30 incontri incredibilmente strani con sconosciuti casuali che queste persone non possono dimenticare

Quando scommettiamo, c'è sempre la possibilità di una perdita. Non importa quanto siano buone le probabilità, nella vita nulla è certo. (Beh, forse a parte la morte e le tasse.) Quindi, quando scommettiamo sull'incontrare qualcuno di nuovo, dobbiamo capire che potrebbe non funzionare.

Interessato all'amara fine della socializzazione, Redditor confoozulment ha chiesto ad altri utenti della piattaforma: " Qual è l'interazione più strana che hai avuto con uno sconosciuto a caso? " e ​​hanno ricevuto molte storie imbarazzanti, inquietanti e persino inquietanti.

Abbiamo pensato perché non dare un'occhiata a questa discussione online; forse ci insegnerà come affrontare l'imprevisto. Per aiutarci a dare più senso, abbiamo anche contattato l'autore del post e Arjen Stolk, Ph.D. , che è un assistente professore al Dartmouth College, dove dirige il Mutual Understanding Laboratory .

# 1

Breve background: vengo dal Regno Unito, sono un alcolizzato in via di guarigione (quasi 4 mesi da sobrio ora) e mi sedevo in questo rifugio sulla spiaggia di notte dopo il lavoro e bevevo 8-10 birre. Una notte è venuto questo ragazzo con in mano un bicchiere di vino e ha iniziato a chiacchierare con me a caso. Ha detto che la mattina passa regolarmente davanti a quel rifugio, raccoglie le lattine di birra vuote e le getta. In pratica mi ha fatto ammettere che ero io, conosceva il mio nome e dove avevo comprato le birre. All'inizio questo mi ha spaventato, ma si è scoperto che stava ritirando le ricevute che avevo lasciato lì che avevano il mio nome e l'ubicazione del negozio a causa della mia tessera club.

Ad ogni modo, in pratica ha continuato chiedendomi perché ho bevuto così tanto e se c'era qualcosa che era successo nella mia vita per farmi vivere in quel modo. Per qualche ragione gli ho raccontato alcuni degli oscuri segreti del mio passato che mi hanno fatto girare per bere. Si scopre che era un poliziotto, e non un poliziotto qualsiasi, ma quello che ha arrestato Roy Whiting (l'assassino di Sarah Payne) e dopo un po' di conversazione mi ha raccontato di sé e di quello che mi ha detto lo farò non dimenticare mai. Ha detto "Ho 4 figli e non si sa mai, potresti essere il numero 5" e questo mi ha colpito duramente. Uno sconosciuto a caso ha appena deciso di parlarmi e di offrirmi un amore che in qualche modo sapeva che non mi era mai stato dato. Bene, avanti di un anno o giù di lì e non bevo più, rimaniamo in contatto su Facebook e ogni volta che lo vedo in giro ci abbracciamo e ci aggiorniamo. Mi fa sempre un segnale acustico quando passa di lì. Grazie, Paolo.

Crediti immagine: MrJingles_92

Il dottor Stolk ha detto a Bored Panda che, supponendo che non ci siano fattori patologici, la probabile ragione per cui così tanti di noi hanno il terrore di avviare una conversazione con uno sconosciuto è che dobbiamo ancora costruire un contesto condiviso con loro, e questo limita il nostro comunicazione.

Per illustrare ulteriormente il suo punto, il dottor Stolk ha offerto una citazione dal suo recente articolo in Psychology Today: "Quando produciamo parole e altri comportamenti durante una conversazione, non stiamo solo trasmettendo informazioni. Stiamo implicitamente usando quei comportamenti come strumento per organizzare e allineare i nostri pensieri l'uno con l'altro nella misura in cui formano un contesto condiviso. Questo si vede in come "che taglia?" di un barista costituisce più di una contro-domanda relativa alla quantità, trasmette inoltre la capacità e la volontà di elaborare il nostro ordine di caffè, consentendoci di aggiornare il nostro contesto condiviso con tale conoscenza. Considerando l'attuale contesto condiviso, possiamo rapidamente concentrarci sui dettagli rilevanti e possibili interpretazioni delle reciproche espressioni, come quando implicitamente deduciamo che il barista non sta chiedendo la nostra misura di scarpe."

Senza un contesto condiviso, il dottor Stolk ritiene che "le possibilità siano ancora più aperte del solito, rendendo la sfida di selezionare un'apertura appropriata più scoraggiante".

#2

Immagino non sia davvero strano, ma è rimasto nella mia mente per oltre 10 anni.

