliato. Dopo di che ho finito con i tentativi di suicidio per la sua morte.

Era informato dalle mie convinzioni? Non so. Ma ho ottenuto la chiusura di cui avevo bisogno. Ed è tutto ciò che conta davvero.

#22

Sono stato defibrillato due volte a causa di una tachicardia (quando il tuo cuore batte estremamente velocemente e non pompa il sangue in modo efficace). Entrambe le volte ricordo di essere stato estremamente spaventato e poi mi sono sentito come il peggior destino imminente, poi quasi come svenuto e mi sono sentito come la sensazione più calma di sempre. Non ricordo di essere tornato dopo essere stato defibrillato in modo abbastanza strano. Ho avuto molto disturbo da stress post-traumatico dall'evento e onestamente mi chiedo se il mio cervello abbia appena cancellato quella parte.

Crediti immagine: DigitalAndrew

# 23

Ho subito un intervento a cuore aperto quando avevo 18 mesi. Il mio primo ricordo in assoluto che ho è quello di un calore, come quello di un oppiaceo, che fluttua attraverso una galassia dai colori vividi e belli. Per lo più oscurità. Non provavo solitudine, nessun dolore, solo pura gioia incondizionata.

Fino a leggere questi altri commenti ho pensato che la mia memoria fosse solo una cosa inventata che avevo immaginato quando ero un ragazzino, o una malattia mentale. Forse sono morto durante il mio intervento chirurgico a cuore aperto e non me ne è mai stato detto. Immagino che non lo saprò mai.

#24

Ho già sperimentato una NDE. Avevo 19 anni. Mi sentivo come se stessi fluttuando, quasi come se stessi volando. Potevo sentire me stesso allontanarmi sempre di più dal mio corpo fisico. Ricordo vagamente persino di aver guardato indietro, di vedere il mio corpo immobile sotto di me. Poi ho continuato a fluttuare più lontano, mi sono sentito così calmo. Se potessi descrivere come si sente la vera pace, sarebbe quello. La mia vita non è balenata davanti ai miei occhi. Non ho rivissuto nessun momento o ricordo. Ma sapevo solo che stavo morendo. Anche così, mi sentivo ancora così calmo.

Questa parte potrebbe essere la mia immaginazione ma… all'inizio ricordo la completa oscurità. Poi un tunnel. Il tunnel è stato avvolto dall'oscurità. Più scendevo nel tunnel dell'oscurità, poi immagino, sì, ho visto una luce brillante dall'altra parte. Ma non pensavo che fosse leggero ma più simile al calore. Quando mi sono avvicinato al calore, è stato allora che ho iniziato a fluttuare via, ho guardato indietro per un secondo il mio corpo, poi sono volato più in alto tra le nuvole. Mi sembrava di andare tra le nuvole… semplicemente allontanandomi, più in alto e lontano dal mio corpo.

Quando finalmente sono stato completamente circondato dalle nuvole e non c'era più oscurità, è stato allora che ho sentito una voce. Mi ha detto "Non è il tuo momento. Devi tornare indietro". Ricordo di aver risposto con "No. Non farmi tornare indietro. Voglio restare qui. Sono finalmente a casa". E la voce continuava a ripetersi "Non è il tuo momento. Devi tornare indietro". Continuavo a dire che non volevo tornare indietro e poi ho sentito qualcosa che mi spingeva. Mi sono sentito cadere, veloce. Poi mi sono svegliato tossendo, quasi soffocando per l'aria. Mi faceva male il petto. Sembrava che qualcuno mi avesse preso a pugni allo stomaco e il vento mi avesse tolto di dosso. Ho anche sentito freddo. La luce calda e la sensazione di calma ora erano scomparse, ma è qualcosa che non dimenticherò mai. Inoltre, anche se la voce mi ha detto che non era il mio momento, mi sono sentito anche così tranquillo. Per niente maleducato né polemico. Solo… rassicurante e calmo. Vera Pace

#25

Sono morto dissanguato dando alla luce mio figlio. È stata un'esperienza pazzesca. Ho perso conoscenza e ricordo il panico. Ho vissuto una vita nel tempo in cui non c'ero, una vita piena, con i miei figli. Era molto pacifico e affettuoso, come una calda coperta felice. Sono tornato con mio figlio al seno. Stavano cercando di farmi contrarre l'utero nutrendolo per ridurre l'emorragia. Aveva ceduto durante il parto e l'avevo respinto con pura volontà e senza contrazioni perché era bloccato e stava morendo.

Crediti immagine: begra23

#26

Sono stato messo in coma quindi non è lo stesso ma è stato bellissimo. Oscurità e pace senza fine. Solo pace. Nemmeno un senso di sé. Solo un'incredibile sensazione di pace e sicurezza. Nessun dolore, niente di niente. Vorrei davvero poter tornare indietro.