Mi ero appena trasferito dall'altra parte del paese per lavoro. Dopo un paio di mesi lì, la mia bisnonna è morta poco prima del suo 101esimo compleanno. Ho preso un volo di prima mattina per il mio stato di origine. La signora accanto a me probabilmente era prossima all'età della pensione.

Non stavo piangendo, ma stavo solo per conto mio come si fa quando si viaggia con le cose in mente. Una volta che siamo stati in grado di abbassare i nostri vassoi, ho lasciato cadere il mio e ho appoggiato la testa e le braccia sul vassoio, e ho semplicemente guardato le luci della città fuori dalla finestra. Per quasi l'intero volo, questa donna ha iniziato a massaggiarmi la schiena e mi ha detto che sarebbe andato tutto bene.

Normalmente odio essere toccato e onestamente non cerco conforto molto spesso. Ma quella è stata una delle cose più confortanti che siano mai successe, e ho semplicemente lasciato che accadesse. Così sano strano immagino.

Crediti immagine: wystful

#3

Quando avevo 30 anni, ho combattuto con la spada con un ragazzo di circa 11 o 12 anni in un Rite-Aid. Era lì in piedi a guardare le spade di plastica, e quando ha alzato lo sguardo verso di me, ho tirato fuori la spada e ho fatto un cenno del capo, come se andiamo. Ero dall'altra parte del corridoio, quindi corriamo l'uno verso l'altro e facciamo un grande swing. Quando le spade si unirono e si frantumarono in mille pezzi. Voglio dire, sono esplosi. Ha uno sguardo di totale shock. Comincia a guardarsi intorno e io gli ho dato un, non ti preoccupare, li pagherò io. Penso che fossero circa 3 dollari ciascuno. Sua madre non se ne accorse mentre stava controllando. Adesso deve avere 30 anni. È stato divertente.

Crediti immagine: FutureManagement4504

Il dottor Stolk spera che l'esempio del barista mostri che la conversazione è prima di tutto una sfida di allineamento, "che richiede alle persone di cercare continuamente e fornire prove per la loro comprensione reciproca mentre si muovono attraverso argomenti espandendo il loro contesto condiviso". Pertanto, pensa che una buona conversazione sia quella in cui le persone riescono a fare esattamente questo.

E si spera che alcuni di questi esempi non così buoni non ti scoraggino dal metterti in gioco. In una serie di studi intitolati "Ricerca erroneamente la solitudine", i ricercatori Nicholas Epley e Juliana Schroeder hanno chiesto ai pendolari dell'area di Chicago di avviare una conversazione con qualcuno vicino a loro sull'autobus o sul treno. I partecipanti che hanno seguito questa istruzione si sono sentiti meglio di quelli a cui era stato detto di stare in piedi o sedersi in silenzio.

Epley e Schroeder hanno affermato che quando evitiamo interazioni casuali con estranei, è spesso a causa di un'ansia fuori luogo che potrebbero non voler parlare con noi, ma a quanto pare molte persone sono in realtà perfettamente disposte a fare una chiacchierata e potrebbe anche piacere ricevere la nostra attenzione.

#4

Nessuno nella mia famiglia voleva cavalcare le montagne russe degli Aerosmith Rock 'n' Roller con me, quindi sono andato da solo e mi sono seduto accanto a un ragazzo che non parlava inglese. Sapevo in anticipo che ti avrebbero scattato la foto mentre la corsa decolla, quindi ho fatto una smorfia (pugno di roccia, lingua fuori). Alla fine della corsa, io e il mio compagno di viaggio siamo andati a guardare la nostra foto e sorprendentemente, all'insaputa dell'altro, abbiamo fatto entrambi la stessa faccia e lo stesso gesto. Abbiamo riso entrambi quando l'abbiamo visto. Mi ha detto qualcosa che non capivo, mi ha abbracciato e ci siamo separati. Penso ancora a lui 6 anni dopo.

Crediti immagine: Vari Gnomi

#5

Lavora come infermiera in una casa di cura, sobborgo di Boston. Un giorno uno dei miei residenti riceve la visita di due anziani. Uno è suo amico, l'altro un estraneo per lui, che ha dato un passaggio al suo amico (avevano 90 anni e solo uno di loro guidava). L'autista ha iniziato una conversazione con me mentre il suo amico ha visitato con il suo amico. Mi ha chiesto da dove venivo, genitori, nonni. Gli ho detto che mia madre era originaria di Dorchester Boston. Mi ha chiesto quale parte. Ho detto zona della stazione di Ashmont, Ocean Street. Mi ha chiesto se il nome di mio nonno era Hugh. Gli ho detto di sì e il cognome di mio nonno. Poi ha chiamato tutti i miei zii e zie, comprese le mie madri, e mi ha chiesto chi fossi. Si scopre che quest'uomo, che ha portato il suo amico in campagna a far visita a un amico morente, era il socio in affari di mio nonno (che non ho mai incontrato). Mio nonno era morto circa 15 anni prima. Che piccolo mondo. Non vedevo l'ora di tornare a casa dal lavoro per chiamare mia madre e informarla che ho incontrato Saul Goldman. (Ricordava lui e la sua famiglia con affetto). Mi ha reso felice di essere vivo. So che gli è piaciuto anche incontrarmi. Era come se sia io che lui, mio ​​nonno fosse tornato vivo per pochi minuti, proprio in quel momento.

Crediti immagine: Brave_Career4429

confoozulment, che ha creato questo post per noia mentre erano seduti nella loro stanza, ha detto a Bored Panda che pensano che, come con la maggior parte delle cose nella vita, la pratica rende davvero perfetti, e se qualcuno vuole avere conversazioni migliori, dovrebbe continua così.

Questo sembra essere molto vero. Secondo Gillian Sandstrom, Ph.D. e docente senior nel dipartimento di psicologia dell'Università dell'Essex, c'è una certa abilità, ma soprattutto socializzare è una cosa di fiducia che deriva semplicemente dal farlo più spesso.

Per incoraggiare le persone a farlo, ha anche condotto un seminario per le persone che volevano imparare come migliorare nel parlare con gli estranei e ha chiesto ai partecipanti informazioni su quelle conversazioni, sia prima che dopo che si verificassero.

I risultati hanno rivelato che sia prima che dopo la conversazione, le persone pensavano che avrebbero trovato i loro partner interessanti ma non pensavano che il loro partner li avrebbe trovati interessanti in cambio. Tuttavia, la parte bella è che Sandstrom ha riferito che "quasi tutti dicono che le conversazioni sono andate molto meglio di quanto pensassero".

#6

Ero a Boston una sera con gli amici e ho iniziato a cantare mostrandomi la strada per tornare a casa. Una ragazza dall'altra parte della strada, camminando nella direzione opposta, ha cantato con me ogni strofa per più di un isolato e mezzo. Eravamo piuttosto rumorosi prima di finire.

Crediti immagine: Boxdog

#7

Ero a Busch Gardens in Virginia, forse 9 anni, quando un uomo anziano si avvicinò a me e mi diede una banconota da 1 milione di dollari con la sua faccia sopra. ce l'ho ancora

Crediti immagine: LeoTiroxina

confoozulment pensa che ci sia anche una forma di libertà nel parlare con persone che non conosci. Ti rendi conto che la posta in gioco non è così alta. "Quando sono dei perfetti sconosciuti, praticamente il peggio che puoi fare è provare un po' di imbarazzo e poi non vederli più", hanno detto.

Il dottor Stolk ha convenuto che radicarsi è una delle cose migliori che puoi fare in tali scenari. "La consapevolezza del fatto che il linguaggio è intrinsecamente ambiguo (le parole possono avere un numero di – in effetti, infiniti – significati) e che il successo di una conversazione dipende da qualcosa di più dell'esordio, può aiutare a minimizzare il peso percepito del primo parole e conseguenze per la propria immagine di sé, abbassando nel complesso la soglia per avvicinarsi a estranei", ha aggiunto.

#8

Avevo circa 16 anni (F) all'epoca e al centro commerciale con i miei due amici. Ci siamo lasciati nella food court e mentre stavo camminando senza meta cercando di raccogliere cibo, qualcuno mi ha urtato da dietro. Ho pensato che fossero i miei amici, ma quando mi sono girato, mi è stato consegnato un BAMBINO da un uomo che non avevo mai incontrato. Poi si è allontanato verso una donna e hanno iniziato a ridere. Sembrava che mi stesse fotografando con il suo telefono. Parlavano in una lingua che non riconoscevo e continuavano a indietreggiare più lontano mentre mi guardavano e ridevano quasi come se cercassero di farmi seguire. Per tutto il tempo tengo in braccio uno strano bambino nel mezzo della food court del centro commerciale, troppo stordito per muovermi. Dopo quelle che sembravano ore, ma forse un minuto o giù di lì, i miei amici si sono avvicinati a me molto confusi e spiegavo perché avevo un bambino. Prima ancora che potessi pronunciare una parola, l'uomo e la donna corsero, presero il bambino e se ne andarono. 11 anni dopo non ho ancora spiegazioni.