#27

Mi sono avvicinato due volte. La prima volta avevo circa 9 anni e ho avuto un enorme colpo di calore in una fiera. Mi sono messo accanto a me stesso e ho osservato due donne che sapevano cosa mi stava succedendo e cosa fare. Ricordo di aver pensato che fosse leggermente interessante e di aver pensato "Eh, ecco come sembro". Non c'era preoccupazione o paura, ma non era nemmeno particolarmente importante. È solo leggermente interessante essere temporaneamente morto. Quando sono tornato in giro mi chiedevo perché tutti mi guardassero così com'erano, essendo un bambino pensavo fossero tutti arrabbiati con me quindi ho tenuto quello che era successo a me stesso.

La seconda volta è stata quando la mia appendice è scoppiata. Ero un adulto e avevo quell'oscurità che era calda e avvolgente, solo la vera pace. Poi ero nel mio soggiorno seduto sul divano, molto comodo e contento. Non era nemmeno una versione da sogno del mio soggiorno, era tutto come l'avevo lasciato quando è arrivata l'ambulanza. Lisce le cuciture dei braccioli del divano, quella macchia sul tappeto che non riesco a togliere, l'orologio che ticchetta un po' troppo, roba che il tuo cervello non ricreerà mentre sogni.

Mio nonno era lì e gli ho parlato brevemente prima di rendermi conto che era morto da due anni. Non provavo un senso di preoccupazione, solo una consapevolezza di fatto che ero in una sorta di guaio. (Il cielo è azzurro, l'acqua è bagnata, sto morendo) Gli ho detto che qualcosa non andava in me e non pensavo che sarebbe stato bene. Mi sorrise e mi disse che sarebbe andato tutto bene. Poi mi sono sentito come se avessi uno di quei sogni che cadono, ma la versione più estrema che puoi immaginare.

Posso dire con certezza che l'oscurità è molto invitante. È come essere svegli per 48 ore, durante un viaggio in macchina con l'influenza e poi finalmente potersi arrampicare nel proprio letto a casa. Il resto potrebbe essere stato solo il mio cervello che ha acceso tutti i cilindri e mi ha dato qualcosa di carino per facilitare la transizione o avrebbe potuto essere reale. Non lo so, forse quello che mi aspetta forse non lo è. Non è spaventoso però. Tutto ciò che è proceduto lo è, ma l'atto stesso non è nulla da temere.

#28

Sono stato coinvolto in un grave incidente stradale sette anni fa. Il cruscotto crollò all'indietro nelle mie gambe, spezzandole e recidendomi una delle arterie. Sono morto per poco tempo per perdita di sangue. Ho sentito un calore confortante e una pausa tanto necessaria da tutto il dolore. Tuttavia, fu di breve durata e all'improvviso fui riportato alla realtà e al dolore. In seguito mi è stato detto che ero morto da quasi tre minuti prima che avessero il polso di nuovo.

Crediti immagine: Drawmaster63

#29

Ho avuto un grave incidente d'auto nel 2011. Sono svenuto completamente al primo impatto e mi sono svegliato più tardi. Non so quanto tempo è passato mentre ero svenuto, ma mi trovavo su una strada di campagna a circa un'ora di distanza da qualsiasi parvenza di città.

Dopo essermi svegliato inizialmente, non riuscivo più a respirare. Tutto il mio corpo e la mia faccia mi facevano male. Ho provato a scendere dall'auto e subito sono svenuto di nuovo. Da quello che mi è stato detto in seguito, questo è quando sono “””morto”””.

Era proprio come dormire. Nessun dolore. Nessuna luce brillante. Solo calore e pace. Ero dentro e fuori i sensi durante il lungo viaggio verso l'ospedale. Ho subito costole rotte, collo e schiena, oltre a danni agli occhi. Ma il dolore peggiore è stato avere la testa legata a un blocco di plastica dura per l'intera durata del viaggio in ambulanza. Era solo un dolore intenso e sgradevole alla nuca.

Ero praticamente cieco quando sono arrivato in ospedale, ma ricordo in particolare che si sono tolti la maglietta e hanno applaudito/congratulato con me. Apparentemente c'era un livido nodoso sul mio petto dalla cintura di sicurezza, ed erano semplicemente felici che ne indossassi una. Stavo guidando l'autostrada 94, che è una pericolosa strada di campagna, e molti abitanti del posto non hanno le cinture di sicurezza lì, perché di solito c'è un'attività di polizia minima.

Crediti immagine: MrDrProfessorPhd

#30

Non io, ma mia moglie ha avuto un tumore al cervello che è stato (per lo più) rimosso 5 anni fa, ed è morta ed è stata rianimata durante l'operazione. Dopo che si è svegliata e ha potuto comunicare, le ho detto che era morta ed era tornata e le ho chiesto se avesse avuto strane esperienze. Fu sorpresa e disse che non ricordava nulla.

Ma sua madre era lì nella stanza d'ospedale e le disse che l'unico motivo per cui viveva era perché gli spiriti della zia e della nonna defunte erano stati in sala operatoria per aiutarla. Nel giro di pochi giorni ha detto che ricordava di aver visto sua zia e sua nonna nella stanza. Pochi giorni dopo si ricordò di sua zia e di sua nonna che la incoraggiavano a tornare in vita. Questa è la storia ufficiale che chiunque ottiene quando mia moglie ne parla, ma sono sicuro al 99% che è solo il potere della suggestione che le ha fatto cambiare la storia.

(Fonte: Bored Panda)