Crediti immagine: olivebean217

#9

Sono canadese, quindi tienilo a mente… (anche pre-covid)

Ho comprato un caffè e un pacchetto di biscotti e mi sono seduto fuori su una panchina per godermi la giornata estiva. Mi sono seduto su un'estremità e ho messo le mie cose in mezzo alla panchina.

Un altro ragazzo si è seduto all'altra estremità della panchina e ha posato le sue cose. Poi ha aperto i miei biscotti e ne ha mangiato uno.

Ero sorpreso.

Mi sono avvicinato, ho preso un biscotto e l'ho mangiato. Mi guardò acutamente, poi, mantenendo il contatto visivo, allungò la mano e prese un altro biscotto e lo mangiò.

Sono stato di nuovo sorpreso e sono sicuro che si è mostrato sul mio viso.

Ho allungato la mano e ho preso un altro biscotto e l'ho mangiato, innaffiandolo con il caffè. Ha fatto lo stesso.

Continuammo su quella strada, mangiando ciascuno un biscotto e fissando l'altro.

Quando ho mangiato l'ultimo biscotto mi sono alzato e ho raccolto le mie cose. Fu allora che vidi il pacchetto di biscotti non aperto sotto il mio cappotto.

Crediti immagine: DeeperSea1969

# 10

Ero all'ultimo anno delle superiori e stavo aspettando un autobus al centro commerciale vicino alla mia scuola. Ci sono andato molto all'ultimo anno per rilassarmi. Ho sempre tenuto le cuffie dentro in modo che nessuno mi parlasse perché sono dolorosamente timido e goffo. Quel giorno, un uomo mi ha toccato e mi ha fatto segno di togliermi le cuffie. Sono stato colpito da quanto fosse audace questo da parte sua e non sembrava strano, quindi ho obbligato. Mi salutò e mi chiese se avevo un momento per parlare del signore ☠️

Ora, io non sono affatto una persona religiosa. Non credo in Dio proprio come fanno le altre persone che leggono la Bibbia. Né so molto della Bibbia. Tuttavia, di solito lascio che queste persone mi parlino se non ho niente di meglio da fare perché mi piace sentire le idee degli altri. Questo ragazzo mi dà l'intero riassunto di un passaggio della Bibbia, cosa significa, facciamo una piccola preghiera, e poi mi aspettavo che dicesse oh vieni nella mia chiesa. Questo è ciò che di solito accadrebbe, perché di solito è lo scopo di queste interazioni.

Tuttavia, quest'uomo mi guarda negli occhi e dice "Sono venuto a parlarti oggi perché vedo che stai attraversando un momento difficile. Se ti senti a tuo agio, mi piacerebbe sapere il tuo nome in modo da potermi posso aggiungerti alla mia preghiera quotidiana». Sono rimasto colpito da questo perché in realtà stavo attraversando probabilmente il periodo peggiore della mia vita finora. Ho obbligato di nuovo e gli ho dato il mio nome. Quindi tira fuori un taccuino (di dimensioni standard, a righe universitarie) che gira quasi fino alla fine e scrive il mio nome. Quest'uomo aveva un intero libro pieno di migliaia di nomi (non sono bravo in matematica, quindi potrebbe essere un'esagerazione) che ha detto di aver incluso nella sua preghiera quotidiana. Ha detto che era importante avvicinare le persone che vedeva in difficoltà e includerle nella sua preghiera. Era molto consapevole che non avrebbe mai più rivisto queste persone, visto che viaggiava molto, ma voleva sempre essere sicuro che fossero riconosciuti dal Signore (qualcosa del genere).

Ha continuato dicendo che non gli importa se credo in Dio, o se vado in chiesa o altro. Voleva solo prendersi il tempo per mostrarmi che lui come essere umano voleva aiutarmi nel modo in cui riteneva fosse il migliore, che in questo caso era attraverso la preghiera. Dopo è arrivato il mio autobus e ci siamo separati. Continuo a non credere in Dio o altro, ma questo mi è sembrato strano in una sorta di modo salutare. Strano perché non so come sapeva che stavo lottando. La maggior parte delle persone che mi conoscevano in superficie o che mi vedevano giorno per giorno in quel momento che mi conoscono meglio ora hanno detto che non sapevano che stavo lottando. Ad essere onesti, ho fatto del mio meglio per nascondere le mie emozioni a chiunque non fossi vicino. Tbh, quell'interazione mi ha lasciato chiedendomi se forse quel tizio fosse una specie di sensitivo. Potrei anche essere più facile da leggere di quanto penso. Penso che sia stato carino da parte sua, però, mi ha sicuramente fatto sentire un po' positivo in un momento molto buio.

# 11

Era a un convegno dell'orrore. Mia moglie e due amici che abbiamo incontrato alla truffa erano all'after party. È stato un evento all'aperto nella piscina dell'hotel con una band death metal e Sid Haig che serviva da bere alla gente con i soldi andati in beneficenza.

Stavamo solo ridendo e scherzando quando all'improvviso un uomo più anziano è entrato nella nostra conversazione. Ha iniziato ridendo per la storia di cui stavamo parlando e ci siamo tutti fermati a guardare questo tizio.

Questo ragazzo era vestito a festa in tutto viola. Un abito viola spogliato, un bastone viola e un cappello a cilindro viola con nastri. La sua barba bianca era tinta di viola così come i suoi baffi. Indossava guanti viola, pantaloni eleganti viola e scarpe viola. E questo non era un cosplay economico: erano vestiti dall'aspetto dannatamente costoso.

Immediatamente siamo affascinati da lui. Lo abbiamo accolto nel circolo. Si è presentato come "Mr. Purple". e che era "curiosi di sapere cosa stava succedendo alla festa". Apparentemente non aveva idea che fosse in corso una convention dell'orrore – che era solo da qualche parte nelle vicinanze e ha visto l'after party e ha deciso di passare.

Non era strano o sgradevole. In realtà era piuttosto gentile, gioioso e divertente con cui parlare. Non ha mai capito chi era o cosa faceva o perché era viola; ma abbiamo appena parlato con tutti noi mentre continuavamo a condividere storie. Alla fine ha alzato il cappello e ci ha ringraziato per aver chiacchierato con lui prima di partire. Non lo abbiamo visto per il resto della festa.

Non ti dimenticherò mai, signor Purple. Chiunque tu sia.

Crediti immagine: Videowulff

# 12

Stavo studiando in una biblioteca universitaria quando vedo il ragazzo seduto accanto a me girare la testa per guardarmi per un momento di troppo. Mi giro a guardarlo e lui allunga il braccio e mi offre dei cheetos. Lo rifiuto gentilmente ed entrambi torniamo a studiare, non fa più alcun tentativo di interagire con me.

Avanti veloce di alcuni mesi, sto tornando al mio stato d'origine da uno stato completamente diverso a 3 ore di distanza su un autobus con posti assegnati. È relativamente vuoto a parte forse altri 10 max tutti in aree casuali del bus. Mi sto facendo gli affari miei quando il ragazzo davanti a me si alza in ginocchio sul sedile e si gira verso di me. È lo stesso ragazzo della biblioteca. E cosa fa? Stendi il braccio e offrimi cheetos.

Crediti immagine: ThrowRARAw

# 13

A Portland OR stavo camminando nel Pearl District intorno alle 7:00, ero l'unico che camminava sul mio lato della strada e un ragazzo che camminava dall'altra parte dall'altra parte è passato e mi è venuto *dritto verso di me*. Ho tolto le cuffie quando l'ho visto arrivare e ho pensato "oh, non può essere buono" e poi mi ha chiesto molto intensamente,

"**TI PIACE L'X-MAN WOLVERINE**?"

Mi ha colto di sorpresa ma ho risposto "uh, yeah?" e stese la mano per stringerla e disse:

"**Ciao, sono Wolverine**."

Questo era un tizio bianco biondo e ben rasato, di circa 6'1" 150 libbre con le nocche rotte, e mentre si presentava come amichevole * non stava * cercando di fare una battuta sulla sua identità. Credeva in quello che stava dicendo. Quindi Ho appena rotolato con esso e ho detto "Oh bello amico, piacere di conoscerti. Sì, non ti riconoscevo senza il costume." Abbiamo parlato per un secondo e poi ho fatto la cosa della balbuzie e quando me ne sono andato gli ho detto di stare attento a Magneto.

Crediti immagine: rabbiddutchman

# 14

Sono appena arrivato a un festival musicale alle Isole Faroe nel 2005 con i miei amici e questa ragazza che non avevo mai visto prima mi salta al collo, mi dà un bacio sulla guancia e mi augura un buon compleanno prima di scappare nella notte, controlla il mio telefono ed è letteralmente appena scoccata la mezzanotte del mio 21esimo compleanno.

Crediti immagine: SigurVid

# 15

Lavoro in un ospedale al terzo piano. Una sera stavo lavando i piatti nella stanza del caffè, il lavandino è vicino a una finestra. Si stava facendo buio e io guardai fuori dalla finestra, e esattamente nello stesso momento una donna dall'altra parte della strada guardò verso la mia finestra. Decisi di salutare e, mentre alzavo la mano, lei alzò contemporaneamente la sua. Entrambi ci siamo fatti una piccola risatina e siamo andati avanti con le nostre vite. Il tutto è durato circa 5 secondi, ma ci penso ancora.

Crediti immagine: Nim2019

#16

Ero in una panetteria nella mia piccola città degli Stati Uniti, quando il pasticcere era a bocca aperta e mi fissava. Mi ha detto che veniva dalla Germania e che somigliavo a sua figlia, anche i miei occhiali erano gli stessi. Pensava che sua figlia fosse venuta dalla Germania per farle visita. Mi dispiace deluderti e ancora di più non aveva una foto da confrontare.

Crediti immagine: iamnobodytoo

#17

Ero in un negozio di alimentari e mi è capitato di essere nel reparto gelato/dolci surgelati. Mentre stavo camminando, questo tizio a caso si è avvicinato a me e si è offerto di comprare un gallone di noci pecan e gelato alla crema (o qualcosa del genere) per me?? Ho detto di no, ma ha continuato a insistere e poi ha parlato di quanto amasse il gusto del gelato. A quanto pare l'ha mangiato tutti i giorni da quando aveva 20 anni (ha detto che ne aveva 70) e vuole un giorno formare una religione basata sul gelato in cui ogni mercoledì si riuniscono in cerchio e mangiano un gallone ciascuno??

Crediti immagine: Natsuki111

#18

Ero in uno spogliatoio per lo più vuoto in una piscina, un uomo anziano a caso si è avvicinato a me e mi ha chiesto: "Vuoi un sottaceto?" Ho risposto di no e lui ha risposto: "Che ne dici di un nichelino?" Ha proceduto a darmi un nichelino. Molto strano.

Crediti immagine: Ridemooses

# 19

Due che sono successe alla mia migliore amica, anni fa.

1. Sta attraversando il campus e un tizio gli si avvicina, tenendo in mano un Twinkie scartato. Lo avvicina al viso del mio amico e dice: “Guardalo! Guardarlo! PUOI VEDERE I CONSERVANTI!”

2. È nel bagno degli uomini nell'edificio di fisica dopo un seminario di astronomia. Un tizio entra e si mette accanto a lui all'orinatoio, lo fissa e dice: “La Terra è piatta. Lo sai che lo è.

E uno che è successo a me.

Sono in un ristorante a Washington DC, a mille miglia da casa. È la mia prima volta in Distretto, mangio da solo, quindi decido di sedermi al bar invece di prendere un tavolo. Un uomo della mia età si siede accanto a me, in qualche modo riusciamo a parlare, e per farla breve, mia madre era una delle damigelle d'onore di sua madre e io ho preso il nome da suo nonno.

Crediti immagine: krisalyssa

# 20

Ero sul sedile posteriore dell'auto del mio amico, un amico alla guida e uno sul sedile del passeggero. A un incrocio un camion si ferma accanto a noi e con l'accento da fumatore più del sud degli Stati Uniti dice fuori dal finestrino: "Ehi ragazzo! Cosa sai?" E il mio amico ha risposto "So molte cose, cosa sai?" E questo pazzo, senza perdere un colpo, ha detto "due più cinque fa nove e il crimine è illegale solo se vieni catturato, quindi ubriaco guida in sicurezza. Divertiti!" E poi accelerò, sincronizzando perfettamente la luce in qualche modo in modo che diventasse verde quando finì la frase. Sembrava uscito da un sogno febbrile.

Crediti immagine: FermentedPickles

#21

Guy indossava il mio stesso vestito. Come le stesse scarpe, lo stesso jeans colorato, la stessa felpa e persino lo stesso cappello. Non sarebbe stato sorpreso se avesse avuto la stessa biancheria intima. Ma è stato sicuramente il più grande problema tecnico nel momento Matrix che abbia mai avuto.

#22

Ho già condiviso questa storia, ma una notte di Capodanno, io e un mio amico eravamo fuori da un negozio di liquori. Entrambi eravamo minorenni, ma un altro nostro amico aveva 21 anni, quindi stava comprando l'alcol per la notte.

Stavo fumando una sigaretta e con la coda dell'occhio ho visto un uomo avvicinarsi. Sembrava un senzatetto e ho pensato che volesse una sigaretta o qualche spicciolo. le prime parole dalla sua bocca furono: "Buon anno nuovo signori, come state?" Entrambi abbiamo detto che eravamo bravi e abbiamo commentato quanto fosse bello. Anche se era pieno inverno, quell'anno a Chicago non faceva così freddo.

Rise e disse: "Sì, anche io. Avete dei progetti?" Gli abbiamo detto che ci saremmo incontrati con alcuni amici dopo che il nostro amico fosse uscito dal negozio. Sorrise e disse: "Bene, adesso siete al sicuro. Io, mi sono procurato uno spinello dai messicani al negozio di auto. Andrò al mio posto nel vicolo, fumerò, spegnerò il mio cartello quando avrò non voglio nessuno in giro, *non disturbare il topo in buca*. Allora lo sanno, questo è il condominio e mi lasciano in pace."

Il mio amico ed io ci siamo guardati l'un l'altro subito dopo che lui l'ha detto. Eravamo entrambi scrittori e abbiamo immediatamente riconosciuto quanto fosse meravigliosamente strano quello che aveva appena detto. Ho chiesto se voleva una sigaretta, ma ha rifiutato dicendo: "Nah, grazie".

Il nostro amico è uscito dal negozio a quel punto e gli abbiamo detto che dovevamo andare. Ci ha stretto la mano e quella dell'altro nostro amico e ci ha detto di nuovo di stare al sicuro. Mentre ci allontanavamo, lo sentimmo gridarci: "Felice anno nuovo!"

Non ha mai chiesto un cambio o una sigaretta e ha persino rifiutato la mia offerta di averne una. Voleva solo parlare con noi, cosa rara a Chicago. Non voleva niente, ma mi ha raccontato un aneddoto e una frase che mi accompagna da anni; *Non disturbare il topo nella buca.*

Crediti immagine: -eDgAR-

# 23

Una donna che chiaramente non era sana di mente in un macdonald mi ha detto con profonda e seria certezza che non dobbiamo mangiare i fichi perché sono il frutto del diavolo.

Il giorno prima avevo visto un documentario sulla natura e le avevo spiegato in dettaglio l'anatomia di un fico (che in effetti è un fiore) e il ciclo vitale delle vespe e come usano i fichi a loro vantaggio.

Era molto confusa.
Poi si voltò e andò a cercare qualcun altro che si preoccupasse di non mangiare il frutto del diavolo.

Crediti immagine: anon

#24

nel negozio del dollaro vicino all'Hollywood Theatre di Portland Oregon, (è come 20 miglia da casa mia) stavo comprando una bibita quando ho visto un ragazzo con una giacca da "veterano del Vietnam". io, essendo il m**********r patriottico che sono, ho detto che ho apprezzato il suo servizio. poi ha detto "saranno $ 100". pensavo stesse scherzando. lui non era. non avevo $ 100, e gli ho detto tanto. ha detto "beh, dammi tutto quello che hai". gli ho dato cinque centesimi, perché porto con me solo ciò di cui ho bisogno per comprare cose, e questo è stato il cambiamento. si è allontanato senza ringraziarmi. era strano come l'inferno.

Crediti immagine: the_hentai_merchant

#25

Ai fini di questa storia, il mio nome è "Buster".
Stavo visitando mio fratello che all'epoca viveva in una città abbastanza grande. Viveva in una residenza cittadina in mezzo a un mucchio di altre case a schiera che sembrano tutte identiche. Sono arrivato in ritardo su un volo molto in ritardo e sono arrivato lì da solo. Mio fratello mi ha lasciato la porta aperta in modo che potessi entrare senza svegliare la sua famiglia.

Sono esausto quando arrivo, apro la porta e comincio a salire le scale. La porta in cima alle scale si apre e immagino sia mio fratello quello che ho svegliato. Sento una voce che grida "Buster, torna indietro! TU RESTI LÌ!" lo urla un paio di volte e accende le luci. Comincio con un uomo sulla settantina in mutande, terrorizzato, e un cagnolino che abbaia sta cercando di attaccarmi. Sono terribilmente confuso su chi sia questa persona, perché è a casa di mio fratello e perché conosce il mio nome e mi sta urlando.

Dopo qualche istante di scambi mi viene in mente che mio fratello non ha un cane e che sta urlando contro il cane, di nome Buster, e che sono entrato nella casa sbagliata. Cerco di inciampare e scusarmi e indietreggiare. Mio fratello era piuttosto divertito da tutto questo, ma mi sentivo orribile per aver spaventato quel ragazzo.

#26

Non sono sicuro che questo sia il più strano ma fresco nella mia mente. Ho comprato una Honda Odyssey per l'auto di famiglia. Un ragazzo mi ha fermato in un parcheggio, forse tra la metà e la fine degli anni '50, mi ha chiesto se volevo entrare nel suo club dell'odissea. Poi ha continuato a dirmi che è più una setta e che non posso avere alcun reato, ma devo essere disposto a commetterne uno. Stava chiaramente scherzando su questo, ma sul serio sul club. Mi rammarico di non aver saputo di più, ma all'epoca ero così confuso.

Crediti immagine: treetreetwigbranch

#27

Entrando nella mia stanza d'albergo. (Questo era come un hotel, ero a corto di soldi e avevo solo bisogno di un posto dove stare per un paio di notti.)

Al telefono con mio marito, un ragazzo si avvicina a me mentre estraggo la mia chiave magnetica. Fa un cenno a se stesso e alla porta, in un modo tipo "posso entrare".

Dico "No" e lo guardo, lui resta fermo, poi si allontana di qualche passo. Penso stupidamente che abbiamo finito, apriamo la porta e lui si fece avanti per entrare con me. Sbatto la porta senza entrare e lo prenoto giù per le scale fino alla reception.

Se non fossi stato al telefono, distratto e stanco, non gli avrei mai permesso di avvicinarsi così tanto a me. Cosa sarebbe potuto succedere ma non è successo? Proprio così strano.

Crediti immagine: darkest_irish_lass

#28

Alcuni mi rimangono in mente, ma questo non l'ho mai capito.

Sono in un trafficato incrocio del centro, in un sabato soleggiato, in attesa che il semaforo attraversi. Il ragazzo accanto a me inizia a fare chiacchiere. Molto loquace. Abbiamo aspettato un bel po' per la luce per… qualche motivo che non ricordo… quindi è stata una chiacchierata.

Ha fatto alcune osservazioni insolite chiedendomi della mia etnia (piuttosto accurate). Poi è stato lui a raccontarmi la storia della sua vita, di punto in bianco.

Ok, forse è iperattivo per qualche motivo. Mi ero appena trasferito in città da una zona più rurale, quindi sono stato educato e non l'ho allontanato con una gomitata. Non sono sicuro se forse avrei dovuto. La sua storia su se stesso è stata un po' memorabile perché ha coinvolto alcuni giramondo e alcuni altri dettagli casuali.

Non ci ho pensato più dopo aver attraversato la strada e ci siamo separati.

Poi un paio di mesi dopo sono in un centro commerciale del centro. Lo stesso ragazzo si avvicina a me, dal nulla, e ricomincia a chiacchierare con me. L'ho interrotto e gli ho detto "Sì, mi ricordo di averti incontrato prima", e ho ripetuto la divagazione sulla storia della vita che aveva fatto prima. A quel punto fa un atto di scomparsa.

Non ho idea fino ad oggi di cosa si trattasse. Solo strano.

Crediti immagine: anon

#29

Una donna di mezza età dall'aspetto gradevole si è avvicinata a me su un autobus, si è seduta accanto a me e poi mi ha detto in un sussurro "i miei denti stanno cercando di uccidermi". E poi si è seduto in silenzio.

Crediti immagine: Worldly_Salamander_

#30

Io e la mia famiglia stavamo viaggiando attraverso il paese e ci siamo fermati in questa piccola caffetteria rurale per pranzo. La cameriera è venuta a prendere il nostro ordine, mi ha dato un'occhiata e ha detto “Ehi Kim, come sta tua madre? Ho detto "Mi dispiace, penso che mi stai scambiando per qualcun altro, non vivo da queste parti e non sono Kim". Continuava a insistere sul fatto che stavo solo scherzando e prendendola in giro. Questo è andato avanti per un po' di tempo, fino a quando ho dovuto convincerla con la mia patente di guida che non ero la persona che lei conosceva. È rimasta sbalordita e ha detto che potevo essere gemella di questa persona che conosceva, dato che assomiglio esattamente a Kim, parlo come Kim, tutto.

Crediti immagine: Chinooki

(Fonte: Bored Panda)